6 Commenti

In città vince Bersani, Renzi a Casalmaggiore: tutti i risultati

prov

Oltre 15mila votanti per le primarie di centrosinistra in provincia di Cremona. Un boom di affluenza. Superata la soglia di 14mila registrata nel 2009. I risultati definitivi, come già scritto ieri nel corso della diretta di Cremonaoggi.it: Bersani al 48,7% (7345 voti), Renzi al 33,75% (5092), Vendola al 12,48% (1883), Puppato al 3,89% (586), Tabacci all’1,17% (177). Numeri in linea con quelli nazionali: ballottaggio tra il segretario del Pd e il sindaco di Firenze.

TUTTI I RISULTATI IN PROVINCIA

Nelle tabelle in basso è possibile osservare quanto emerso nei singoli paesi di tutto il territorio. A Cremona prevale Bersani su Renzi (1883 voti, contro 1256). A Casalmaggiore, invece, la spunta il ‘rottamatore’: 245 voti, 4 più di Bersani. Nel Cremasco Bersani al 48,2% (2879 voti) e Renzi 34,9% (2083).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Alessandro

    Primarie, mancano 120mila voti. RENZI fa ricorso.

    http://affaritaliani.libero.it/politica/primarie-l-ombra-dei-brogli-sul-voto-scomparse-un-milione-di-schede261112.html

    Altra bufala, l’affluenza alle urne. Si passa dai 4010000 votanti di ieri ai 3100000 di oggi.

    • Brigoletto

      non tutti a Cremona, spero

  • roby27

    quante baggianate!solo gli italiani si fanno infinocchiare ancora così dai politici!ma non avete ancora capito che tanto fan quel c…che vogliono?va su uno o l altro è sempre la solita menata!

  • Deo Fogliazza

    Grande successo come d’altra parte abbondantemente previsto, da anni.
    Ora ci aspettano alcuni appuntamenti:
    1) Accompagnare Bersani alla vittoria nel ballottaggio e prepararci alla dura battaglia elettorale di primavera;
    2) Attrezzarci in tempi rapidi per la scelta dei candidati al Parlamento, da fare con le Primarie, qualsiasi sia la legge elettorale con la quale saremo chiamati al voto;
    3) Nel frattempo rimaniamo in attesa della pubblica autocritica, con conseguente ritiro nelle retrovie, di tutti coloro che in questi lunghi anni hanno tirato indietro rispetto all’uso delle Primarie, accampando motivi e scuse tra il banale ed il trito e ritrito luogo comune. Ci hanno fatto perdere un sacco di tempo (e di voti). Sulle loro spalle gravano responsabilia’ politiche molto pesanti. Abbiano L’intelligenza e la compiacenza di accomodarsi in panchina.
    Chi sono? Bhe, non c’e che l’imbarazzo della scelta. Ne abbiamo un lungo elenco, partendo dal locale, per passare al livello regionale e nazionale. Per signorilita’ vorremmo non utilizzarlo….. Loro sanno bene che parliamo di loro stessi. Tirino le conseguenze e si facciano spontaneamente da parte, per favore.

    Deo Fogliazza, Impegno Ulivista per Bersani

    • Zac

      Se fossero state veramente libere, avrei cambiato partito ma con Bersani e vendola scordatelo!

      • Paolo Torriani

        4) incominciare ad ascoltare cosa vi dicono i cittadini
        20 anni fà è stato fatto un referendum in cui il 90% dei cittadini ha chiesto che i partiti non prendano soldi pubblici, per darli nelle mani di personaggi come Lusi, quindi appena insediati al governo rinunciare immediatamente al rimborso elettorale e usare i soldi, per altri scopi ben più importanti, sanità, scuola, lavoro zone terremotate c’è ne parecchia di roba da fare.

        5) Mandare a casa chi ha fatto più di 3 mandati come prevede il vostro statuto del Partito Democratico, Articolo 22 – comma 2

        6) Smetterla di prendere per il culo la gente.

        7) donare in beneficenza i 6/7 milioni di euro che avete raccolto con queste primarie, dato che fino ad oggi usufruite di rimborsi elettorali pubblici usate quelli, almeno una volta nella vita li avrete usati per fare veramente politica e non per mangiare ostriche o andare a trans con auto blu e scorta.

        Grazie distinti saluti