Commenta

Gabbioneta, Binanuova, Vescovato e Ca' de' Stefani: unità pastorale

Ve

Il Vescovo di Cremona, Dante Lafranconi, ha costituito l’Unità Pastorale delle parrocchie “S. Leonardo” in Vescovato (CR), “S. Bartolomeo apostolo” in Ca’ de’ Stefani (Vescovato – CR), “S. Ambrogio vescovo” in Gabbioneta (CR) e “SS. Martino e Nicola” in Binanuova (CR). Ha nominato parroco moderatore della stessa unità pastorale mons. Attilio Arcagni e parroci in solido don Paolo Maria Tomasi e don Paolo Arienti. I tre sacerdoti risiederanno insieme nella canonica di Vescovato, dando così avvio a una comunità di sacerdoti.
L’inizio ufficiale della neonata unità pastorale avverrà domenica 30 settembre quando alle ore 17 nella chiesa parrocchiale il vescovo Lafranconi presiederà la S. Messa di insediamento dei tre parroci.

Mons. Lafranconi ha inoltre nominato don Silvano Rossi collaboratore parrocchiale dell’Unità Pastorale di S. Giovanni in Croce, Casteldidone, Solarolo Rainerio, Voltido e San Lorenzo Aroldo.

Biografia dei sacerdoti interessati ai provvedimenti

Mons. Attilio Arcagni è nato a Pozzaglio (CR) il 24 novembre 1952 ed è stato ordinato sacerdote il 24 giugno 1978. È stato vicario nella comunità di San Leonardo in Vescovato (1978-1980) e di San Pietro al Po a Cremona (1980-1984). Dal 1984 al 1992 è  stato assistente nazionale del Movimento studenti di Azione Cattolica e dal 1992 al 1994 assistente diocesano dei giovani di Azione Cattolica; inoltre dal 1992 al 1997 ha ricoperto l’incarico di direttore della Caritas diocesana. Dal 1996 al 1997 è stato amministratore parrocchiale di San Pietro al Po in Cremona, quindi nel 1997 ne è diventato parroco. Per tre anni (1997-2000) è stato vicario della zona pastorale sesta. Dal 1992 è Cappellano di Sua Santità. Ora mons. Lafranconi l’ha scelto come parroco moderatore della nuova unità pastorale composta dalle parrocchie di Vescovato, Ca’ de’ Stefani, Gabbioneta e Binanuova.

Don Paolo Maria Tomasi è nato a Bergamo il 17 marzo 1957 ed è stato ordinato sacerdote il 20 giugno 1981 mentre risiedeva a Fontanella. Dal 1981 al 1995 è stato vicario della parrocchia Ss. Filippo e Giacomo Apostoli in Castelleone (CR). Nel 1995 la promozione a parroco di S. Giovanni Evangelista in Quattrocase (Casalmaggiore) e a cappellano dell’ospedale Oglio-Po. Nel 2005 il trasferimento, sempre in qualità di parroco, presso la parrocchia Ss. Giovanni Battista e Biagio in Romanengo. Dal 2006 al 2009 è stato anche amministratore parrocchiale di Sant’Andrea Apostolo in Ticengo. Ora assumerà il ruolo di parroco “in solido” della neonata unità pastorale di Vescovato, Ca’ de’ Stefani, Gabbioneta e Binanuova.

Don Paolo Arienti è nato a Cremona il 4 maggio 1972 ed è stato ordinato sacerdote dal vescovo Nicolini il 19 giugno 1999. Cresciuto a Piadena ha celebrato la sua prima Messa nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta. È stato vicario a Cremona presso la parrocchia Ss. Nazario e Celso in S. Abbondio (1999-2002), poi è stato mandato a Roma a studiare Teologia dogmatica presso la Pontificia Università Gregoriana dove ha ottenuto la licenza. Nel 2004 il ritorno in diocesi con tre incarichi: insegnante in seminario presso i corsi teologici, vicario di Cristo Re in città e segretario dell’Ufficio evangelizzazione e catechesi.
Dallo scorso giugno don Arienti ha lasciato la parrocchia di Cristo Re assumendo l’incarico di presidente della Federazione Oratori Cremonesi e responsabile dell’Ufficio diocesano per la pastorale giovanile: impegni che manterrà, pur diventando parroco “in solido” della nuova unità pastorale.

Don Silvano Rossi è nato a Villa Pasquali (Sabbioneta – MN) il 9 agosto 1929 ed è stato ordinato sacerdote il 7 giugno 1952. È stato vicerettore del collegio Gregorio XIV di Cremona (1952-1954) e vicerettore del Seminario vescovile (1954-1962). Nel 1962 la promozione a parroco di S. Michele a Gazzo (frazione di Pieve San Giacomo), quindi nel 1968 la partenza, come sacerdote fidei donum, per il Brasile dove ha ricoperto vari incarichi in diverse diocesi, compresa quella di São Luís de Montes Belos retta dal vescovo cremonese mons. Carmelo Scampa. Poche settimane fa il rientro in Italia con l’immediata richiesta al vescovo Lafranconi di un nuovo incarico pastorale. Don Rossi diventa così collaboratore parrocchiale nell’unità pastorale di “S. Giovanni Battista” in San Giovanni in Croce, “S. Stefano Protomartire” in Solarolo Rainerio, “S. Michele” in Voltido, “San Lorenzo Martire” in San Lorenzo Aroldo e “Santi Abdon e Sennen Martiri” in Casteldidone, coadiuvando il parroco moderatore don Mario Binotto e il parroco in solido don Alfredo Valsecchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti