Commenta

'Donna è sport', mostra in S. Maria della Pietà dal 12 febbraio

donna-e-sport

foto Sessa

Nell’ambito di “Cremona Città Europea dello Sport”, la mostra “Donna è sport” che sarà inaugurata martedì 12 febbraio, alle 17.30, al Centro Culturale S. Maria della Pietà di piazza Giovanni XXIII. Si tratta di un’esposizione particolare e allo stesso tempo suggestiva: una carrellata di immagini grazie alle quali sarà possibile ripercorrere la storia dello sport al femminile dal 1861 al 2011.

La mostra, che documenta per la prima volta l’evoluzione del movimento sportivo femminile italiano, è stata realizzata dalla Fondazione Candido Cannavò per lo Sport, costituita nel novembre 2009 per onorare nel modo migliore la memoria dello storico direttore della Gazzetta dello Sport. Un omaggio dunque tutto al femminile, quel settore in ambito sportivo che non è mai stato messo abbastanza in luce, mentre i riflettori erano sempre puntati sugli uomini: discriminazione contro la quale il giornalista Candido Cannavò ha condotto una delle sue tante battaglie.

Un’esposizione corposa, costituita da 70 pannelli formato 1 x 2 metri che testimoniano, attraverso 700 immagini e brevi testi/didascalie esplicative, l’evoluzione dello sport femminile dall’Unità d’Italia ai nostri giorni. I pannelli sono suddivisi in tre sezioni distinte: le origini dello sport femminile e le pioniere del movimento; le 16 protagoniste dello sport femminile italiano dal 1861 ad oggi: da Ondina Valla a Federica Pellegrini; discipline sportive.

Accanto ai pannelli riccamente illustrati e documentati, la mostra si completa con pannelli “a parete” che documentano l’evoluzione dello sport femminile attraverso la letteratura, con i contributi di grandi scrittori che si sono occupati di donne e sport e di autrici che hanno scritto di sport. Altri pannelli illustrano la cronologia essenziale del primo secolo (1861 – 1961) di evoluzione della realtà femminile italiana, mescolando le tappe più significative dello sviluppo sociale del nostro paese e quelle relative alle principali tappe dello sviluppo del movimento sportivo femminile italiano.

Accanto alla rassegna nazionale, per iniziativa del curatore Pierluigi Torresani e del Panathlon di Cremona, viene raccontata la storia e l’evoluzione dello sport al femminile nel nostro territorio. Partendo da una ricerca pubblicazione di Maurizio Mondoni “Lo sport cremonese è anche donna”, con la collaborazione dello stesso autore, è stato fatto un lavoro di aggiornamento fino al 2012, ricavandone in 8 pannelli una sorta di memoria storica per le giovani generazioni ed una rilettura critica interessante, con i passaggi sportivi più incisivi per il territorio cremonese.

Centro Culturale S. Maria della Pietà – piazza Giovanni XXIII – Cremona
Ingresso libero, fino al 31 marzo 2013
Orari: dal martedì alla domenica 10,00 – 13,00 e 15,00 – 18,00 (lunedì chiuso)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti