15 Commenti

Scontro politico, 5 Stelle: 'Il sindaco prenda posizione"

perri-scontro

Il Movimento 5 Stelle di Cremona interviene sullo scontro politico avvenuto in pieno centro il 16 marzo. I grillini chiedono al sindaco Oreste Perri di intervenire immediatamente per chiarire la posizione della giunta cremonese riguardo ai gravi atti di violenza gratuita avvenuti presso il locale “Chocolat” e al pestaggio in Corso Campi. “I gravi fatti accaduti – scrivono – sono da censurare in un Paese che dovrebbe essere civile e democratico e che si basa sulla Costituzione. La Costituzione italiana è nata ed ispirata da un grande fatto globale. E’ nata dalla violenza, dalla guerra, dal conflitto. Noi tutti siamo, o dovremmo essere, fedeli alla carta costituzionale. Fondamento della nostra politica e del nostro modo di essere cittadini italiani. Nel senso del rispetto reciproco e della cooperazione. I nostri padri hanno lottato per un paese civile e non possiamo permettere tali atti di violenza, che sono figli di associazioni vicine a ideologie estremiste. Non è tollerabile una semplicistica affermazione di un mancato controllo dei partecipanti all’associazione. Bisogna, da parte delle amministrazioni, prendere una posizione chiara e netta contro gli estremismi. Fare spallucce di fronte a gravi atti di violenza gratuita è segno di grande superficialità, di permissività e di eccessiva tolleranza, sintomi di immaturità politica e di poca serietà”.
“Il MoVimento 5 Stelle di Cremona – proseguono i grillini – non tollera alcun tipo di violenza estremista e si allontana da chi non prende una posizione chiara e netta riguardo alla situazione verificatasi. Saremo sempre lontani dall’agire superficiale e violento e denunciamo con forza gli atti di delegittimazione politica, come il taglio dei fondi all’ANPI o la riabilitazione dei combattenti di Salò. Siamo, purtroppo, abituati a vedere episodi di questo tipo e notare la tolleranza, ora insostenibile, dell’odierna politica. Ripetiamo, con forza, che tutte le istituzioni e tutti i partiti devono prendere distanze da tali gravi atti di violenza gratuita”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • alfio

    fuori i centri sociali da Cremona sono parassiti e poi si lamentano che non trovano lavoro! ma chi li prende visto come s vestono e come si comportano

    • Trottalemme

      Un encomio al Movimento 5Stelle per la presa di posizione. La violenza va censurata sempre, ma c’è violenza e violenza: la violenza di chi provoca e quella di chi si difende e risponde alle provocazioni.
      Solo così è stata possibile la Resistenza (e ogni tanto forse andrebbe ricordato all’ANPI…), da cui discende lo stato repubblicano e democratico che ha nella Costituzione la sua carta di riferimento. Piaccia o noi ai neofascisti/neonazisti, l’Italia è uno stato repubblicano, antifascista, democratico in cui la libertà è (relativamente) garantita.
      Approfondite i programmi e le idee di Forza Nuova e di Casa Pound: oltre ad essere alquanto discutibili, partono da un inaccettabile presupposto: prevedono, per affermarsi nella società, che vengano imposte dall’alto, da un regime dittatoriale, da un ‘uomo forte’, o da un’elite illuminata. Un esempio? La ‘soluzione’ ai problemi dell’immigrazione è la chiusura delle frontiere e il rimpatrio di chi già sta vivendo (magari da anni) nel nostro Paese: una ‘misura’ possibile nella Germania nazista e nell’Italia fascista, appunto.

      • grigiorosso61

        perchè in Europa non c’è una elite illuminata che può fregarti i soldi sul contocorrente?

  • Marco

    Cito dall’articolo: “Noi tutti siamo, o dovremmo essere, fedeli alla carta costituzionale…” quindi cosa ci fa casapound nella nostra città? Sembra una banalità ribadita e ripetutissima ma IL FASCISMO E’ ANTICOSTITUZIONALE. Si, però si “vestono bene e per questo trovano lavoro”…ah, allora tutto a posto.

  • Luca

    Con che faccia i grillini prendono le difese dell’anpi?
    Loro che hanno sostenuto che il fascismo era qualcosa tuttosommato buona?
    Vergogna!

    • respingo le accuse di fascismo al mittente, nel movimento 5 stelle non c’è nessun fascista e, come ribadito nel comunicato, siamo tutti concordi nel difendere i principi antifascisti scritti nella costituzione italiana; accusare noi di fascismo significa anche insinuare che non riconosciamo e rispettiamo gli stessi principi fondamentali della carta costituzionale nella loro totalità; inoltre le interesserà sapere che diversi attivisti del movimento a cremona fanno pure parte dell’associazione nazionale partigiani d’italia.
      su una tematica delicatissima come questa non accettiamo insulti di nessun tipo da nessuno, pertanto si vergogni lei semmai.

      • up&down

        quando si indica la luna chi non vuole vedere la luna guarda il dito. non mi pare che si dica “il m5s è fascista” (anche se certe dichiarazioni di grillo, quale quella del 100% del parlamento per restutirlo al cittadino, trovano comunque riscontri storici quanto meno disdicevoli). ma che qualcuno nel m5s treschi con il fascismo mi pare difficilmente negabile: dalle dichiarazioni sulla bontà del fascismo agli ammiccamenti a casapound. la pulizia forse opportuna.

        • se lei fosse a conoscenza di quella che è la situazione reale oggi in europa ed in italia saprebbe bene quali siano le vere minacce alla libertà dei popoli, minacce che si concretizzano sotto forma di repressione del dissenso di tipo fascista; ma ho idea che purtroppo lei sia distratto a far caso alle “favole da tg1”, tipo appunto quella che il movimento 5 stelle è infestato da pericolosi fascisti.
          la vera minaccia di stampo fascista realmente presente oggi è ben altro che un movimento di semplici cittadini che vogliono cambiare il paese in maniera democratica e pacifica;
          ci vediamo in piazza roma a cremona il 25 aprile, per l’anniversario della liberazione d’italia; troverà me ed altri cittadini del movimento 5 stelle di cremona.

          • up&down

            becca male, molto male. sono abbonato al fatto e non guardo le news televisive di qualsiasi formato.

  • up&down

    la capogruppo (meno capo, visto che l’ortottero tira i fili di tutto) alla camera dei deputati ha detto che il fascismo era buono prima delle aberrazioni successive. ora, la aberrazione è il fascismo e chi ragiona come la capogruppo meno capo (per non dire poi degli ammiccamenti a casapound, noto gruppo antifascista). pertanto i sostenitori m5s prima di parlare e sproloquiare (p.e. su anpi) dovrebbero fare pulizia in casa loro.

    • spiacente ma non accettiamo accuse di apologia del fascismo da nessuno, la invito a non insultare gravemente persone che oltre che far parte del movimento 5 stelle fanno anche parte dell’anpi stessa.

      • up&down

        insultare : chi? ho espresso la mia opinione politica sulla validità politica del vostro capogruppo alla camera: less than zero! gli ordini, linee, etc etc (chiamatele come volete) escono dal blog di grillo (che però quando fa comodo, vedi dichiarazione del sig. crimi al senato, in certe occasioni torna blog di un qualsiasi signore e senza legami diretti con m5s…mah, forse ho letto male!). non ho dato del morfeo, delle prostitute della patria, delle merde 2.0, etc etc a nessuno: queste non sarebbero forse offese?
        non usate la clava della “apologia del fascismo” come foglia di fico: ho detto, e ripeto, che sarebbe opportuno che il m5s facesse pulizia al suo interno. se qualcuno ha una coda “politica” molto corta sono affari suoi e non miei. per chiudere: sono iscritto (e me ne vanto) all’anpi. mi permetto di non salutarla, mi dia pure del poco educato.

        • beh pure io sono iscritto all’anpi, e proprio per questo motivo se mi si da del fascista o se si insinua che il movimento politico di cui faccio parte sia fascista mi ritengo insultato; dopodichè dall’interno del movimento le posso assicurare che di fascisti non ce ne sono, anche perchè viceversa me ne andrei immediatamente.

          • up&down

            mi tira per i capelli: ma le ha lette le dichiarazioni della “capogruppo meno capo” m5s della camera? quella è apologia del fascismo. e gli ammiccamenti fuori onda (sperata?) a casapound? certe travi sono difficili da vedere.

  • RODOLFO BONA

    Sulla questione ha deciso di intervenire la presidenza provinciale dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia. Ecco la nota ufficiale diramata dall’Anpi cremonese.
    “In merito ai fatti avvenuti in città nella notte fra il 16 e il 17 u.s., che hanno visto coinvolti esponenti di Casa Pound ed elementi contrapposti – si legge – l’Anpi, nel deplorare l’uso della violenza, di qualunque matrice, ritiene profondamente sbagliato l’aver consentito l’insediarsi di presidi di formazioni di estrema destra in città”.
    “Chiede pertanto alle autorità preposte all’ordine pubblico – prosegue – di rivedere le proprie decisioni in merito. Consentire e tollerare la presenza e le sedi di gruppi eversivi di estrema destra a Cremona, oltre che contravvenire alla XII disposizione transitoria della Costituzione e alla legge Mancino, ha la preoccupante conseguenza di inoculare un germe pericoloso nelle menti dei più giovani come già viene rilevato in alcune scuole cittadine. La nostra democrazia ripudia il razzismo, l’omofobia e la violenza: ci aspettiamo che anche le autorità si facciano carico di questo impegno con fatti e decisioni concrete”.
    Il commento è avvenuto subito dopo i fatti del 16 u.s. ed è stato pubblicato sulla stampa cremonese, compreso “Cremonaoggi” a testimonianza di come l’ANPI segua con estrema attenzione e preoccupazione, e dall’estate 2011, l’escalation di provocazioni e di violenza seguita ai ripetuti tentativi di insediamento a Cremona di Casa Pound, i cui militanti da tempo si sono distinti in Italia per aggressioni criminali di inaudita violenza, avvenute al riparo di iniziative mascherate da “attività culturale”. E’ apprezzabile la presa di posizione del M5stelle in quanto il ripudio della violenza e la lotta contro l’eversione antidemocratica dev’essere il terreno che accomuna tutti coloro che si riconoscono nella nostra Costituzione Democratica nata dalla Resistenza contro il fascismo e nel rispetto della legalità.