8 Commenti

Terminato l'esame dei "nuovi elettori" per il ballottaggio, saranno 86 in tutta la provincia

bersrenz-ev

AGGIORNAMENTO – In provincia di Cremona potranno votare 86 nuovi iscritti alle primarie del centrosinistra su 530 richieste arrivate, con una percentuale del 16% di accoglimento. Si tratta di una delle percentuali più alte di “ammessi” in tutta la Lombardia. La commissione che ha esaminato le domande ha iniziato a lavorare venerdì sera ed ha finito sabato pomeriggio alle 17. “Pur con le forche caudine messe dalla direzione nazionale che hanno limitato l’accoglimento delle richieste – ha detto Giorgio Feraboli, del Comitato Renzi – va detto che a Cremona il lavoro è stato fatto in maniera corretta e molto seria”.

A poche ore dalla giornata finale di queste lunghe e vere primarie, la tensione è molto alta all’interno dei due comitati locali (quelli pro-Renzi e pro-Bersani). A complicare le cose gli ultimi endorsement a favore di Renzi, alcuni dei quali inattesi. Come quello dell’ex sindaco Giancarlo Corada (con il suo portavoce di un tempo, Deo Fogliazza, attivo invece nei comitati per l’ulivo con Bersani), proveniente dal Pci. Corada: “Domenica ho votato Renzi e lo voterò anche domani. Ho stima e simpatia per Bersani ma scelgo il sindaco di Firenze perché ha messo nel suo programma la riforma della politica e la riduzione dei costi della politica stessa. Tagliarli non è solo un fatto morale ma anche economico”. “All’inizio pensavo di votare per Vendola – ha detto Corada al giornalista Gilberto Bazoli – Poi ho scelto Renzi anche se i due programmi non solo poi così diversi. Ho l’impressione che Bersani sia ingabbiato da chi chiede una deroga ai loro mandati”.

Anche Caterina Ruggeri, consigliere comunale del Pd proveniente dal Psi, sceglie Renzi dopo aver fatto campagna elettorale per Laura Puppato.

“Abbandoniamo le ultime scintille tra Bersani e Renzi: rischiano solo  di rovinare il bel clima delle primarie e un’ottima prova di  democrazia. Questo  è il dato  che ci interessa.  Laura Puppato fino alla fine ha lasciato libera scelta ai suoi  elettori per il voto al ballottaggio di domenica prossima: né con  Renzi, né con Bersani. Una decisione che ho condiviso perché la scelta  non è facile, in quanto entrambi i candidati sono persone di valore:  Bersani, leader affidabile e capace, Renzi, il vento del cambiamento. Il primo con i piedi per terra a difesa del PD, l’altro con la  capacità dirottare nuovi consensi allo stesso PD. Questo è un bel  momento per il centro sinistra, il primo degli ultimo vent’anni, un  momento sul quale c’è grande interesse nazionale e internazionale e nel  quale si riversano molte aspettative di rinnovamento per il nostro  Paese e per le nostre istituzioni. – prosegue Caterina Ruggeri – Un risultato da attribuire in parti  uguali ad entrambi i candidati e da qui la difficile scelta di Laura  Puppato nel dare una indicazione netta. E’ pure la mia difficoltà,  anche se come esponente del PD locale ho il dovere di dichiarare per  chi voterò domenica. Tra l’altro, come referenti locali del Comitato  Puppato, abbiamo mandato a entrambi i Comitati, Bersani e Renzi, i suoi  cinque punti programmatici per una loro valutazione (ricordo che Laura  Puppato domenica scorsa ha preso il 3,9% e in città il 5,6%, un dato di  tutto rispetto). Solo i referenti locali di Renzi ci hanno risposto  subito e puntualmente. E’ uno stile anche questo, quello di rispettare  anche chi non la pensa come te e io sono francamente stanca degli  atteggiamenti di chi si sente sempre superiore e infallibile. Il  cambiamento passa anche da qui. Anche per questo domenica voterò Matteo Renzi, convinta che, insieme  a Pierluigi Bersani, il futuro sarà per un grande PD e per  nuove  energie al nostro Paese”.

Con Caterina Ruggeri e Corada salgono così a quattro i consiglieri comunali Pd che hanno scelto di stare con Renzi: oltre a questi due, anche Alessia Manfredini e Alessandro Corradi.

Ricordiamo che venerdì il Comitato Bersani, aveva presentato l’appello di numerosi sindaci a favore del segretario del Pd tra cui Claudio Silla, sindaco di Casalmaggiore, Carmine Lazzarini, sindaco di Castelverde, Giovanna Mazzeo, sindaco di Stagno Lombardo, Ivan Scaratti, sindaco di Grontardo e Rosolino Azzali, sindaco di Corte de’ Frati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Deo Fogliazza

    Ho pubblicato sulla mia pagina Facebook la notizia che Gian Carlo ha scelto Renzi. E l’ho accompagnata con il seguente commento.

    “Per la prima volta da anni ed anni mi trovo su una posizione politica, di un certo rilievo, diversa rispetto a quella di Gian Carlo. Anche questo fa parte del bello di una politica aperta e democratica. Si può. Si possono sostenere idee diverse pur mantenendo una salda e irriducibile stima ed amicizia 😉

    • MARIO

      il genius loci aleggia sempre su via volturno……………!!!!

  • Marco Alquati

    Ma che schifo!! Hanno ancora il coraggio di chiamarsi DEMOCRATICI??? Vergogna, consegnerete l’italia a quei pazzi dei grillini!

  • pico

    …. gerontocrazia.

  • roby27

    come farsi infinocchiare dalle solite mummie della politica che hanno rovinato l italia..ma agli italiani piace farsi infinocchiare!
    e parlo ti tutta la casta politica..

  • MARIO

    Potrebbe anche succedere che ci liberiamo da inciuci decennali…………. e che i frequentatori dei cunicoli della cremonella escano allo scoperto….con grande allarme degli “ambientalisti” di regime……….!!!
    In ogni caso nulla sarà più come prima……..!!

  • Marco

    Credevo nel cambiamento.
    Ieri è stato bellissimo, ha trionfato l’ottusità, io che sono di sinistra, mi vergogno, Renzi sarebbe stato l’uomo giusto.
    Avrebbe dato lo spunto per partire verso la direzione giusta, ovvero l’uguaglianza tanto sbandierata da Bersani.
    Un Nichi Vendola che plaude ed è felice, poi quando ci sarà da fare comunella con Casini, romperà il …….., incredibile, proprio lui che sta alleanza non la vuole.

    Via i vitalizi, via il rimborso ai partiti, via la Bindi, Via D’alema, via al 50% dei parlamentari.

    Il popolo di sinistra a risposto: NO VA TUTTO BENE COSI’, CONTINUAMO CON LA LINEA CONSERVATRICE.

    ELEZIONI 2013: Non potendo votare Renzi, io appoggio Movimento a Cinque Stelle, voglio semplicemente un cambiamento, aria nuova e volti nuovo, indipedentemente dai programmi.

  • MARIO

    Ha vinto Bersani, persona rispettabile e sincera…..ma i bersaniani o cambiano pelle o il paese li sommergerà in un futuro non molto lontano…..!!
    Non è sufficiente salire sul carro del vincitore per continuare la vecchia politica dell’inciucio……….!!