Commenta

I cremonesi consumano meno e sono più digitali: lo dicono i rifiuti

rifiuti-cremonesi

Capire qualcosa in più delle abitudini dei cremonesi dai rifiuti che producono si può. Da gennaio a luglio 2012 sono stati raccolti 22 milioni di chilogrammi di rifiuti prodotti, intesi come RSU – rifiuto solido urbano, che comprende indifferenziato e differenziato. Nello stesso periodo dell’anno precedente erano stati 23 milioni e 136 mila chilogrammi. Lo scarto è in negativo: -4,68%. Un trend che parla degli effetti della crisi sulle abitudini dei cremonesi in termini sia di maggior attenzione negli acquisti, sia di maggior accortezza nel consumo. Tradotto, acquistiamo e consumiamo meno, dunque produciamo meno rifiuti.

TIPOLOGIA RIFIUTO ANNO 2011 

GEN-LUG

ANNO 2012 

GEN-LUG

%
TOTALE (Indifferenziato+differenziato) Kg 23.136.070 Kg 22.051.768 – 4,68%

Un altro elemento significativo è l’analisi di alcune tipologie di rifiuti che hanno subito variazioni significative: la carta, il verde e i rifiuti elettronici. Per quanto riguarda la carta, da gennaio a luglio del 2012 i cremonesi hanno prodotto rifiuti per 3 milioni e 480 mila chilogrammi con un calo dell’11,6% rispetto ai primi sette mesi del 2011. “Si può leggere il decremento – dice il direttore generale di Aem Gestioni, Enrico Ferrari – come un recente cambio di costume della popolazione con una tendenza ad utilizzare i vari dispositivi tecnologici-informatici di nuova tendenza (Ipad, smartphone, pc, ecc) invece che rivolgersi al cartaceo (acquistare quotidiani, riviste, periodici)”. Altro aspetto in consistente variazione, quello legato alla produzione di verde che fa registrare un -14,97%. “Potrebbe essere riconducibile – dichiarano dall’Aem – al periodo particolarmente siccitoso del 2012 che ha visto una minore di crescita del verde e dunque un minor taglio dell’erba”. E per la fine dell’effetto trainante dei digitali, i cremonesi producono meno Raee, ossia i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche. “La significativa contrazione dell’8,55% – spiega di nuovo Ferrari – ci riconduce all’evento tecnologico del 2011: l’entrata in vigore del digitale che ha costretto la maggior parte della popolazione alla sostituzione di TV o acquisto di lettori, ora fenomeno concluso. E’ opportuno considerare anche la maggiore accortezza che negli ultimi tempi caratterizza i cittadini nell’acquisto degli elettrodomestici in generale”.

CARTA
da GEN-LUG 2011: KG 3.484.020
da GEN-LUG 2012: KG 3.076.500
– 11,69%

VERDE
da GEN-LUG 2011: KG 2.113.600
da GEN-LUG 2012: KG 1.797.050
– 14,97%

RAEE
da GEN-LUG 2011: KG 247.210
da GEN-LUG 2012: KG 226.060
– 8,55%

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti