Cronaca
Commenta31

Nutria uccisa con la pala, anche la Lav farà denuncia alla Procura della Repubblica

Nutria uccisa a badilate in vicolo Maurino. La Lav (Lega antivivisezione) ha annunciato che farà una denuncia alla Procura della Repubblica, “affinché – scrive – l’aguzzino che ha massacrato quell’animale possa pagare per questa azione così violenta”. E’ l’ennesimo atto che arriva all’Autorità giudiziaria sul caso di venerdì scorso quando un volontario chiamato dalla Polizia Provinciale ha cercato di catturare l’animale e – non riuscendoci – lo ha ucciso con una pala.

“L’esecuzione è stata videodocumentata – dice la Lav – Le immagini sono eloquenti: il goffo tentativo da parte di un uomo (presumibilmente persona abilitata alla cattura di questi animali) di spingere la nutria dentro l’apposita gabbia-trappola ha causato la reazione dell’animale che, non essendo un predatore, non ha fatto altro che fuggire di corsa senza manifestare alcun comportamento aggressivo ma semplicemente di paura. Dopo un breve inseguimento, l’animale è però stato raggiunto e brutalmente colpito a badilate, sino alla morte. Il tutto è avvenuto davanti agli occhi di alcuni agenti della Polizia Locale”.

“E’ necessario ricordare – conclude – che la nutria è un animale appartenente alla cosiddetta “fauna selvatica” e pertanto tutelato sia dalla normativa speciale L.157/1992 che dalla normativa che sanziona comportamenti criminosi nei confronti degli animali L.189/2004. Ferire o peggio ancora uccidere un animale selvatico, al di fuori delle disposizioni speciali determinate dal legislatore, è evidentemente un crimine sanzionato penalmente ai sensi degli articoli 544-bis e 544-ter del  Codice Penale con pene che arrivano sino a 2 anni di reclusione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti