15 Commenti

Festa Volontariato allo Zaist, collabora la Croce Rossa

croce-rossa

Il Comitato del quartiere Zaist organizza per sabato 1 settembre la Festa del Volontariato del Quartiere con la significativa collaborazione della Croce Rossa.

IL PROGRAMMA

– Ore 16,00 Inaugurazione del nome della piazza “Piazza del Volontariato ” con la presenza ed il discorso del Sindaco / Vicesindaco / Assessori.

– Stand pubblicizzanti e informativi delle diverse forme di volontariato esistenti nel quartiere, ogni associazione, compreso il C.d.Q. dispone del proprio stand per il materiale divulgativo.

– Stand CRI di pubblicizzazione e sensibilizzazione verso il volontariato in CRI ed in generale.

– Ore 16.30 Momento formativo C.R.I. all’interno della palestra sulla tematica della disostruzione delle vie aeree pediatriche, rivolto agli adulti ed in particolare ai genitori, educatori, ecc. E’ gradita l’anticipazione delle adesioni utilizzando le informazioni del volantino specifico del corso di disostruzione C.R.I. Ai partecipanti sarà rilasciato l’attestato di partecipazione.

– Ore 17,00 Momento in cui le associazioni presenti potranno esporre al microfono le loro esperienze e testimonianze specifiche in funzione della mission.

– Sarà possibile assistere alla presentazione di alcuni momenti organizzati della CRI nei luoghi e nei momenti delle emergenze attraverso simulazioni di alcune loro attività (unità cinofile, presenza delle crocerossine, telesoccorso, ecc ….) .

– Ore 19,30 / 20,00 Cena insieme in piazza – Momento conviviale dei piatti già preparati che ognuno provvederà a portare da casa, condivisione tra tutti i presenti.

– La band di Bruno Paloschi “I zübiàan de la Pöpia ” intrattiene i presenti con musiche e canti in dialetto cremonese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Giovanni Baldesio

    Mah.
    io direi che la Croce Rossa Italiana sezione di Cremona, meglio i suoi rappresentanti, per la Gloria del passato, prima di fare proselitismo con:

    – solito discorso di politici parlanti e cercanti consensi a buon mercato;
    – informazioni approssimative su volontariato e compagnia cantante, come se l’opera verso gli altri, sincera, sia un “coup de foudre”;
    – sdoganamento del Comitato di Quartiere, entita’ nata dal ritrovamento, in fondo ad una cassetto, di sostanze lisergiche, originali dei seventies, da parte di qualche assessore in climaterio;
    – sbrodolata di mellassa sulle miserie del mondo;
    – esperimenti di respirazione bocca a bocca e massaggio cardiaco sulla piu’ tettona tra i presenti;
    – soliti bagordi con magna-magna fuori luogo e contorno di musica e stupidate;

    debbano fare ammenda per:
    la mezzaluna rossa che compare accanto alla croce rossa sulla pagina FB.
    Gli altri fanno diventare la croce un asterisco, quasi a vergognarsene gli uni affiancano la croce rossa nata a pochi chilometri da Cremona nel 1859 alla mezzaluna rossa per piaggeria non ricambiata.
    Io non so se lo fate apposta, se siete convinti che agli imbecilli basta forzare la mano per convicerli magari dandogli del pane e mortadella (mortadella !) e del lambrusco (e’ per questo che i piatti si portano da casa, vero? avete paura di offendere la sensibilita’ di… e la mia di sensibilita’?) ma francamente ‘sta cosa sta diventando parecchi noiosa.
    Siete produttori di risentimento… l’unico effetto che sollecitate e’ il disprezzo per le azioni che cambiano la Storia di una istituzione gloriosa.
    Vergogna.
    Una carezza ai cani, va’ almeno restano loro. E pensare che dai MezziSeleni son considerati animali impuri. State attenti, potreste offenderli!

  • Simo

    Ci sono diverse volontarie niente male nella Croce Rossa Cremonese e sabato saranno presenti.

  • Federica

    Che amarezza per un Volontario del Soccorso leggere certi commenti ….
    Sono certa che chi scrive non ha mai avuto un malato grave o una persona bisognosa in famiglia, e non ha mai visto i Volontari che con il sorriso sulle labbra cercano di portare conforto, portandosi a casa il dolore e lo sconcerto che sempre il contatto con la sofferenza provoca ad un cuore umano …..
    e non ha mai visto i volontari “digerire” anche gli scenari più crudi per portare soccorso, farsi forza davanti alle situazioni più difficili, spezzarsi la schiena per trasportare un paziente per le scale ripide e strette ….
    Queste sono le cose che contano …. queste sono le cose reali ….
    Sul resto, non commento …. Si tratta di gratuite accuse infamanti, ai limiti della querela ….
    Chi le ha scritte si dovrebbe vergognare ….
    Non di certo noi, che CON ORGOGLIO CONTINUIAMO AD INDOSSARE UNA DIVISA CHA AMIAMO E RISPETTIAMO, A CREMONA COME NEL RESTO DEL MONDO

  • Ipso

    Le Sue sono solo chiacchiere!!!! Nessuno di Voi volontari (tanto fumo e basta) si è mai reso servitore, di un malato terminale accompagnandolo fino alla morte. Non ne siete capaci e non ne siete in grado.

  • Paolo

    E basta con la disostruzione delle vie aeree pediatriche!!
    Tutta la Croce Rossa Europea, è impegnata ad insegnare nelle scuole a studenti e professori, l’uso de defibrillatore con frequenza quadrimestrale, e ogni quattro mesi si ripetono le lezioni, per far si che nessuno si dimentichi l’uso del defibrillatorea e come si deve usare nelle emergenze. E poi sempre la Croce Rossa Europea è impegnata nelle scuole ad insegnare ai giovanissimi come assistere gli amici ubriachi, in modo da evitare incidenti gravi. Secondo i dati della Croce Rossa un terzo dei ragazzi tra i 14 e i 16 anni ha detto di bere nella maggioranza dei weekend. A tutti gli allievi delle scuole viene insegnato come mettere una persona che sta male in posizione di sicurezza, come evitare che si soffochi nel vomito e come somministrare il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca. Voi ad allinearvi alla Croce Rossa europea quanti anni ci impiegherete? E’ arrivato il tempo che la Croce Rossa entri nelle scuole per educare i ragszzi. Che il nuovo Presidente sia anche un’innovatore perché la gente di disostruzione delle vie aere pediatrche no ha fin sopra i capelli.

    • Marco

      Siete troppo ignoranti per avere risposta. Sig. Paolo, dato che e’ così bravo, informato ed intelligente, perché non diventa volontario e ci guida verso l’EUROPA?

      • Paolo

        E’ una cosa semplicissima:
        A) Basta leggere attentamente quanto ha scritto il commissario straordinario della CRI Francesco Rocca sul vvolontariato della CRI nella scuola scuola.
        B) trenta ore per la vita in collaboarazione con la CRI ha lanciato una campagna pubblicitaria per l’acquisto di defibrillatori da donare a tutte le scuole statali e a tutti gli impianti sportivi.
        c)Basta tenersi aggiornati leggendo le news della Croce Rossa Italiana per sapere cosa succede nelle altre Croce Rosse Europee.
        D) BASTA SANGUE E SIRENA almeno per qualche anno siete fuori dalla competizione.
        E)Meditate gente, perché a Cremona nella CRI, sono successe cose incredibili e più in fondo di così non potete andare quindi? Risorgete!

        • Alberto

          …meno male che non c’è gente che parla e basta… altri invece muovono le mani… e regalano il loro tempo e la loro professionalità gratuitamente… competizione… sangue e sirena?!? spero per te che tu non sia un soccorritore… poverino… non hai capito proprio nulla allora…

          • luciaa

            Che differenza c’è tra un volontario che opera nel 118 sull ambulanza e uno che insegna l’uso del defirillatore in una scuola ad insegnanti e scolari in una classe.

          • Anna

            Non ha capito niente chi di Voi nella croce rossa vuol fare solo volontariato nel 118 e non al centralino.

        • Giovanni Baldesio

          Delle donne si diceva:
          “Quando il Demonio non le vuole piu’,
          lor si danno al Buon Gesu'”

          Per la Croce Rossa di Cremona, specifico di Cremona, sta succedendo la stessa cosa:
          quando diventano marginali nel contesto che han sempre praticato
          si buttano sul “nuovo”, nella fattispecie la Mezzaluna Rossa.
          A me quello da’ fastidio, non altro.
          Mi e’ insopportabile colui che RINNEGA la Storia, che e’ patrimonio COMUNE.

  • luciaano

    Il Volontario della Croce Rossa Italiana deve essere in grado di saper fare tutti i servizi e non solo il 118.

  • Maurizio

    Che tristezza leggere di persone che fanno volontariato solo per ammazzare il tempo libero!

  • I pad

    Mi spiace sentire tante illazioni sulla CRI ne ho fatto parte per tanti anni e posso dire che quelli son stati i miei anni più belli stimo tutti i volontari ma la CRI sarà sempre nel mio cuore e se ora sta passando un momento critico nessuno a il diritto di infangarla ce a stanno mettendo tutta per risalire la china e tutto quellochefanno lo fan peri cremonesi quindi niente chiacchiere inutili ma entrate a far parte dei volontari del soccorso e credetemi sarete tutti un po’ più buoni

  • Franco

    A Cremona dal 2001 la Croce Rossa Italiana è letteralmente cambiata.
    Sono entrate a far parte della C.R.I un gruppo di persone che hanno affossato il Volontariato cremonese. Nella Croce Rossa Italiana di Cremona si salva solamente il Telesoccorso.