Commenta

Vanoli contro Acea, obiettivo: uscire a testa alta

vanoli

foto Sessa

Il successo di domenica scorsa contro Montegranaro ha avuto un peso molto importante per la Vanoli Cremona ai fini del discorso salvezza. I biancoazzurri hanno 8 punti di vantaggio sul fanalino di coda Biella, già battuto all’andata (arriverà al Palaradi nell’ultima gara del campionato) e sei sulla coppia Pesaro ed Avellino (quest’ultimo ha una partita da recuperare). Al termine della stagione regolare mancano 10 giornate (5 in casa ed altrettante in trasferta per i cremonesi) pertanto è impossibile vivere di rendita. Per la Vanoli Cremona ora si apre un ciclo di sei confronti con pronostico decisamente sfavorevole. Domenica il sodalizio di coach Gresta è nella capitale (inizio ore 18.15) contro l’Acea in piena corsa per i play-off. Poi si proseguirà al PalaRadi contro Cantù, in esterna a Milano, in casa contro Sassari, a Venezia ed a Cremona contro Siena. Ogni match sarà un impresa titanica per Jackson e compagni che avranno quale unico scopo quello di uscire a testa alta, di fare bella figura e se poi ci scappasse la sorpresa tanto meglio. Iniziando da Roma, i giallorossi dopo un periodo non entusiasmante con molti alti e bassi sembrano aver trovato il giusto assetto per seguire con continuità la via verso i play-off. Coach Calvani ha a disposizione giocatori di valore, ma che non sempre hanno avuto un rendimento costante. Tra questi spiccano Taylor, play che sa guidare la squadra con maturità e pericolosità offensiva, Goss, Jones, Lawal e soprattutto la star, il capitano Gigi Datome e l’ex Vanoli Lollo D’Ercole. Coach Calvani ha già fatto capire ai suoi di non pensare di aver vita facile con i cremonesi. Coach Gresta, purtroppo, non avrà ancora a disposizione Peric che sta lentamente recuperando.

Marco Ravara

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti