Commenta

Un anno e dieci mesi al ladro delle slot, l'imputato chiede scusa

slot-tribunale

Si è dichiarato colpevole del furto, T.I.D., 30enne romeno senza fissa dimora, ed ha chiesto scusa al giudice Pierpaolo Beluzzi. “Sono disoccupato”, gli ha detto. Nel processo per direttissima, l’uomo, che alle spalle ha precedenti penali specifici, ha patteggiato un anno e dieci mesi di reclusione, pena che il romeno trascorrerà in carcere. In aula l’imputato era difeso dall’avvocato Tancredi Turco, del foro di Verona. Il furto è stato messo a segno nella sala giochi Planet del centro commerciale Padano di Casalmaggiore, dove il ladro, munito di piede di porco, di una mazza e di un flessibile, si è appropriato del contenuto delle macchinette per un bottino di 13.600 euro. L’uomo è salito sul tetto del centro commerciale e da un lucernario si è calato all’interno della sala giochi, riuscendo a disattivare l’apertura elettrica dell’esercizio commerciale. Non si è però ricordato del sistema di allarme collegato direttamente alla centrale operativa dei carabinieri di Casalmaggiore. All’arrivo dei militari il romeno si è nascosto nella lavanderia e poi ha tentato la fuga dal tetto, ma è stato bloccato e dichiarato in arresto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti