Commenta

Al 112: 'Sono stato rapinato' ma è solo per ritorsione Denunciato per calunnia

calunnia-carabinieri

Chiama il 112 dicendo di essere stato rapinato da due connazionali, ma i carabinieri scoprono che si è inventato tutto. E’ successo ad Annicco nella serata di mercoledì. Protagonista della vicenda un marocchino di 48 anni, venditore ambulante. L’uomo è residente a Paderno Ponchielli, ma da qualche tempo viveva in casa del fratello proprio ad Annicco. Il 48enne non gradiva la presenza in casa di altri due ospiti con i quali aveva più volte avuto delle discussioni. E proprio nella serata di mercoledì l’ennesima lite, finita con un pugno ai danni del fratello del proprietario di casa. E’ allora che il 48enne, per vendicarsi, ha chiamato i carabinieri, dicendo ‘Sono stato rapinato di 3mila euro’, e accusando i due coinquilini indesiderati. Sono partite le indagini. I militari dell’Arma hanno raccolto varie testimonianze. Tra queste anche quella di un cittadino pakistano, testimone dell’accaduto, che ha dichiarato di aver assistito ad una aggressione e non ad una appropriazione di denaro, versione confermata anche dai connazionali accusati della rapina. Nella mattinata odierna, poi, l’ammissione a mente lucida del marocchino che ha confermato ai carabinieri di essersi inventato tutto per ritorsione. Il 48enne è stato denunciato per calunnia nei confronti dei due coinqulini e per procurato allarme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti