Commenta

In Comune in arrivo piano di conciliazione tra famiglia e lavoro

piano-conciliazione-famiglia-lavoro

L’Assessorato alle Pari Opportunità e alla Famiglia del Comune di Cremona ha partecipato e vinto la selezione a livello nazionale per la sperimentazione del percorso “Family Audit”. Lo standard Family Audit, è uno strumento di management che consente alle organizzazioni di sviluppare, attraverso una logica di partecipazione e di coinvolgimento dei lavoratori, una migliore conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa. Il processo di auditing e re-auditing mira, infatti, all’attuazione di politiche “aziendali” che, poste in atto volontariamente da enti pubblici e privati, favoriscano l’adozione e la diffusione di specifici piani di azione gestionale delle risorse umane e strumentali e realizzino concreti ed efficaci metodi di conciliazione tra le esigenze familiari e di lavoro.
La certificazione familiare aziendale è sostenuta dalla Presidenza del consiglio dei ministri, Dipartimento per le politiche della famiglia e la Provincia autonoma di Trento, Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili.
La Provincia autonoma di Trento – Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili dopo un’iniziale sperimentazione, ha definitivamente adottato lo standard Family Audit nel 2010. Nel corso della Conferenza nazionale della famiglia tenutasi a Milano nel novembre dello stesso anno è stato siglato il Protocollo d’intesa per l’adozione dello medesimo standard su scala nazionale tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le politiche della famiglia e l’Agenzia. A tale Protocollo è seguita la sottoscrizione dell’Accordo di collaborazione tra le istituzioni coinvolte che, a novembre 2011, hanno approvato lo schema di “Avviso alle organizzazioni” interessate all’adozione dello standard. Questo avviso, pubblicato in data 8 marzo 2012, ha dato avvio alla procedura per la sperimentazione su base nazionale.
Ad oggi sono 50 gli enti, tra cui il Comune di Cremona, rappresentativi di 14 regioni, che il 18 giugno 2012 hanno firmato l’accordo a Roma per l’iniziativa e tutti sono stati ammessi al percorso di conferimento della certificazione dello standard. Dei 50 enti su tutto il territorio nazionale sono presenti 21 pubbliche amministrazioni, 29 enti privati tra cui 6 grandi imprese private, nella maggior parte dei casi con un coinvolgimento al di sopra dei 150 dipendenti.
Il Sindaco Oreste Perri dichiara “Sono felice che la nostra città sia stata selezionata tra le poche che a livello nazionale potranno sperimentare questo standard, in primis, per le nostre e i nostri dipendenti, oltre che per poter trasferire al nostro territorio un cambiamento culturale importante che vede la famiglia e il “benessere familiare” al centro della qualità della vita dei nostri territori, mi auguro infine che tale scelta possa contaminare le istituzioni e le imprese della nostra bella città”.
Dello stesso avviso è l’Assessore competente con delega alla Famiglia Jane Alquati “essere stati selezionati a livello nazionale è sintomo dell’attenzione che in questi anni il mio assessorato ha dato al tema della conciliazione vita e lavoro e dei servizi cittadini. Più volte abbiamo intercettato contributi e finanziamenti che ci hanno permesso di realizzare sperimentazioni ed iniziative importanti. Inoltre è ormai dimostrato in momenti di crisi come questo che il benessere delle organizzazioni passa attraverso il benessere delle persone che vi lavorano e delle loro famiglie. Come la Provincia di Trento ci insegna, migliorare il livello di benessere delle nostre lavoratrici e lavoratori aumenta il livello di qualità della vita dei nostri territori ed incide positivamente su tutto il sistema economico produttivo e di cura”.

Alcuni interventi concreti del piano di conciliazione tra famiglia e lavoro

Vai al sito Family Audit

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti