3 Commenti

Chiedi un aiuto pubblico? Finanza controlla se ne hai bisogno Firmato protocollo tra Fiamme Gialle e Azienda Sociale del Cremonese

finanza-sociale

Verificare e accertare l’effettivo bisogno di chi richiede aiuti pubblici. Questo lo spirito del protocollo d’intesa firmato dal Presidente dell’Azienda Sociale del Cremonese – l’assessore ai Servizi Sociali del Comune Luigi Amore – in rappresentanza dei 46 Comuni del Distretto di Cremona e dal Comandante Provinciale della Guardia di Finanza – colonnello Alfonso Ghiraldini. Lo scopo è quello di incrementare la cooperazione e lo scambio informativo in materia di Prestazioni Sociali Agevolate. D’ora in avanti, l’Azienda Sociale del Cremonese, per conto dei Comuni, e la Guardia di Finanza collaboreranno per la verifica e per l’accertamento dell’effettiva sussistenza, in capo ai richiedenti, dei requisiti previsti dalla legge per accedere alle provvidenze pubbliche. A tale riguardo, i Comuni hanno approvato un regolamento, omogeneo per tutto il territorio, per meglio qualificare i criteri per sottoporre all’attività di controllo le dichiarazioni finalizzate all’ottenimento di benefici.
In particolare, l’Azienda potrà segnalare alla Guardia di Finanza i cittadini nei confronti dei quali si nutrano dubbi circa la veridicità delle condizioni economiche indicate nella dichiarazione sostitutiva per accedere ai sussidi pubblici, allegando tutte le informazioni a carattere patrimoniale e reddituale di cui abbiano conoscenza. I militari della Guardia di Finanza, tenuto conto di specifici indici di anomalia, selezionati secondo criteri di gravità e concretezza, effettueranno i controlli nei confronti dei beneficiari segnalati dai Comuni, avviando le attività ispettive che riterranno opportune al fine di verificare l’effettiva situazione reddituale e patrimoniale.
“La sottoscrizione del Protocollo, che si aggiunge a quelli già in vigore con il Comune di Cremona e l’A.S.L. di Cremon – è il commento dei soggetti coinvolti – rappresenta un ulteriore passo in avanti nella collaborazione tra la Guardia di Finanza e gli Enti Locali per garantire che i sussidi pubblici, soprattutto in periodi di crisi economica e finanziaria, vengano attribuiti ai cittadini che ne abbiano effettivamente diritto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • germana

    lo trovo assolutamente corretto

    • baldini maurizio

      Bene cosi’purche’ gli accertamenti siano rapidi.

  • danilo

    Domanda indecente : ma chi controlla la Guardia di Finanza ?