12 Commenti

Boom di richieste da Cremona per adottare i beagle, a Montichiari due veterinari cremonesi

beagle-cremonesi-adottati

Nelle foto, l’arrivo a Roma del treno “Italo” con i primi beagle adottati

Sono numerosi, nell’ordine delle decine, i cremonesi che hanno fatto richiesta di adozione dei beagle dell’allevamento di Montichiari, animali destinati ai laboratori di sperimentazione. Le domande, inviate soprattutto da giovani, sono arrivate via email alla sezione di Cremona della Lega nazionale per la difesa del cane presieduta da Rosetta Facciolo. Oggi stesso la presidente nazionale Laura Rossi è stata chiamata a Montichiari per aiutare nell’organizzazione delle adozioni. I primi giorni della prossima settimana, invece, saranno presenti, come da richiesta, anche due veterinari cremonesi in rappresentanza della Lega per la difesa del cane a cui spetterà il compito di valutare lo stato di salute degli animali. I cuccioli sequestrati dalla Forestale all’allevamento di Green Hill sono complessivamente 2.400, di cui il 50 per cento cuccioli da 3 a 8 mesi, e i restanti cani adulti fino a 3 anni e molte femmine gravide. Dopo il sequestro la procura di Brescia ha affidato i cani a Legambiente e Lav. Per le adozioni è stata anche richiesta la possibilita’ di affidare piu’ cani alla stessa famiglia e, per limitare lo stress del trasporto, la residenza nel centro-nord. Proprio oggi sono arrivati alla stazione di Roma Tiburtina i primi beagle accompagnati da Milano a Roma da Monica Cirinna’, responsabile delle politiche animali del Pd Lazio, che ne ha adottato uno, a bordo del treno ad alta velocita’ ‘Italo’, della societa’ NTV. I beagle adulti sono un maschio e una femmina di circa tre anni, mentre i cuccioli sono una femmina e tre maschi. Gli animali saranno presi in affidamento dalle prime famiglie selezionate tra le numerose che hanno effettuato la richiesta sul sito di Legambiente dichiarando completa disposizione all’affido temporaneo e ai controlli che seguiranno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • paolo centofanti

    ‎”Oltre 3.000 richieste di affidamento per i 2.400 beagle di Green Hill”.

    Due domande da 1 milione di dollari (l’una):
    – perché non ci sono così tante richieste per i circa 230.000 cani ospitati nei canili italiani??

    – perché nessuno “adotta” di sua sponte i circa 460.000 cani randagi che vagano per le città/campagne italiane??

    Le magie dei mass media?

    Mistero.

    • elia

      aggiungo perchè non adottiamo io compreso i bimbi che muoiono di fame?? e ci facciamo commuovere dai mass media??

      • amelia

        Perchè invece di andare allo stadio, al cinema, a teatro,…non usiamo quei soldi per i bambini che muoiono di fame? Perchè tutti quelli che hanno la macchina e la usano per il tempo libero non vanno a piedi: sai quanti soldi risparmiati si potrebbero dare ai bambini che muoiono di fame? Perchè abbonarsi a sky, mediaset, e non accontentarsi dei canali gratis, devolvendo quei soldi ai bambini che muoiono di fame? Perchè non rinunciare ai cellulari evitando chiacchiere superflue e usare i soldi per i bambini che muoiono di fame? Perchè abiti e calzature firmati quando si potrebbe risparmiare molto per i bambini che muoiono di fame? Perchè i supermercati, e le nostre case, sono pieni di oggetti e prodotti di ogni tipo quando si potrebbe accontentarsi dell’indispensabile ed impiegare tutto quel denaro sprecato per i bambini che muoiono di fame? MA PERCHE’ CI SONO BAMBINI CHE MUOIONO DI FAME? Perchè NOI ci facciamo tranquillamente i fattacci nostri e ci ricordiamo di loro soltanto quando si parla di cani o gatti per uscire con le solite frasi tipo “vergognati! Dai da mangiare a un cane E CI SONO I BAMBINI CHE MUOIONO DI FAME!” Caro Elia, non si possono accomunare in questo modo, così banale e sempliciotto, due tematiche che non hanno NULLA a che vedere l’una con l’altra. Se anche da domani mattina nessuno si occuppasse più di cani e gatti i bambini smetterebbero di morire di fame? Mi sembra evidente che non è così. Piantiamola con le solite retoriche del piffero.

        • elia

          dinnanzi a tali dotte dissertazioni, mi arrendo.
          probabilmente non hai compreso che la mia critica era rivolta verso il potere immenso di suggestione dei mass media, non penso che ci vogliano doti intelletivi superiori per comprendere queste banali sfumature.

          • amelia

            Io condivido pienamente il commento di Paolo Centofanti. Il problema non è il potere dei mass media che, concordo, ha contribuito a sensibilizzare l’opinione pubblica su Green Hill (finamente!)ma tu hai fatto una osservazione fuori contesto, come purtroppo spesso accade quando qualcuno tratta questi argomenti e qualcun altro cerca di sminuirli. Non mi sembra di aver scritto “dotte dissertazioni” (sono semplicemente la cronaca della nostra realtà quotidiana)e la tua non era una sfumatura ma una delle solite chiacchiere a vanvera che contrappongono tematiche diverse.

          • elia

            Dear Amelia, I am only responsible for what i say not for what you understand!!!

          • amelia

            Io ho capito benissimo quello che hai scritto, certo non posso sapere quello che tu pensavi. A questo punto devi avere qualche problema nella comunicazione… e poi rispondendo in inglese che cosa vuoi dimostrare? Non siamo su CREMONA TODAY. Se vuoi parlare di animali o altro sono disponibile; riguardo al battibecco stile “l’é tua, l’è mia” ritengo che si possa finirla qui.

          • elia

            ok amelia buona giornata ,vedo che sei una persona saggia ,ciao

          • amelia

            Buona continuazione anche a te, ciao.

  • ANONIMO

    e vai questa volta il buon Elia s… e’ stato schiacciato. hai trovato pane per i tuoi denti e per le tue solite contraddizzioni che si sono anche questa volta accanita con dei poveri bigol.
    brava amelia

    • leo

      Quoto per l’ adozione dei cani,io li adoro,meglio gli animali a volte che gli uomini!!!!

    • elia

      Caro anonimo, tu tutta la vita vivrai nascosto, nell’anonimato perchè hai paura della tua ombra, possiedi il DNA Italico, non è certamente colpa tua, ma sappi che se anche so da molto tempo chi sei ti lascio godere, nonostante il tuo anonimato i tuoi colleghi mi hanno riferito chi sei quindi cambia nome che è meglio cosi ti divertirai di più.
      e poi dicono che in comune i dipendenti non usano internet per i c……..loro.