Commenta

Settimana Carità, la Caritas cremonese festeggia i 40 anni

settimana-per-la-carita

“Insieme contro la povertà”, questo lo slogan dell’edizione 2012 della “Settimana della carità”, il consueto evento promosso dalla Caritas diocesana – e giunto quest’anno alla sua decima edizione – come momento di riflessione e confronto sull’azione caritativa della Chiesa cremonese a partire dalla figura del patrono sant’Omobono, “Padre dei poveri”, nell’imminenza della ricorrenza liturgica del 13 novembre. L’iniziativa è stata presentata nella mattinata di martedì 30 ottobre presso la Casa dell’Accoglienza di Cremona. La “Settimana della carità 2012” sarà anche occasione per festeggiare i quattro decenni di Caritas Cremonese che proprio il giorno di S. Omobono spegnerà 40 candeline: 40 anni in rete con il territorio.

Alla conferenza stampa hanno preso parte il direttore di Caritas Cremonese don Antonio Pezzetti, i vice don Maurizio Ghilarsi e Cristiano Beltrami e Alessio Antonioli del Centro d’Ascolto, oltre al direttore dell’Ufficio diocesano per le comunicazioni sociali don Claudio Rasoli.

«La ricorrenza dei 40 anni di Caritas diocesana – spiega il direttore, don Antonio Pezzetti – non vuole essere solo una celebrazione, ma un’occasione per rinnovare l’impegno della Chiesa cremonese verso i più poveri e bisognosi, stimolati dalla figura del proprio patrono. Occorre qualificare meglio questo servizio, diventato sempre più impegnativo in questi momenti di crisi economica in cui reperire risorse è sempre più difficile. Non è solo una questione di quantità e qualità di servizi, ma di stile e metodo di partecipazione».

IL PROGRAMMA

La “Settimana della carità 2012” si svolgerà da sabato 10 a domenica 18 novembre con una serie di appuntamenti di carattere spirituale, formativo e culturale che saranno l’occasione non solo per fare il punto della situazione locale con quanti operano sul territorio, ma anche per spronare l’intera comunità ecclesiale a operare con uno stile più evangelico.

Il primo incontro sarà sabato 10 novembre con la presentazione del XXII Dossier Statistico Immigrazione di Caritas-Migrantes. Il nuovo rapporto sull’immigrazione, dal titolo “Non sono numeri”, come consuetudine sarà illustrato da mons. Giancarlo Perego, sacerdote d’origine cremonese direttore generale di Fondazione Migrantes. Il volume, edito da Idos, e curato da Caritas Italiana e Fondazione Migrantes, fornisce un’analisi dei flussi migratori in Italia, e nello specifico di ogni singola Regione, inquadrando il fenomeno all’interno del contesto europeo e internazionale. Oltre a offrire una considerevole mole di dati quantitativi, il dossier approfondisce in particolare alcuni aspetti specifici, come l’inserimento socio-culturale degli stranieri, il loro contributo nel mondo del lavoro, le capacità del nostro sistema di accoglienza di offrire risposte alla particolare categoria dei rifugiati politici. La presentazione avrà luogo alle ore 10 presso la sala dei Quadri del Palazzo Comunale di Cremona. L’incontro, aperto a tutta la cittadinanza, sarà introdotto dal direttore di Caritas Cremonese, don Antonio Pezzetti, e vedrà intervenire il vescovo di Cremona, mons. Dante Lafranconi, il sindaco della città del Torrazzo, Oreste Perri, e il prefetto di Cremona, Tancredi Bruno di Clarafond. Sarà anche proiettato un video sui 40 anni della Caritas diocesana.

Nel pomeriggio di domenica 11 novembre presso il Centro Pastorale Diocesano di Cremona (via Sant’Antonio del Fuoco 9A) si svolgerà un momento di confronto tra i diversi operatori della carità sul tema “Insieme contro la povertà”. L’incontro avrà inizio alle ore 16 e sarà moderato dal direttore della Caritas diocesana don Antonio Pezzetti e dal vice don Maurizio Ghilardi. L’obiettivo è quello di partire da un’analisi dell’attuale situazione per capire quali strade occorre percorrere. Senza dimenticare ciò che sta all’origine della carità cristiana, sarà l’occasione per un’analisi delle problematiche legate al recupero delle risorse, della formazione degli operatori e di una reciproca conoscenza che è alla base di un più ampio progetto di coordinamento e sinergia tra quanti a diverso modo operano in questo ambito. A conclusione dell’incontro è prevista la cena presso la Casa dell’accoglienza.

Alla vigilia della solennità patronale di sant’Omobono è promosso anche un momento di spiritualità. Lunedì 12 novembre, alle 21, presso la chiesa di S. Omobono, in via Ruggero Manna a Cremona, il vescovo Dante Lafranconi presiederà la veglia di preghiera realizzata con il contributo dei diversi gruppi ecclesiali nel contesto dell’Anno della Fede. Oltre a quanti operano in ambito caritativo, sono dunque inviate le Associazioni, i Movimenti e gli Istituti religiosi. Un momento in cui le diverse sensibilità si uniscono per un momento di intensa preghiera, che dà origine e senso alla carità cristiana.

Martedì 13 novembre, solennità di sant’Omobono, al termine del solenne pontificale in Cattedrale, il vescovo Lafranconi intorno alle 12.30 si recherà presso la Casa dell’Accoglienza di viale Trento e Trieste per il consueto pranzo con i poveri promosso da Caritas Cremonese e San Vincenzo diocesana e che vedrà le presenza anche delle autorità civili del territorio.

La sera, alle 20.30 presso l’oratorio di Bozzolo (MN), si terrà l’incontro zonale delle Caritas, dal titolo “Il laboratorio di carità: educarci al lavoro di rete”. Relatore il vicedirettore di Caritas Cremonese don Maurizio Ghilardi.

Mercoledì 14 novembre è prevista una serata benefica nel cortile della Casa dell’Accoglienza: una castagnata solidale sarà occasione di sensibilizzazione e raccolta fondi.

Venerdì 16 novembre altro incontro zonale delle Caritas: dopo l’evento in terra mantovana del 13 novembre, questa volta tocca alla zona Bergamasca: l’appuntamento è alle 20.30 presso l’oratorio di Mozzanica (BG). Intervengono il direttore di Caritas Cremonese don Antonio Pezzetti e il vice don Maurizio Ghilardi.

Ulteriore occasione di approfondimento nel pomeriggio di sabato 17 novembre, a partire dalle 15, al Centro Pastorale Diocesano di Cremona (via Sant’Antonio del Fuoco 9A). All’inizio del biennio pastorale dedicato alla scuola, la Caritas diocesana, in sinergia con l’Ufficio diocesano per la pastorale scolastica, promuove il convegno “Crescere nelle diversità e nelle differenze: la comunità cristiana tra incontri di parole e persone nella scuola di oggi e di domani”. I lavori saranno introdotti dai direttori dei due uffici diocesani: don Antonio Pezzetti (Caritas) e don Claudio Anselmi (Scuola). Previsto l’intervento dell’assessore politiche educative Jane Alquati. La relazione della professoressa Anna Chiara Cimoli, docente di Pedagogia Sociale presso l’Università Cattolica di Milano, focalizzerà quindi l’attenzione sulla presenza degli stranieri nella scuola, offrendo spunti di riflessioni anche a partire da esperienze già adottate per una sempre maggiore integrazione. Le conclusioni del convegno saranno affidate a don Irvano Maglia, delegato per la Pastorale.

Ultimo appuntamento della Settimana nel pomeriggio di domenica 18 novembre, alle 16 presso il Centro Pastorale Diocesano di Cremona (via Sant’Antonio del Fuoco 9A), per riflettere su “La violenza contro le donne. Cicatrici nel corpo e nell’anima”. L’incontro intende concretizzare l’adesione alla campagna “Fiocco bianco” in prospettiva della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre.
L’incontro sarà aperto dal direttore di Caritas Cremonese don Antonio Pezzetti e da Giuseppina Meazza della Fondazione madre Rosa Gozzoli onlus dell’Istituto Rifugio Cuor di Gesù di Cremona. A fotografare la situazione saranno l’assessore alle Politiche sociali e associative e pari opportunità della Provincia di Cremona, Silvia Schiavi; la dottoressa Ornella Obert, giurista, responsabile dell’Area vulnerabilità e vittime del Gruppo Abele di Torino; Sonia Rotolo, assistente sociale, del Servizio disagio donne dell’Area maltrattamento della Caritas Ambrosiana. Al termine Pierina Bolzoni della ProLoco di Agnadello illustrerà la mostra “Voci del silenzio. La violenza nega l’esistenza” allestita in loco.
Chiuderà l’incontro un aperitivo multietnico con prodotti offerti da “Filiera Corta Solidale di Cremona” e curato delle donne e delle ragazze delle comunità “Lidia” e delle due comunità della Fondazione madre Rosa Gozzoli onlus dell’Istituto Rifugio Cuor di Gesù.
Vi sarà anche la possibilità di acquistare libri e dvd sul tema della violenza contro le donne, oltre a manufatti in cuoio realizzati dalla comunità “S. Francesco” di Marzalengo.

Per ulteriori informazioni contattare gli uffici della Caritas diocesana di via Stenico 3 a Cremona (tel.0372-35063; e-mail caritas@diocesidicremona.it).

IL GESTO DI CARITA’

In occasione della “Settimana della Carità” la Caritas diocesana propone a tutti di offrire un aiuto concreto alle persone in difficoltà attraverso il “gesto di carità”. Come gli anni scorsi l’attenzione caritativa si concretizzerà con una raccolta di prodotti per l’igiene personale, da destinare agli ospiti delle strutture di accoglienza di Caritas Cremonese e quanti si rivolgono al Centro d’Ascolto della Caritas diocesana, e materiale scolastico. La raccolta avverrà in tutte le Parrocchie della diocesi in occasione della Settimana e in particolare nelle domeniche 11 e 18 novembre (data a scelta delle comunità).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti