7 Commenti

73mila euro per le luci natalizie Il Comune ne paga un terzo Gli altri soldi arrivano dagli sponsor

luminarie-2012

Luminarie di Natale quanto ci costano. Il Comune ha affidato alla ditta Luminal Service di Zanellato Andrea con sede a Ca’ Emo di Adria (Rovigo) l’allestimento delle luci natalizie 2012. L’incarico consiste nel noleggio, montaggio, assistenza, assicurazione e smontaggio per il periodo 16 novembre 2012-8 gennaio 2013. La spesa è di 60.700 euro più Iva, per un totale di 73mila 447 euro, di cui 20mila 992 euro pagati dal Comune e 52mila e 455 euro raccolti tra gli sponsor. 24mila e 200 li mette la Stogit, società che opera nel settore dello stoccaggio del gas naturale e che sta costruendo impianti a Bordolano. 6mila e 50 euro li mette il Consorzio Proprietari Cremona Po di Cremona, altrettanti ne mette la ditta Autostrade Centro Padane. Poi, 2mila e 420 arrivano dal Banco Popolare Area Affari di Cremona, 2mila e 420 dalla ditta Paolo Beltrami, mille dalla Banca Cremonese Credito Cooperativo, mille e 815 dalla Rossetto Group di Sona (Vr). E ancora 3mila dall’Asvicom, 3mila dall’Ascom e 2mila e 500 dalla Confesercenti (guarda la determina). La Cna non ha rinnovato l’impegno e la Confartigianato ha deciso di contribuire con un vento di animazione.

“Nonostante tutti i tentativi a lungo perseguiti dell’Amministrazione Comunale – si legge nella delibera – per addivenire ad una formula organizzativa che vedesse tutte le associazioni del commercio coinvolte in modo paritetico all’ideazione e all’organizzazione del Natale, già lo scorso anno il Comune di Cremona si è trovato nella necessità di provvedere direttamente alla gestione del progetto, onde garantire la continuità favorendo così una ricaduta positiva sulla città in un momneto, tra l’altro, congiunturale molto difficile anche per il settore del commercio. Questa linea è stata confermata dalla Giunta comunale nella seduta del 26 luglio e pertanto anche l’organizzazione del Natale 2012 avrà la direzione del Comune. Da qui anche la ricerca diretta di contributi da enti e soggetti diversi atti a garantire la copertura finanziaria del progetto”.

L’addobbo natalizio definito per il 2012 ripropone sostanzialmente il progetto 2011 con la posa di luminarie (soggetto stalattite con microbici effetto caldo a led) presso tutto il percorso stradale circa 4mila metri che dalle quattro porte conduce al cuore della città. Il progetto prevede l’estensione delle luminarie al palazzo comunale, alle due Torri civiche, alla Torre del Capitano, a Palazzo dell’Arte, palazzo Cittanova, galleria XXV aprile.

Nel contratto sono garantiti l’accensione delle luminarie a partire da venerdì 16 novembre 2012 nel centro storico interessata dalla Festa del Torrone, l’accensione delle luminarie nelle altre aree entro la settimana successiva, lo smontaggio delle luminarie non prima dell’8 gennaio 2013 e non oltre il 31 gennaio 2013.

LE LUCI A CREMONA

a) installazione di luminarie di identico soggetto “stalattiti” Ice light Flashled  nelle seguenti Vie:

– Via Mercatello
– Via Solferino
– Via Gramsci
– Via Guarneri del Gesù
– Corso Cavour

b) installazione di luminarie di identico soggetto “stalattiti” senza effetto Flashled nelle seguenti Vie:

– Corso Garibaldi
– Corso Campi
– Via Verdi
– Via Monteverdi
– Corso V.Emanuele II
– Via Platina
– Corso XX Settembre
– Corso Vacchelli
– Corso Matteotti
– Corso Mazzini
– Via Manzoni

b) addobbi luminosi di identica  tipologia,  senza l’effetto Flashled, sui seguenti  Palazzi e monumenti:
– Palazzo Comunale
– Palazzo Cittanova
– Galleria XXV Aprile sui due ingressi principali,

c) addobbi luminosi  sul Palazzo dell’Arte di Piazza Marconi con effetto  Flashled sulle colonne

d) addobbi luminosi a tenda sulla Torre del Capitano  e le due Torri Civiche di Palazzo Comunale;

e) posa presso il Cortile Federico II di corpi luminosi (tre sfere e due  coni) con effetto Flashled.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • irene debona

    Manca il contributo importante della Camera di Commercio che ha deliberato Euro 25.000
    Grazie
    Irene Nicoletta De Bona

    • Giada

      52mila + 25mila della Camera di Commercio = 77mila. Vista la spesa di 73mila, il Comune di guadagna?

      • angelo

        un attimo, stanno rifacendo i conti………….

  • giudy corliano

    …E COME AL SOLITO CI SONO VIE DI SERIE A E DI SERIE B……….IL MIO NEGOZIO IN VIA CAPITANO DEL POPOLO 6…….VIA DIMENTICATA CENTRALISSIMA ,ANCHE QUEST’ANNO MI INCAZZERO’ E LE LUMINARIE ME LE METTO A MIE SPESE…….ME NE RICORDERO’NEL MOMENTO DEL VOTO…….

  • roby27

    apperò!140MILIONI delle vecchie lire x affittare,mettere e poi togliere ste luci?immagino siano luci speciali per quella cifra!
    naturalmente è escluso il costo dell energia elettrica,che pagherà pantalone!

  • giulia

    …..ma scusate!e’ proprio necessario,vista la crisi!!? spenderli meglio non e’ possibile???

  • forse in un periodo di così forte crisi si dovrebbe cercaredi risparmiare un pò