28 Commenti

Pochi cremonesi alle dirette del consiglio ma c'è il limite di accessi Tegagni (M5S): 'Presto nelle commissioni' Fasani (Pdl): 'Il problema della città non è certo lo streaming'

DIRETTA-CONSIGLIO

Quanti cremonesi si sono collegati al sito del Comune per seguire il consiglio in diretta streaming? Una quindicina con picchi di 20 persone nelle ultime due sedute, le uniche in cui sono state accese le telecamere nel Salone dei Quadri dopo le richieste del consigliere Schifano dell’Idv e del Movimento 5 Stelle locale. Il servizio è in fase sperimentale e – a parte qualche articolo sui giornali cartacei e on-line – non è stato molto pubblicizzato. Sul sito del Comune si fa fatica a trovare il link per arrivare alla pagina della diretta web. E i numeri degli accessi simultanei sono vincolati: “in questa fase possono utilizzare il servizio solo venti utenti simultanei – si legge sul sito – La seconda fase, a fronte di una analisi della sperimentazione in atto permetterà l’accesso allo streaming senza limitazioni”. In più, questa prima versione di diretta streaming (messa in piedi da Aemcom con tecnologie già a disposizione per limitare i costi) non è disponibile per tablet o cellulari. Difficile, dunque, dire per ora se i cremonesi si siano già appassionati alle sedute di consiglio, se il servizio avrà in futuro un effettivo riscontro. “Insisteremo per allargare il limite degli accessi entro un paio di settimane – ha detto Alessandro Tegagni del Movimento 5 Stelle – Serve una pubblicizzazione maggiore dell’iniziativa. Ad aprile chiederemo la diretta anche per le commissioni”.
“E’ uno strumento che facilita la partecipazione dei cittadini – ha dichiarato Federico Fasani, capogruppo del Pdl – ma non so se è necessaria una maggiore pubblicizzazione, anche perché se la cittadinanza è interessata può già assistere a consigli e commissioni. Io stesso ho fatto commissioni affollatissime. Credo comunque che il problema della città di Cremona adesso non sia certo quello di pubblicizzare lo streaming”.
“Bisogna capire quali sono gli accessi senza le limitazioni e potenziare la piattaforma – ha commentato Alessia Manfredini del Pd – Noi siamo favorevoli a tutto ciò che è utile per la trasparenza. Non solo, proporremo di fare le sedute di consiglio alla sera per consentire la maggiore partecipazione di consiglieri e cittadini che lavorano, compatibilmente con le spese per il personale, e cercheremo di introdurre il question time, sedute con interrogazioni specifiche su temi urgenti e risposte rapide e immediate da parte della Giunta”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • 5 stelle, ma solo per gli alberghi

    Ma questo alessandro tegami, tegnani, o quel che lè, non può forsela lui la pubblicizzazione di questa cazzata spaziale dello streaming, o è troppo impegnato ad ascoltarsi i suoi guru?

    • la invito ad illustrare allora quali sono le SUE iniziative ed idee per aumentare la trasparenza delle istituzioni e la partecipazione attiva della cittadinanza all’attività politica.

      • 5 stelle, ma solo per gli alberghi

        Questa democrazia a senso unico non mi piace, non mi sembra che le riunioni dei grillini a roma siano pubbliche, anzi… si predica bene e si razzola male, come sempre.
        Chi vuole può andarsi a sentire i consigli comunali che vuole come è sempre stato, vedere in diretta se uno beve un bicchiere di acqua o se si mette le dita nel naso, è morboso, e non porta a niete.

        • caro amico concittadino, invece di riempirsi la bocca di critiche infamanti e non suffragate dai fatti, la invito ad iscriversi al movimento 5 stelle e poi a provare a partecipare alle riunioni e alle attività, in modo tale da rendersi conto in prima persona di quella che è la realtà dei fatti;
          le dirette non servono a vedere chi si mette le dita nel naso ma a seguire gli interventi dei nostri dipendenti che dovrebbero, in teoria, lavorare nell’interesse comune per il bene di tutti;
          e siccome siamo nel 2013 e fare trasmissioni di un evento ha dei costi risibili, magari il cittadino pretende la massima trasparenza posta in essere con il massimo della funzionalità; la questione sta tutta qua; dopodichè ribadisco, riveste un ruolo centrale anche l’upload su piattaforme di video-sharing di suddette sedute.

          • 5 stelle, ma solo per gli alberghi

            Come detto, io di 5 stelle amo solo gli alberghi,non amo i guru con la permanente,i vice guru che mandano affanculo, e privi di pensieri propri che li seguono e che non hanno niente da fare se non rispondere a tutti, in tutti blog, e a tutte le ore.
            Questa non è democrazia e solo ridondanza di Internet e dei suoi annessi.

          • la ringrazio per gli insulti ed anzi la invito a insistere poichè così facendo non fa altro che coprire di fango e di ridicolo sè stesso; successivamente a bocce ferme, a conti fatti, vedremo quali saranno i risultati tangibili che otterrà chi “non ha niente da fare” e li compareremo con i SUOI di risultati.

  • danilo

    E’ la dimostrazione che i cittadini :
    a) non hanno tempo da perdere per seguire le dirette del consiglio comunale
    b) che di quello che si dice in aula non gli interessa granchè
    c) che è l’ulteriore spreco di denaro pubblico ( e di buonsenso ) made in M5S.

    • lei parla come se la partecipazione e la trasparenza fossero un qualcosa di superfluo ed inutile, pertanto da ciò si può evincere una certa impreparazione e una certa inadeguatezza nell’affrontare la tematica della democrazia diretta e della sovranità popolare;
      inoltre questa sua farneticazione sullo “spreco” ci fa anche capire che lei non ha la benché minima idea di cosa siano le politiche economiche di un ente locale o di uno stato.
      si informi meglio per cortesia.

      • Sandra

        Lei invece ha presente il significato della parola DELEGA in democrazia e della parola PARANOIA in psichiatria ?

        • quella di cui parla lei è democrazia rappresentativa; fra i nostri obbiettivi c’è senz’altro quello di scalzare la democrazia rappresentativa e sostituirla con la democrazia diretta; se lei non sa di che si tratta, è un’altro discorso.

          • PiovonoPietre

            Pendiamo dalle sue labbra, ci illumini.
            Lo faccia da solo, però, senza consultare i bigini che i vostri ispiratori vi consigliano, tipo “Educazione civica per le scuole medie”, “Come gestire la riunione di condominio” o “Le regole del nascondino (tomo 1)”.

          • caro cittadino “piovonopietre”, se la vada a studiare come fanno tutti. buon lavoro.

  • naturalmente riveste un ruolo centrale il mettere tutte le registrazioni poi disponibili su una piattaforma di video-sharing in modo tale da consentire ai cittadini di poter accedere in qualunque momento alle attività dei nostri dipendenti;
    una precisazione per quei cittadini preoccupati per le eventuali spese: il circuito di telecamere e di microfoni è presente da sempre in sala del consiglio, (per cui soldi spesi = 0) e le operazioni di video streaming e video sharing possono essere effettuate da chiunque al mondo in maniera gratuita (per cui TEORICAMENTE soldi spesi = 0). se poi il comune opta per delle scelte dispendiose e poco funzionali questa è un’altra questione, ma non mischiamo le mele con le pere per cortesia.

    • danilo

      Primo :,mi è difficile comprendere questa necessità di avere e conservare memoria di ogni singolo istante di ciascuna riunione del consiglio comunale. Anche perchè esistono i verbali.
      Secondo : i grandi eventi che interessano la città e che ne determinano il bilancio passano in consiglio solo marginalmente . Esempio : la grande tegola che si è abbattuta sul comune di Cremona nel 2011 è stata la messa in liquidazione con l’azzeramento del capitale di Blugas SPA , società partecipata da LGH a sua volta partecipata da Aem SPA , a sua volta controllata dal Comune di Cremona.
      Conseguenza : perdita di una dozzina di milioni di euro e distribuzione del dividendo di tre milioni di euro , da parte della controllata AEM al Comune di Cremona solo attingendo alle riserve di LGH ( che ovviamente non sono infinite ).
      Ma lei , signor Brigati , ne ha mai sentito parlare in consiglio comunale ? Il caso è affiorato , ma molto marginalmente , con un’interrogazione postuma di due consigliri a distanza di oltre un anno dall’accaduto e grazie alla segnalazione di un privato cittadino che si era dato la briga di leggersi la relazione accompagnatoria al bilancio sul sito LGH.
      Conclusioni : in consiglio comunale transitano gli argomenti all’ordine del giorno . Ma è nelle pieghe informative degli assessorati ( in questo caso al bilancio e alle partecipate ) che si annidano gli elementi informativi di maggior valore.
      Non bastano le parole del consiglio , e neppure la loro registrazione e trasmissione ai posteri.
      Servono ” la visione di gioco ” e la comprensione profonda degli argomenti che si trattano.
      Se no, forniamo solo un gran massa di dati inutilizzabili alle memorie di massa e stop.
      Come cittadino , mi permetta , deisdero qualcosa di diverso, di meglio, e di più.

      • il principio che sta alla base di questa iniziativa è meramente quello della trasparenza; nessuno ha mai voluto proporlo come la panacea di tutti i mali; è solo uno dei molti punti di un programma, che può piacere o no; il movimento 5 stelle di cremona segue naturalmente le attività dei consigli comunali, delle commissioni, cerca di raccogliere i pareri e le problematiche reali della gente, e difatti stiamo già provvedendo alla realizzazione del programma per le amministrative 2014.

  • Sandra

    Mi pare che questo Saverio Brigati si stia giocando la faccia ( e qualcosa in piu’ ) su una questione non vitale per i cittadini , i quali con il voto hanno espresso dei loro rappresentanti in consiglio , che non possono e non vogliono certo controllare parola per parola. Piu’ realismo e meno demagogia, signor Brigati. E cominci lei a dare il buon esempio con la diretta streaming delle riunioni del M5s . Tolta la curiosita’ iniziale e qualche sana risata, dopo un po’ vuole scommettere che non gliene freghera’ piu’ niente a nessuno ?

    • noto con un certo dispiacere che la cittadina Sandra non ha la benchè minima idea di cosa sia la democrazia diretta (o democrazia partecipativa che dir si voglia), pertanto la invito a studiare.
      dopodichè è evidente che questo non è assolutamente un tema centrale nè prioritario per il cittadino, e infatti nessuno ha mai sostenuto questo; la trasparenza è solamente uno moltissimi punti del nostro programma; che va considerato nella sua interezza;

      • mario

        ah si, la democrazia diretta !!!!!!!!!! Quella per cui chi urla piu’ forte ha ragione, no ???

        • no, quel metodo di governo applicato da secoli con successo in svizzera e tuttora implementato nelle piu avanzate democrazie occidentali;

        • Babilon

          Mario… se fossero solo urla ti direi che hai ragione… ma se serve per cambiare le cose… guarda monti, berlusconi e bersani… loro non urlano e sono molto pacati… ma cosa hanno fatto???
          mettiti i tappi cos’ le urla non ti disturbano e apri bene gli occhi per vedere e gustarti i cambiamenti che gioveranno anche a te…

  • Osvaldo B.

    Io sono un’informatico e magari mi sto dando la zappa sui piedi ma……se si vuole avere visibilità verso “tutti” i cittadini non è meglio fare una diretta TV piuttosto che uno streaming riservato solo ad un’utenza “informatizzata” ?

    Ad ogni modo concordo sul fatto che questa non è una priorità per i cittadini Cremonesi.

  • sandra

    La diretta tv del consiglio comunale di Cremona ? Ma ti immagini gli indici di ascolto ? Mi piacerebbe sapere se esiste una Tv commerciale interessata a una tale trasmissione.E poi , per piacere , gli eletti in consiglio comunale hanno ricevuto un mandato. Se non lo onorano , sono i fatti che parlano , non il dibattito in consiglio comunale , e all ‘ elettore rimane sempre la possibilita’ di cambiare preferenza. Che dovremmo fare se non gradiamo un intervento ? Pretendere di intervenire in tempo reale in consiglio senza averne titolo ?

    • PiovonoPietre

      Sembrerà strano, ma sono totalmente d’accordo.

      • Marta

        D’accordo

  • Babilon

    la stupidità caro il mio “5 stelle, ma solo per gli alberghi” la fa da padrona nella sua testolina… che tristezza…

    • 5 stelle, ma solo per gli alberghi

      Hahaha, eh si, l’intelligenza il buon dio l’ha data solo a te, difatti sei grillino ed abbiamo detto tutto.

  • PiovonoPietre

    Sig. Brigati, non vedo l’ora di applaudirla in Consiglio Comunale, quando, stando alla sua logica, essendo eletto consigliere sarà un nostro “dipendente”. Per ora mi limito a trattenere lo sghignazzo. Mi è concesso, concittadino ?

  • Sandra

    Ho assistito alla diretta streaming delle consultazioni di Bersani con la Lombardo e Crimi , mentre in contemporanea Grillo omaggiava dal web Bersani come padre puttaniere ! Proprio un bell’esempio riuscito di democrazia diretta. Mi ha tolto ogni dubbio residuo. La diretta streming in politica , gestita alla M5S , e’ veramente la madre di tutte le cazzate.