Commenta

Cremona Rugby, vittoria in casa con qualche dubbio

rugby

foto di Giuliano Rosani

Un Cremona Rugby buono, ma non ineccepibile ritorna a vincere sul terreno di casa a sette giorni di distanza dall’opaca prestazione nella sconfitta di Desenzano. Gli avversari di giornata sono gli esordienti del Rugby Lodi, squadra giovane ed alle prime armi che ricorda molto i primi passi mossi dalla compagine cremonese nel 2009. L’incontro inizia con il piede giusto e dopo solo 3′ i grigiorossi vanno in meta con Varrella, ottimamente imbeccato dal calcetto rasoterra di Assandri, e si portano sul 7-0. L’euforia dura poco e viene smorzata dal brutto infortunio di Gerevini, trasportato in ospedale con una frattura scomposta di tibia e perone e probabile stagione finita per il veterano della seconda linea cremonese. Partita sospesa a lungo per prestare i soccorsi e Witor’s che rientra in campo determinata a premere sull’acceleratore, ma serviranno quasi venti minuti prima che Pizzi trovi la meta su una punizione giocata velocemente. L’ultimo quarto d’ora della prima frazione di gioco è ancora di marca cremonese; al 26′ la meta tecnica assegnata per un evidente fallo su Beqiri, già lanciato in solitaria verso i pali ed al 28′ con la buona incursione all’ala di Magni che con la quarta segnatura mette al sicuro il punto di bonus offensivo. Prima del fischio arbitrale c’è ancora tempo per la quinta meta ad opera di Maccagni. Si va al riposo dunque sul 33-0 in virtù delle mete e delle trasformazioni di Fantoni.

La ripresa è caratterizzata da un calo di tensione psicologica dei padroni di casa, ne approfitta caparbiamente il Lodi che dopo 20 minuti di stallo trova la prima storica meta stagionale ed accorcia sul 33-7. Gli uomini di Daldoss, risvegliati dall’impasse, riprendono a macinare gioco e tornano a schiacciare in meta con l’ottima percussione di Volpi, man of the match grigiorosso subentrato all’infortunato Gerevini. L’eccessiva voglia di fare dopo l’inizio blando del secondo tempo porta però ad errori di passaggio, su uno di questi l’ala lodigiana approffitta di una palla vagante per raccogliere e lanciarsi isolato in fuga per 50 metri e segnare la seconda meta per gli ospiti, ottimamente trasformata per il 38-14. Gli ultimi 10′ di gioco sono a senso unico con la Witor’s che torna in attacco e porta in meta prima Abbiati, con un’azione multifase ottimamente riuscita ed infine ancora Varrella, chiudendo sul 50-14.

Risultato finale in linea con i pronostici, ma con importanti spunti di riflessione per il coach grigiorosso circa la tenuta psicologica della squadra. Il campionato di serie C regionale osserverà domenica prossima un turno di riposo, ma i cremonesi sono già al lavoro per il prossimo match che domenica 25 novembre vedrà l’arrivo al San Sigismondo dei bergamaschi dell’Orobic Rugby.

Witor’s Cremona Rugby – Rugby Lodi 50-14

Witor’s Cremona Rugby: Pizzi (1’st Singh), Magni (1′ st Mattarozzi), Ruggeri, Varrella, Tenca (1′ st Gabbani), Assandri, Fantoni, Rossini, Beqiri (1′ st Corsini), Abbiati, Gerevini (5′ Volpi), Maccagni (1′ st Fontana), Cavallini, Frizzerin (1′ st Ghidini), Cavedagna. All. Daldoss.
Arbitro: Rocco.

Marcatori: 3′ meta Varrella (trasformata da Fantoni), 26′ meta tecnica, 28′ meta Magni (trasformata da Fantoni), 34′ meta Maccagni (trasformata da Fantoni), 25′ st meta Volpi, 28′ st Abbiati (trasformata da Fantoni), 33′ st meta Varrella.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti