Commenta

Cremo, ultima del 2012: contro San Marino chiusura col botto

cremonese

foto Sessa

Due vittorie consecutive e un finale d’anno da chiudere con i botti. Nell’ultimo appuntamento del 2012 allo Zini (domenica alle 14.30 – diretta Twitter su Cremonaoggi), la Cremonese attende il San Marino, guidato in panchina dall’ex Leo Acori, con l’obiettivo di cogliere quel tris di successi che mai le è riuscito in stagione. Nonostante metà squadra ancora indisponibile, questo del resto non fa più notizia, i grigiorossi possono contare su una spinta emotiva che ha restituito fiducia e serenità all’intero gruppo. Se la difesa continua ad essere baluardo solido (solo 3 i gol subiti nella gestione Scienza), finalmente l’attacco sembra essersi sbloccato grazie a Marotta che, dopo un inizio in sordina, sta cominciando a ripagare le grandi aspettative.

La strada è lunga e tortuosa, ma la scalata non è impossibile. E’ questo il motivo che risuona nelle orecchie di giocatori e staff alla vigilia di una gara certamente non semplice. Il San Marino, distante 1 punto dai grigiorossi e anche lui con qualche assenza pesante, è una squadra che cerca sempre la manovra ragionata sfruttando l’ampiezza del campo grazie al lavoro degli esterni d’attacco. In difesa non hanno uomini di grande esperienza, ma dal centrocampo in su la qualità non manca. Oltre a Pacciardi, uno degli elementi di punta dei titani, attenzione anche a Doumbia e all’ex Massimo Coda, per lui più di ottanta presenze e 24 gol in tre anni di grigiorosso.

Con Alfonso ancora infortunato, tra i pali toccherà al veterano Grillo, sempre molto sicuro nelle svariate apparizioni stagionali, mentre il pacchetto arretrato verrà formato da Sales, Moi, Tedeschi e Visconti, quest’ultimo in vantaggio su Armenise. A centrocampo Scienza conta sul recupero di Buchel, non ancora al top, ma desideroso di tornare al centro della mediana con Baiocco e Degeri. In attacco invece la fantasia e l’estro di Carlini, assieme ai muscoli di Filippini, faranno da supporto al terminale Marotta. Si rivede tra i convocati dopo una lunga assenza Riva.

Da segnalare infine che nonostante i venti centimetri di neve scesi nella giornata di venerdì, gli spalti dello Zini sono stati prontamente ripuliti, mentre sul terreno di gioco verranno tolti i teloni soltanto prima del fischio d’inizio.

Probabile formazione (4-3-2-1): Grillo; Sales, Moi, Tedeschi, Visconti; Degeri, Baiocco, Buchel; Carlini, Filippini, Marotta. All.: Scienza.

Matteo Zanibelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti