Un commento

Edilizia, Cremona prima in Italia con procedure on-line

dematerializzazione

Il Comune di Cremona ha concluso il processo di dematerializzazione delle procedure edilizie: dal 18 gennaio infatti anche le procedure in ambito paesaggistico e quelle legate all’agibilità degli edifici saranno on line. Lo ha annunciato il vice sindaco ed assessore all’Urbanistica Carlo Malvezzi. Accanto a lui Silvano Sanzeni, presidente dell’Ordine degli Architetti della provincia di Cremona, Adriano Faciocchi, presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Cremona, Giacomo Groppelli, presidente del Collegio provinciale dei Geometri e dei Geometri Laureati, e l’architetto Massimo Masotti. A rappresentare gli uffici comunali impegnati in questo percorso vi era Marco Masserdotti,  direttore del Settore Gestione Territorio. Il percorso intrapreso e condotto a termine, che comporta una significativa semplificazione e un conseguente risparmio di risorse pubbliche e private, è stato infatti condiviso con gli ordini e i collegi professionali attraverso un rapporto di fattiva collaborazione con la struttura comunale .

Il Comune di Cremona, coerentemente con l’obiettivo di un progressivo processo di dematerializzazione delle procedure a carattere edilizio, partendo dal “protocollo d’intesa per la dematerializzazione dei fascicoli dello Sportello Unico delle Imprese e dell’Edilizia” sottoscritto il 1° aprile 2010 dai soggetti interessati, ha progressivamente reso telematiche tutte le procedure a carattere edilizio in perfetta sintonia con il Codice Digitale della Pubblica Amministrazione nell’ottica di una generale operazione di ammodernamento e innovazione dei servizi offerti ai cittadini e del modo di operare degli uffici comunali preposti.

Con la digitalizzazione di queste  ultime procedure (in ambito paesaggistico e legate all’agibilità degli edifici), che saranno operative esclusivamente in modalità digitale con attivazione dal portale on line dedicato (raggiungibile dal sito istituzionale del Comune) a partire dal 18 gennaio 2013, si conclude il percorso di dematerializzazione delle procedure a carattere edilizio che ha interessato:

 DIA (Denuncia di Inizio Attività) e SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) con decorrenza dal 1° luglio 2011;

 CIA asseverata (Comunicazione di Inizio Attività asseverata) e CIA (Comunicazione di Inizio Attività) con decorrenza dal 1° febbraio 2012;

 PdC (Permesso di Costruire) con decorrenza dal 1° ottobre 2012;

 Procedure in Ambito Paesaggistico (Autorizzazione Paesaggistico con procedimento ordinario; Autorizzazione Paesaggistica con procedimento semplificato; Accertamento conformità Paesaggistica; Parere Preventivo Commissione Paesaggio) con decorrenza dal 18 gennaio 2013;

 Dichiarazione di Agibilità di edifici destinati ad attività economiche con decorrenza dal 18 gennaio 2013;

 Certificato di Agibilità con decorrenza dal 18 gennaio 2013.

Ai fini della semplificazione e della sensibile contrazione delle tempistiche delle procedure a carattere edilizio, è da segnalare che ha svolto un ruolo strategico l’istituzione della Riunione Operativa Unificata (con cadenza settimanale) dove in tempo reale avviene l’acquisizione dei pareri istruttori sulle pratiche edilizie (sia interni: Lavori Pubblici, Ecologia, Patrimonio, Mobilità, Strade ecc.; sia esterni: ASL, ARPA, Vigili del Fuoco, Soprintendenza ecc.) agevolata da uno scambio telematico degli elaborati progettuali e di tutti i documenti connessi alle pratiche.

“Non posso che esprimere soddisfazione per il raggiungimento di un obiettivo strategicamente così rilevante per l’impatto che lo stesso ha già avuto ed avrà ancor di più  sul territorio come positiva ricaduta sull’attività delle imprese e dei professionisti. A tale proposito occorre ricordo che il Comune di Cremona è il primo comune italiano ad avere attuato la completa dematerializzazione delle procedure a carattere edilizio e come possibilità unica ed esclusiva per l’attivazione delle stesse”, così il vice sindaco ed assessore all’Urbanistica Carlo Malvezzi ha commentato questa importante innovazione.

“Il lavoro svolto – ha proseguito il vice sindaco – non è passato inosservato né a livello nazionale, rispetto al quale la testata giornalistica de Il Sole 24Ore ha ripetutamente manifestato il proprio interesse e plauso, né tanto meno a livello regionale: il Comune di Cremona è stato infatti premiato nell’ambito del bando regionale Lombardia più semplice”.

Il vice sindaco, rimarcando l’impegnativo lavoro sino ad ora compiuto da tutti gli uffici del Settore Gestione Territorio, ha aggiunto che il prossimo passo sarà la dematerializzazione di tutte le procedure urbanistiche e la realizzazione di un portale dedicato all’Urbanistica, dove si possano trovare le innovazioni introdotte in questi anni, ad iniziare dalla Variante generale al Piano di Governo del Territorio che il Consiglio comunale sarà chiamato ad adottare il 28 gennaio prossimo. Questo in linea con il momento particolare che stiamo vivendo che esige interventi innovativi.

L’accesso per l’attivazione delle procedure a carattere edilizie in modalità telematica (on line) avviene dalla home page del sito web del Comune di Cremona (www.comune.cremona.it) nella sezione pratiche edilizie.

Come tutte le altre procedure edilizie già operative in modalità on line, l’accesso al portale telematico è riservato ai tecnici professionisti abilitati muniti di firma digitale che abbiano ottenuto incarico formale all’attivazione della procedura da parte del committente.

Anche per queste nuove procedure, come nel caso del Permesso di Costruire, l’assolvimento dell’imposta di bollo in modalità virtuale e dei diritti di segreteria dovuti potrà essere effettuato, oltre che attraverso i metodi correntemente in uso (bonifico bancario, bollettino postale, ecc.),  con carta di credito direttamente attraverso il portale telematico riservato alle procedure edilizie.

Ha quindi concluso il vice sindaco Carlo Malvezzi: “Ringrazio tutti gli Ordini, i Collegi e le Associazioni professionali ed i loro iscritti per l’imprescindibile lavoro di sostegno, collaborazione e condivisione del lavoro svolto sul tema della semplificazione attraverso la dematerializzazione delle procedure a carattere edilizio analogamente a quanto già sperimentato in precedenza nel lavoro di stesura del nuovo Regolamento Edilizio, per la Qualità Paesaggistica, la Sostenibilità Ambientale e l’Efficienza Energetica.”

A nome dell’Ordine degli Architetti il presidente Silvano Sanzeni ha sottolineato come la dematerializzazione abbia contribuito a snellire e a rendere più trasparenti le procedure, mentre Adriano Faciocchi, presidente dell’Ordine degli Ingegneri, dopo avere messo in evidenza l’impegno del Comune sul fronte dell’innovazione e la disponibilità ad un continuo miglioramento degli strumenti adottati, ha auspicato che altri Comuni seguano l’esempio di Cremona. Infine, Giacomo Groppelli, nella veste di presidente del Collegio provinciale dei geometri, ha messo in evidenza il clima di collaborazione instaurato in questi anni con il Comune, tale da permettere di lavorare meglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • contribuente imu

    In questo articolo, però, non vengono dette alcune cose che potrebbero essere di interesse alla cittadinanza. Quanto è costata o costerà alle casse del Comune questa iniziativa? Chi effettivamente l’ha gestita e la gestisce?