3 Commenti

Cittadini europei, le scuole si preparano al Viaggio della Memoria

viaggio-memoria

foto Francesco Sessa

Presentata la quarta edizione del progetto “Essere cittadini europei – Per una memoria europea attiva – Viaggio della Memoria 2012- 2013”. Un percorso, organizzato da Rete scuole superiori della provincia di Cremona, che intende proseguire l’itinerario degli anni scorsi con eventi e iniziative in preparazione al Viaggio della Memoria organizzato per il mese di aprile 2013 al campo di Natzweiler-Struthof, al Memoriale dell’Alsazia Mosella e al Parlamento Europeo di Strasburgo. Gli studenti verranno coinvolti in un percorso che partirà dall’approfondimento storico sul tema dei confini in Europa e dell’Europa, soffermandosi in particolare sulla storia del confine occidentale e sul ruolo dell’Europa Unita.

PROGRAMMA

Gennaio 2013

Casalmaggiore
22 gennaio (10-12)
I.I.I. ‘G. Romani’, Aula Magna, via Trento, 15 – Casalmaggiore
Fausto Ciuffi, storico, direttore della Fondazione Villa Emma ‘Ragazzi ebrei salvati’ di Nonantola (Mo)
‘Il campo di Natzweiler-Struthof nel sistema concetrazionario nazi-fascista’
Proiezione e presentazione del film documentario ‘In cammino con Boris Pahor’

Cremona
22 gennaio (14.30-16.30)
Istituto ‘J. Torriani’ – via Seminario, 19 – Cremona (Aula Varalli)
Incontro di formazione per docenti
Fausto Ciuffi, storico, direttore della Fondazione Villa Emma ‘Ragazzi ebrei salvati’ di Nonantola (Mo)

Crema
23 gennaio (10-12.30)
Sala Alessandrini, via Matilde di Canossa – Crema
Fausto Ciuffi, storico, direttore della Fondazione Villa Emma ‘Ragazzi ebrei salvati’ di Nonantola (Mo)
‘Il campo di Natzweiler-Struthof nel sistema concetrazionario nazi-fascista’
Proiezione e presentazione del film documentario ‘In cammino con Boris Pahor’

Crema
18 gennaio-28 gennaio
Sala di Porta Ripalta
Mostra fotografica
Fotografie di Francesco Pinzi ‘Lager Europa 1933-1945 – Viaggio nel sistema concentrazionario nazi-fascista”
Immagini scattate nel corso di diversi viaggi compiuti dal fotografo cremonese in 30 campi di concentramento e di sterminio in Germani, Polonia, Austraia, Italia e Francia”

Cremona
25 gennaio (10.30-12.30)
Istituto ‘J. Torriani’ – via Seminario, 19 – Cremona (Aula Magna)
Incontro con gli studenti delle scuole superiori
Boris Pahor, testimone di  Natzweiler-Struthof e scrittore di ‘Necropoli/Pellegrino tra ombre’

Febbraio

Cremona
19 febbraio (9-10.30)
Istituto ‘J. Torriani’ – via Seminario, 19 – Cremona
Fiore Filippaz, testimone del Centro raccolta Profughi di Padriciano (Trieste)
Roberto Spazzali, storico dell’IRSML nel Friuli Venezia Giulia (Trieste)
‘Storie e memorie del confine orientale d’Italia’

Crema
19 febbraio (11-12.30)
Sala Alessandrini, via Matilde di Canossa – Crema
Fiore Filippaz, testimone del Centro raccolta Profughi di Padriciano (Trieste)
Roberto Spazzali, storico dell’IRSML nel Friuli Venezia Giulia (Trieste)
‘Storie e memorie del confine orientale d’Italia’

Aprile

Mostra storico-didattica presso Istituto ‘J. Torriani’ – via Seminario, 19 – Cremona
Lunedì 8 aprile-martedì 30 aprile
Gli studenti presentano gli elaborati realizzati in preparazione del Viaggio della Memoria

15-17 aprile
Viaggio della Memoria
– Strasburgo: incontro con i parlamentari europei
– Schirmeck: visita al memoriale dell’Alsazia-Mosella
– Natzweiler-Struthof: visita al centro Europeo del resistente deportato, visita e cerimonia al campo di concentramento nazista
– Strasburgo: visita guidata ai luoghi più significativi della città

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Davide

    Ovviamente sempre e solo lager, ma fare cose simili ANCHE per i gulag?
    O c’è il rischio che aumenterebbero le persone che potrebbero pensare che, oltre al reato di apologia del fascismo, dovrebbe esistere il reato di apologia comunista?

    • Bianca

      Suvvia, non va mai bene nulla! E’ una bella iniziativa che ogni anno viene fatta, da ormai parecchi anni; io che di anni ne ho 29 ho partecipato ad uno di questi viaggi organizzato dalla prof.ssa Bottoli ed è stata un’esperienza molto emozionane e commuovente.
      Complimenti in particolare alla proff.ssa Bottoli che ogni anno si mette in prima persona per l’organizzazione e la realizzazione di questa esperienza.

      • Davide

        Ciao Bianca, non intendevo che non va bene o che la gente che organizza sia incompetente etc., ma che sarebbe giusto ricordare anche le morti provocati da altri (ma sempre con lo stesso fine).