Commenta

A Palazzo Cittanova spettacolo aspettando l'arrivo di Santa Lucia

cittanova

La storia di una lampada che ha perso la luce e i viaggi che un bambino cresciutello deve affrontare per capire come riportare il prezioso fuoco a casa, perché il buio d’inverno è lungo e freddo. E soprattutto senza una lucina che indica la casa, S. Lucia non riuscirà mai a vederla, dispersa com’è nel niente dei campi. Inizia così lo spettacolo gratuito e aperto a tutti che l’associazione culturale Franco Agostino Teatro Festival, in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Educative e della Famiglia del Comune di Cremona, regalerà anche quest’anno a tutti i bambini e alle famiglie che desiderano vivere insieme, in modo speciale ed emozionante, l’attesa di Santa Lucia.

Una tradizione ormai consolidata, che si rinnova da tempo in occasione di questa Festa così ricca di magia. Lo spettacolo di quest’anno si intitola “Una luce per il mattino”, è una produzione di Cippi Guitti – Compagnia di Teatro di Strada e di Cortile, con la regia di Nicola Cazzalini, e andrà in scena a Palazzo Cittanova domenica 9 dicembre, alle ore 15.30. L’ingresso è aperto a tutti e gratuito.

L’ATMOSFERA DI SANTA LUCIA E I BAMBINI

“Una luce per il mattino” prevede l’uso di diverse tecniche di rappresentazione: la narrazione, il teatro di figura, la commedia dell’arte insieme alla clownerie e giocoleria, il tutto accompagnato da musica originale eseguita dal vivo. La Compagnia Cippi Guitti, infatti, è un’associazione culturale che riunisce due esperienze teatrali differenti dedicate, rispettivamente, al teatro comico di strada e al teatro di ricerca. Attiva dal 2004 con l’attuale formazione, produce spettacoli e laboratori per bambini e adulti, attraversando i linguaggi più diversi del teatro e della musica.

In questo spettacolo, Santa Lucia è la figura di una donna forte, che porta la luce. Per tradizione, la festa del 13 dicembre, che segue la notte più lunga dell’anno, è dedicata ai bambini, che riscoprono la luce del mattino insieme ai balocchi che la Santa ha portato per loro. Ma la preparazione è lunga e faticosa: bisogna esser stati bravi, bisogna preparare la stanza, pensare al fieno per l’asinello, correre a letto presto e chiudere gli occhi, aspettare nel buio.

“Come da tradizione ormai –  sottolinea l’assessore Jane Alquati – sosteniamo con piacere questo momento di riscoperta del territorio e della nostra identità culturale. La cornice di Palazzo Cittanova contribuirà a rendere magica l’atmosfera della festa in un quartiere della città che in questo periodo ha visto la presenza di molte iniziative di valore. Con questo spettacolo, rivolto alle scuole primarie, ai bambini e alle famiglie, grazie alla collaudata esperienza del FATF, grandi e piccoli avranno la possibilità di vivere l’atmosfera dell’attesa di S. Lucia. Sarà un momento prezioso per rivivere serenamente le tradizioni del nostro passato che oltre che conosciute vanno sempre più tutelate e valorizzate”.

“Lo spettacolo di Santa Lucia – afferma Gloria Angelotti, presidente del Franco  Agostino Teatro Festival –  è un regalo alla comunità diventato ormai una piacevolissima consuetudine che si rinnova ogni anno grazie alla positiva collaborazione tra il FATF e il Comune di Cremona. Il nostro ringraziamento va quindi all’Amministrazione comunale e, in particolare, all’Assessore alle Politiche Educative e alla Famiglia, Jane Alquati, che anche quest’anno hanno reso possibile la realizzazione di questo atteso evento. Un grazie speciale anche a Stefania Reali per il suo prezioso contributo organizzativo, così utile per la buona riuscita della nostra iniziativa”.

GLI ORARI DEGLI SPETTACOLI
(INGRESSO GRATUITO)

Lo spettacolo verrà proposto in anteprima per gli alunni delle classi del primo ciclo delle scuole della città di Cremona venerdì 7 dicembre, sempre a Palazzo Cittanova. Un attore racconterà una storia che viene da lontano che parla di buio e nebbia, di terra e di radici, di voglia di scoprire e di ritrovare, racconta di desideri da lasciare a S. Lucia con lievità e speranza.

– Venerdì 7 dicembre, dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e dalle ore 14,00 alle ore 16,00 (riservato alle scuole primarie su prenotazione – tel. 0372.407917)
– Domenica 9 dicembre, ore 15,30 per famiglie, bambini e adulti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti