7 Commenti

Rifiuti, il Pd: "Comune virtuoso? Come mai la raccolta differenziata è ferma al palo?"

rifiuti-pd-attacco

C’è stato l’articolo del Sole24ore sulle spese dei Comuni (leggi l’articolo) che – secondo i dati del Ministero – metteva in settima piazza Cremona per la spesa (“all’anno 23.734 euro ogni 100 abitanti”). C’è stata la replica di Aem e Comune: “Il Ministero che ha aggregato in un unico anno  valori di competenza economica di più anni. Il Comune di Cremona remunera AEM Gestioni srl, per il servizio di raccolta spazzamento e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, solo con l’incasso della Tarsu” (leggi l’articolo). Ora, l’intervento del Pd con Alessia Manfredini e Maura Ruggeri: “Secondo il Comune ed AEM Gestioni, sui costi del servizio rifiuti, il Ministero avrebbe sbagliato i conti – dichiarano le democratiche – L’amministrazione comunale si vanta di aver lasciata invariata la Tarsu, mentre ha aumentato tutte le tariffe immaginabili, ma definirsi, oggi, un comune virtuoso sul tema rifiuti ci pare un po’ azzardato. La raccolta differenziata infatti è  ferma al palo: nel 2011 solo al 49.13%, (quando la percentuale raggiunta a  Crema è pari al 67.7% e  a Casalmaggiore al  63%), il progetto raccolta porta a porta è arenato a 11.500 cittadini contro 72.000 abitanti. meno del 15%. Il modello gestionale ed organizzativo di raccolta dei rifiuti solidi e urbani meriterebbe una sana rivisitazione:  abbiamo la quantità di rifiuti pro capite la più alta della Provincia, un  inceneritore che necessita di ammodernamento e ancora non partono i lavori per la nuova discarica”.
“ll centro destra – proseguono Manfredini e Ruggeri – aveva ostentato grande un cambio di passo sul tema che ancora però non si vede, agli annunci, anche in questo caso, stentano a seguire i fatti! A breve, pertanto, presenteremo una interrogazione per far luce su alcune questioni: Come mai da tre anni la raccolta differenziata è ferma al palo?  A che punto è l’estensione del progetto porta a porta? Quando la raccolta su tutto il territorio con sacchetti biodegradabili (mater-bi) trasparenti? Quali tempi si prevedono per l’eliminazione di tutti i cassonetti nelle strade? Quando un progetto nero su bianco dell’ammodernamento dell’inceneritore?”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • lacadillacèmegliodellachevrolet

    la raccolta differenziata dei rifiuti nel Comune di Cremona risulta vincolata alle caratteristiche del termovalorizzaore di proprietà dell’Aem Gestioni, società che si occupa della raccolta dei rifiuti in ambito urbano e della gestione dell’inceneritore. Il temovalorizatore di Cremona, strutturato su due linee in parallelo, è stato progettato per funzionare con un potere calorifico inferiore dei rifiuti ben definito. la separazione della frazione dei rifiuti biodegradabile, propria della raccolata differenziata, tenderebbe ad incrementare il potere calorifico della frazione in ingresso al termovalorizzatore, provocando disfunzioni all’impianto stesso. da ciò si deduce che un progetto serio di raccolta differenziata risulta indissolubilmente legato ad un ammodernamento dell’impianto di incenerimento. ristrutturazione resa quanto meno necessaria dai frequenti episodi di fermo dell’impianto. in occasione di questi episodi (spegnimento e accensione ) le concentrazioni degli inquinanti in uscita dall’impianto risulano molto superiori ai periodi di normale funzionamento del sistema. a causa della natura eccezionale degli episodi la normativa non prevede limte di concentrazione alle emissioni in tali transitori di funzionamento. come termine di paragone l’inceneritore di Brescia “incappa” in episodi di spegnimento dell’impianto mediamente 1 volta l’anno. per valutare l’efficenza e l’efficacia del temovaloritore di Cremona sarebbe interesante conoscere il numero di episodi complessivi di spegnimento dell’impianto negli ultimi tre/cinque anni. recentemente ho appreso che lgh ha investito milioni di euro per acquistare una discarica in Puglia e realizzare un impianto di produzione di enegia eletrica partendo dalla biomassa legnosa – legno trattato e vergine. consideto quanto affermato in precedenza mi chiedo se questi soldi non potevano essere spesi anni fa per migliorare il funzionamento del termovalorizatore

  • marco

    Ho seguito recentemente un documentario alla tv nel quale si affermava che negli inceneritori le famigerate diossine vengono in buona parte distrutte in quanto le temperature di esercizio risultano superiori ai 1200 °C. Ciò vuol dire che durante i frequenti periodi di accensione e spegnimento dell’impianto di Cremona questo meccanismo di riduzione viene meno?

  • Cristina

    abito in una zona in cui c’e’ la raccolta porta porta……ma scusate allora cosa sto li a separare a fare se poi non c’e’ dietro la struttura giusta? e poi e’ gia’ un bel che sperimentiamo o lo facciamo tutti o nessuno!!! ma perche’ Cremona deve essere sempre cosi’ indietro?

  • MaryPoppins

    Rifiuti, il Pd: “Come mai la raccolta differenziata è ferma al palo?”
    Visti i consigli di amministrazione delle partecipate del Comune, direi che in città il riciclo funziona benissimo…

  • Aggiungo che non si può perseguire la raccolta differenziata (obbligo di legge entro la fine di quest’anno il 65% in ogni Comune!)se si deve alimentare l’inceneritore….La questione dell’ammodernamento dell’inceneritore, 80 milioni di euro, più altri 10 milioni per la discarica di ampliamento di Malagnino, più altri 10 milioni di manutenzione discarica di Malagnino chiusa lo scorso 31 agosto, più i certificati verdi e bianchi che vengono sottratti alle vere rinnovabili…..più il solo 35% di efficienza dell’inceneritore (elettrico e termico)…non vi sembra un quadro decisorio di scelte politiche anacronistiche e antieconomiche oltre che in contrasto con la direttiva UE, comprese ultime sentenze che espressamente vietano l’incenerimento di rifiuti recuoerabili???? Il dibattito da aprire è molto più profondo: i rifiuti sono risorse! Vi invito a leggere il Comunicato sottoscritto da alcuni amministratori di Comuni inviato a tutti i Sindaci e Consigli Comunali per aprire un serio e aperto confronto, valutando una proposta concreta e fattibile (che già altri hanno percorso almeno un decennio fa)! Potete leggerlo anche su http://www.insiemesicambia.com

  • kunta

    come ha scritto benissimo Marypoppins, e lo sottoscrivo in pieno, il PD è ridicolo: solo da 3-4 anni che è all’opposizione, prima che ha fatto? poco più di niente, come sta facendo adesso l’attuale giunta agricolPerri.

    Il riciclo è avvenuto solo per le poltrone, lo stesso Magnoli ha fatto outing.

    Per cui ben vengano voti estremi dei grillini e dei dipietristi, che non combineranno nulla ma almeno smuovono quella melma che sta coprendo Cremona da troppo tempo.

  • mario

    BRAVI SOLO NELL’AUMENTO BOLLETTE SENZA RISCONTRI OGGETTIVI