Commenta

Vescovo e autorità ad Agropolis, dal 1990 attiva nella disabilità

AGROPOLIS

Come ogni anno a Cascina Marasco, sede della cooperativa Agropolis, si è rinnovata la festa degli auguri con le autorità del territorio. A fare gli onori di casa è stato il presidente Gianluigi Romani, che ha accolto le numerose autorità presenti: c’era il vescovo Dante Lafranconi e il prefetto Tancredi Bruno di Clarafond, il presidente della Provincia Salini e il sindaco di Cremona Oreste Perri con il vice Carlo Malvezzi e l’assessore Jane Alquati. Poi numerosi esponenti del mondo politico ed economico del territorio, con il presidente della Camera di Commercio Gian Domenico Auricchio.

A dar loro il benvenuto sono stati gli stessi ragazzi di Agropolis che hanno proposto alcuni brani natalizi esprimendo poi quello che per loro è il Natale.  Ai volontari e ai sostenitori di Agropolis si è rivolto nel suo intervento il presidente Romani, ricordando le ingenti spese sostenute per mettere a norma gli ambienti della cascina, ma anche l’impianto fotovoltaico realizzato a seguito dello smaltimento di un tetto d’amianto e che ora permette di risparmiare sulle bollette. “Spese che non è facile sostenere in questo tempo di crisi economica”, ha sottolineato il presidente di Agropolis, quasi rinnovando un appello alla solidarietà. Ma proprio in questo periodo difficile “si espande e si conferma la grande risorsa dei volontari – ha detto con emozione e riconoscenza Romani -. Ma la passione non è sufficiente per generare miracoli”.

Poi il pensiero al grande sforzo educativo e formativo verso i 23 ragazzi ospiti, alcuni di loro coinvolti nelle attività del centro socio-educativo, gli altri nei servizi di formazione all’autonomia.

Nell’occasione il prefetto di Cremona, ricordando l’impegno di Agropolis e dell’intera realtà cremonese a favore delle persona affette da disabilità, ha portato il sentimento di vicinanza alle famiglie e ai volontari del Capo dello Stato, informato dell’impegno e della vivacità della realtà cremonese. Parole di compiacimento per l’opera svolta sono state espresse anche dal vescovo Lafranconi che, dopo aver impartito una speciale benedizione su tutti i presenti, si è fermato a lungo con gli ospiti, parlando con loro e pranzando proprio tra di essi.

Al termine, per tutti il dono di una Stella di Natale, coltivata dai ragazzi nella sierra della cascina. Quindi un arrivederci: al 13 dicembre per la festa dei volontari e al 13 giugno per la tradizionale Festa Agropolis.

COS’E’ AGROPOLIS

Agropolis è una Cooperativa sociale ONLUS che dal 1990 opera nel settore dell’handicap e che, sin dai suoi inizi, si è impegnata sul piano educativo e formativo a promuovere azione di sostegno a favore delle persone diversamente abili e delle loro famiglie.

Nel 1999 la Cooperativa, in convenzione con il Comune di Cremona, ha attivato un nuovo Servizio finalizzato a strutturare interventi di consolidamento, recupero e potenziamento delle autonomie personali e sociali dei giovani disabili. Il Servizio è denominato S.F.A. (Servizio di Formazione all’Autonomia).

Dopo una prima fase di sperimentazione il Servizio si è via via consolidato offrendosi anche ad altri Comuni della provincia di Cremona. Parallelamente all’attività educativa e formativa la Cooperativa ha proseguito nell’impegno di completare la ristrutturazione della Cascina Marasco in cui vengono svolte le attività interne del Servizio al fine di poter ampliare la propria progettualità e rispondere in modo sempre più puntuale ai bisogni dei cittadini.

Gli spazi e l’aspetto morfologico dell’ambiente concorrono in modo essenziale alla caratterizzazione di queste attività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti