2 Commenti

Violenza sessuale e rapina, arrestato dai carabinieri

violenza-donna

Sopra a destra i carabinieri in conferenza stampa (Sessa)

Tentata violenza sessuale ai danni di una 46enne in strada. E’ successo all’una di notte del 29 marzo quando O.A., un ragazzo marocchino di 28 anni, ha fermato una donna che lavora come barista in via Ghinaglia. Probabilmente i due già si conoscevano, in quanto lui era cliente del bar. Lui, senza fissa dimora e  con una fedina penale lunghissima per furti e spaccio, le racconta di essere senza una casa e di essere già stato fermato per controlli dalle forze dell’ordine. La conversazione prosegue fino a quanto il ragazzo afferra la donna e cerca di violentarla per strada. Lei riesce a divincolarsi, prende in mano il cellulare per chiamare aiuto, ma lui glielo strappa. La 46enne riesce a mettere in fuga il suo aggressore, poi si reca in ospedale per farsi medicare (le riscontreranno ferite lievi) e denuncia ai carabinieri l’accaduto. In caserma, la donna racconta che l’uomo le aveva detto di essere stato fermato dalle forze dell’ordine, dunque i militari incrociano i dati e recuperano una foto che la vittima riconosce. Subito le pattuglie si mettono in moto per setacciare la città. Individuano il ragazzo in via Bergamo poche ore dopo, intorno a mezzogiorno. Viene riconosciuto, portato in carcere con l’accusa di violenza sessuale e rapina. I dettagli sono stati forniti dal capitano Livio Propato nel corso di una conferenza stampa presso il comando di viale Trento Trieste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • “…lui con una fedina penale lunghissima per furti e spaccio..”
    ma naturalmente ancora sul suolo italico, pronto a dagli ospitalità e kui ringrazia la legge italiana commettendo un reato odiosissimo come la violenza sulle donne(in questo caso)…
    e poi siamo razzisti eh..

    • favo

      Hai pienamente ragione è una vergogna ma ormai l italia è diventato il bengodi per questi schifosi. Io non ero razzista ma piano a piano lo sto diventando non se ne puo piu tra un po veramente se nn li manda via chi di dovere ci si farà giustizia da soli