10 Commenti

Il rock d'impatto dei Marlene Kuntz all'Arena Giardino

kunz-4

foto Francesco Sessa

Concerto di forte impatto all’Arena Giardino. I Marlene Kuntz, band di Cuneo, hanno aperto il loro mini tour a Cremona in occasione del Festival di Mezza Estate. Una serata di rock italiano che ha spaziato da Ape regina a Cometa, da Malinconia a Quasi, fino a Impressioni di settembre della Premiata Forneria Marconi e a Ineluttabile. Una serata d’esordio di tutto rispetto che ha riportato alla mente la carica messa nel concerto tenuto dalla band nove anni fa al Cremona Rock Festival.

LA NOTA DEGLI ORGANIZZATORI IN RISPOSTA AI COMMENTI

“In merito ai commenti postati da alcuni lettori di cremonaoggi.it sul numero di spettatori presenti al concerto dei Marlene Kuntz di martedì 31 luglio all’Arena Giardino, per correttezza e trasparenza l’organizzazione del Festival di Mezza Estate precisa che i presenti sono stati 520, come da modello C1 depositato presso la Siae”.

Galleria fotografica di Francesco Sessa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Enrico

    ma il pubblico? quanti erano 200/300 spettatori?

    • Edmond Dantès

      eh purtroppo non facendo pezzi di Ligabue o Vasco o With or without la gente non viene, a Cremona funziona così

      • Enrico

        vero…domanda imbarazzante la mia 😉

      • Andrea

        Il pubblico di riferimento di questa sorta di “artisti” penso sia individuabile essenzialmente in coloro che frequentano i centri sociali o l’arci. Forse anche una minuscola porzione dei giovani delle feste dell’unità/pd può piacergli quella sorta di “musica”.
        E’ chiaro però che se l’evento è programmato in un periodo estivo con varie feste di arci o rifondazione sul territorio, si fa diretta concorrenza. E poi, in queste ultime, almeno c’è anche la cucina.

        • Edmond Dantès

          Guarda io non ho mai messo piede all’Arci nè tanto meno in un centro sociale, così pure tanti altri presenti…

          • Gianluca

            scusa Edmond ma il io commento era in risposta ad Andrea: un commento veramente senza senso e senza nessuna logica. La dimostrazione che al mondo c’e’ gente senza cervello.

        • Gianluca

          Mamma mia che commento imbarazzante…… ma da dove esci?

          • Edmond Dantès

            Non vedo niente di imbarazzante… C’è stato un fraintendimento: non era niente di politico o altro! Intendevo che non è vero che il pubblico dei MK è composto principalmente da persone che frequentano Arci o centri sociali, tutto qua!

  • Enrico

    tornando a bomba e forse potrò incuriosire qualcuno: con soli 200/300 spettatori chi paga le spese della serata?

  • Elisa Orlandotti

    200 o 300 paganti non è male visto il periodo. Io cono cremonese, ma vivo a milano da anni. e anche qui va così, ogni concerto è una scommessa e non si sa mai quanta gente può attirare. è la scommessa che si gioca il promoter di tasca sua o coperto da sponsor che hanno un ritorno in visibilità (che c’è già al momento in cui escono i cartelloni con i programmi e dura fino a dopo la chiusura della manifestazione con gli ultimi articoli).
    grazie al cielo comunque esistono questi momenti di cultura!
    comunque da quando è stato pubblicato Uno il vero pubblico di riferimento dei MK sono adolescenti colti (i cs e l’arci erano forse adatti ai primi due album).