21 Commenti

Primarie centrosinistra, chi preferisci tra Bersani, Puppato, Renzi, Tabacci e Vendola? Il sondaggio di Cremonaoggi

primarie-swondaggio-ev

La corsa per le primarie del centrosinistra entra nel vivo. Pierluigi Bersani, Laura Puppato, Matteo Renzi, Bruno Tabacci e Nichi Vendola si contenderanno il ruolo di candidato premier il 25 novembre, giorno delle votazioni. L’eventuale ballottaggio è invece previsto il 2 dicembre.
Ad ‘accendere’ questa campagna elettorale ci ha pensato il confronto in diretta tv andato in onda su Sky e su Cielo. Due ore di domande serrate e risposte stringate su governo del paese, future coalizioni, pressione fiscale, lotta all’evasione, integrazione europea, occupazione e riforma Fornero. La ‘battaglia’, a distanza, era però già cominciata nelle settimane precedenti. E continuerà nei prossimi giorni.
Cremonaoggi ha deciso di dare ai lettori la possibilità di esprimersi sulla questione con un sondaggio: preferisci il segretario del Pd Bersani, il consigliere regionale del Veneto Puppato, l’assessore al Bilancio di Milano (e più ‘centrista’) Tabacci, il sindaco ‘rottamatore’ di Firenze Renzi o il governatore pugliese (leader di Sel) Vendola? Martedì 20 novembre i risultati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Ci scusiamo, non ci sono sondaggi aperti.

 

Modalità di voto
E’ possibile un solo voto per ogni rete internet per evitare che qualcuno vanifichi il sondaggio votando più e più volte. Dunque se vi collegate da un ufficio o da casa e qualche collega o qualche parente ha già votato vi comparirà che il vostro voto è già stato conteggiato. Per ulteriori chiarimenti scrivete a redazione@cremonaoggi.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • roby27

    ma che bei pupazzetti!gli si tira le palle come alla fiera di san pietro?

    • MARIO

      di chi……….????????

  • maurizio

    e dovrei pure pagare un euro per andare a votare ? ero di sinistra ma adesso mi sono nauseato !!!

    • gianni

      e chi vorresti che pagasse per organizzare le primarie? meglio una sana colletta tra gli elettori con uno o due euro a testa

  • Michel

    Cadere nel populismo con certe affermazioni come questa lasciata da roby27 è più facile che farsi una vera e concreta idea politica per il futuro… il passato è passato. Oggi vogliamo davvero lasciare in mano il nostro Paese a chi fa proclami carichi di odio, populismo e demagogia???

    è più facile certo dare un voto di protesta, ma se usiamo la testa capiamo che dobbiamo crederci…e l’evento di ieri sera, chiunque vinca, ci dice che uno spiraglio c’è…

    • roby27

      tu sei libero di credere quello che vuoi..io pure..è democrazia no?
      a me sti beccamorti hanno rotto!se poi basta fare una sceneggiata alla x factor per essere credibili,bè,contento te….ah,guarda che almeno due fan politica da decenni,cioè BERSANI ed il piu navigato TABACCI.e si vede come siamo messi in italia..quando TUTTI,e sottolineo TUTTI,lasceranno ogn privilegio dell casta,forse voterò ancora qualcuno…quelli di ora mi han davvero rotto!
      buona votazione

    • rafla

      Qello per il baratro…

      • ribelle sognante

        bravo non votare.. cosí il tuo amico BERSANI godrá ancor di piú!!!!!..Su, su,,preparatevi ad allenarvi, mettetevi in ginocchio verso la Mecca a culo in su gridando “Allah Akbar”…. COME ARRIVA BERSANI , da la cittadinanza a tutti quelli che nascono qua..i barcOni sono sempre strapieni..allenatevi gente!!!..Siamo all’inizio della fine !

    • rafla

      Quello per il baratro…

  • Paolo Torriani

    Se la politica è farsi fottere i soldi da questi fantocci,inetti,incapaci,incompetenti allora la risposta è no grazie che incomincino a fare politica senza soldi, hanno rotto i coglioni altro che populismo calci nel culo, oppure a lavorare!!! Se buona parte degli italiani hanno ancora fiducia in queste persone pagheranno poi il dazio (come al solito) e questa volta sarà il colpo di grazia. Se poi essere populista è credere e sperare che ci sia di meglio in Italia di queste 5 facce di merda alla si sono populista e sono felice e fiero di esserlo.

    • roby27

      bè,hai detto in modo piu colorito ed esplicito quello che avevo detto io..e mi son preso del populista!ma se essere populisti vuol dire non votare piu quelle faccie di….(come dici te)bè,allora son contento di esserlo e di non votarli!

    • MARIO

      se lei è un “Torriani” pare che i suoi omonimi Leonardo e Jannello sono diventati famosi nel mondo per ben altro………….!!!

      • Paolo Torriani

        I vostri partiti ci sono costati 600.000.000 di Euro alle ultime elezioni, votare ancora questa gentaccia, significa firmare la propria condanna a morte.
        Il popolo sarà sovrano ma è anche bue, ascoltate ancora le televisioni e i giornali che a loro volta vivono di soldi pubblici che sicuramente vi consiglieranno come votare, per non cambiere nulla rispetto al passato e condannarci al default.

      • Paolo Torriani

        PS io ho un nome e cognome e li porto con onore tanto che mi ci firmo a differenza sua.
        Distinti saluti

        • MARIO

          ma anche lei diventerà famoso…io no…!

        • ribelle sognante

          concordo con il tuo discorso PAOLO.. e non é male pure quello di Flaminio, anche se come leggo ha ancora troppe tendenze pdlline ..peccato…..cmq abbiamo il governo che noi italiani( popolino bue parassitario e spendaccione) meritiamo!!!!!!!!!!!!!….

  • LE LORO MAESTA’ I FATTI
    Quando nel 2008 arrivarono in Europa dagli Usa i primi effetti della crisi subprime, li si prese per la causa della nostra crisi: non era così, i fatti successivi mostrarono che scambiavamo la spia che segnala il grippaggio del motore come la causa, anziché il segnale. Che è semplice, evidente, sotto gli occhi del più sprovveduto di noi: se continui a spendere i soldi che non hai, arrivati a un debito eccessivo, nessuno ti fa più credito, anche per l’evidente confusione delle figure creditore/debitore.
    “Guardate gli uccelli che vivono in libertà: essi non seminano, non mietono, e non mettono il raccolto nei granai….eppure il Padre vostro che è in cielo li nutre! Ebbene, voi, non siete forse molto più importanti di loro?” Matteo 6/26
    O il Padre si è stufato degli sciocchi o già da allora sopravvivevano solo gli uccelli più robusti…..
    Come non è l’Italia: 2mila miliardi di debito pubblico, divisi per 60 milioni che siamo, oltre 30mila euro a testa, da neonati a ospiti di casa di riposo, aggravati da un costo dell’energia e della macchina dello Stato che, messi a confronto col mondo, sono irreali. E non dimentichiamo: 30mila a testa eccetera solo di debito pubblico, ma le tosate d’oggi del Professor Grattugia servono esclusivamente a non peggiorarlo, quindi, altro che i cinque indicati dalla Merkel per venirne fuori, per risanarsi gli anni che servono all’Italia si contano in decine.
    Oggi, nell’approssimarsi della stagione del voto continuo, i partiti tradizionali vanno a pezzi perché li consideriamo la causa, invece di quelli che hanno giocato coi soldi assieme a noi: chi per troppi anni chiedeva ogni cosa, dalle pensioni ai 50enni al tutto pagato del “sociale”, dal posto di lavoro garantito dove l’impresa poteva solo fallire, lo stipendio “variabile indipendente”, alle opere pubbliche di bellezza e basta nella loro inutilità?
    La parte alta dei politici, non certo i Consigli comunali e provinciali, che prendono tre soldi, non capisce che ridursi i compensi, d’ogni genere, è una prova evidente di sensibilità e un obbligo morale. Ma agli effetti del bilancio complessivo le spese per Parlamento e Consigli regionali contano ben poco.
    E una riflessione per chiudere. I partiti della destra sono considerati i maggiori responsabili, immagino, perché quelli che han governato di più e gli ultimi anni, anche se la sinistra, al potere dal 1995 al 2001, anni sani in cui era possibile iniziare la ristrutturazione dello Stato, ha preferito continuare la recita.
    Ma anche con le enormi maggioranze di Berlusconi, 2001/2006 e 2008/2011, sarebbe stato possibile iniziare le riforme contro le idee, si fa per dire, che la sinistra è riuscita a inoculare nel sangue di tutti gli italiani: chiedi tutto, tutto ti è dovuto?
    Il resto, Ruby, processi, leggine a favore, barzellette fuori posto eccetera, è sempre di colore, ha il solito aspetto morale “ineludibile” quando riguarda gli altri, ma non avrebbe spostato di un euro il problema: spinti dalla propaganda continua fino al punto di sembrare oggettiva, lo Stato “deve” spendere, Berlusconi, avesse spinto per invertire la filosofia del tempo, avrebbe solo ottenuto di rompere la sua maggioranza e di andarsene a casa prima.
    E i sondaggi di adesso premiano una sinistra al 40% e affondano il Pdl al 15?
    Se queste son le decisioni, libere (!), che noi cittadini prendiamo, mandare a governarci chi ha sparso a piene mani le idee della rovina, i cinque anni della Merkel diventano sempre più il tempo della Germania; per l’Italia, servono i secoli.

    Cremona 14 11 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • MARIO

      ILLEGGIBILE: peggio del già Zeneen due………….!!!

    • danilo

      Hai sostenuto piu’ di una volta di non avere competenze tali di economia da poterne trattare in modo esauriente, eppure ora ti esibisci in una strana acrobatica giravolta sul debito pubblico da far impallidire i trapezisti di un circo…. ma ancora una volta voglio darti credito : a proposito di professori , il professor Sapelli , luminare dell’Università Statale e consigliere d’ amministrazione dell’ENI , può spiegarti con dovizia di particolari cos’è il debito pubblico e come funziona. In Internet , oltre che nei programmi televisivi , la sua presenza non è pari a quella del PROFESSORE per eccellenza , ma tra gli addetti ai lavori è conosciuto e stimato, eccome.
      Sempre che tu ritenga di necessitare di spiegazioni e approfondimenti , naturalmente.

    • rafla

      Guardando i numeri delle ultime elezioni in sicilia e i sondaggi vari,i numeri sono ben lontani dal premiare qualcuno e varrebbe la pena anche di non dimenticare che le percentuali delle urne riguardano solo la metà degli aventi diritto al voto. Sommando il 50% di non votanti ed il 20% di voti al movimento 5 stelle, quello che è evidente è l’assoluta contrarietà al perseverare di questo modo “tradizionale” (volendo essere gentile) di fare politica.
      Considerato però che non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, continueremo in questa lenta ed inesorabile agonia verso una totale disfatta.

  • Sono Leghista ma se fossi di centro- sinistra non avrei dubbi chi votare alle primarie, Renzi sicuramente!