Un commento

Dimensionamento scuole, Perri apra tavolo con Regione

Lettera scritta da D.Bonali e M.Ruggeri (Pd)

Quando le operazione di razionalizzazione sono calate dall’alto, seguendo il criterio della riduzione dei costi, ma senza tener sufficientemente conto della realtà su cui vanno ad incidere, le conseguenze sono quelle che vediamo nel caso del dimensionamento scolastico.

Questa è stata la valutazione del nostro gruppo nella Commissione politiche educative in cui è stata presentata la decisione della Giunta circa il dimensionamento degli Istituti scolastici , proposta su cui , tra l’altro, il Consiglio comunale non è chiamato a deliberare.

Non importa se poi l’effetto è quello di creare disagio e di destrutturare realtà consolidate e che funzionano , come lamentato dalla scuola Virgilio e da altre realtà scolastiche, si procede a cascata senza concedere la flessibilità necessaria per aggiustare il tiro in sede locale, questo almeno ci è stato rappresentato come indirizzo della Regione nei confronti dei Comuni.

Sono possibili soluzioni ponte o ipotesi meno impattanti ? Solo l’apertura di un tavolo con la Regione può darci la risposta . Il sindaco e l’Assessore verifichino questa possibilità che , in ogni caso, non si persegue con alcune note di accompagnamento ad una delibera, ma con iniziative precise di interlocuzione diretta con la Regione e con l’ apertura del confronto in sede politica.

I consiglieri comunali PD
Daniele Bonali
Maura Ruggeri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • I VALORI DELLA PROVINCIA
    Anche il Fai ha udito il grido disperato del professor dottor Bonali Daniele, il suscitatore della cultura democratica di Cremona (questa grave miopia amministrativa sta accecando, ormai, la speranza di rilanciare la nostra città proiettandola verso un futuro culturale ed artistico che potrebbe anche procurare posti di lavoro, vedi sito Pd):
    “Noi italiani siamo ricchi, i più ricchi del mondo. Ma non lo sappiamo, seduti su un mare di petrolio che aspetta solo d’essere trasformato in benzina di sviluppo: un patrimonio storico-artistico che rappresenta il 70% di quello del pianeta!”
    Mi ricorda tanto, quel “seduti”, il sottotitolo di un libro che aveva fatto furore una trentina d’anni fa, Diario di una maitresse americana, che diceva: ogni donna siede sulla propria fortuna e non lo sa.
    Sembra di capire: per capire davvero bisogna stare in piedi!

    Cremona 10 10 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info