8 Commenti

Il Pd sul caso precari: 'Controproducente alzare i toni con la magistratura'

pd

Sulla problematica dei lavoratori precari stabilizzati dal Comune nel 2011 (ma con decorrenza giuridica al 30 dicembre 2010), prende posizione la capogruppo del Pd Maura Ruggeri. “Mentre l’Amministrazione Perri  – afferma in una nota –   è impegnata nella missione quasi impossibile di ricomporre i propri conflitti,  impegno  che può solo dare risultati di facciata perchè è davanti agli occhi di tutti, ormai, il suo fallimento politico , si addensano  all’orizzonte  nubi di non poco conto.

“In particolare ci preoccupa fortemente  la sorte dei 32  lavoratori precari  stabilizzati da questa Amministrazione, che potrebbero vedere messo in discussione il loro rapporto di lavoro. Si parla di lavoratori già in carico all’Ente e per i quali, con le leggi varate dal governo Prodi e successive, è stato portato a compimento un percorso di stabilizzazione.

“Secondo la  Procura della Corte dei Conti, infatti, che ha rinviato a giudizio  per danno erariale Sindaco, Assessori e  Dirigenti per quelle assunzioni,  l’Amministrazione comunale, nel corso del 2010, non avrebbe potuto assumere personale a nessun titolo, a causa del mancato  rispetto del patto di stabilità  nel 2009, scelta assunta dalla Giunta per una deliberata volontà,  con una sottovalutazione degli effetti che l’attuale vicenda sta invece portando alla luce.

“Siamo perfettamente consapevoli della delicatezza del tema – conclude Ruggeri – che abbiamo affrontato con una interrogazione e attraverso due commissioni di viglianza e proprio per questo riteniamo  sbagliato e controproducente , per un positivo esito della vicenda, alzare i toni ed assumere iniziative  che  alimentino un clima di contrapposizione.

Dichiariamo invece  fin da ora, la piena disponibilità al confronto  con le forze sociali, per assumere ogni iniziativa utile alla salvaguardia dei diritti dei lavoratori”.

Il problema dei lavoratori sarà anche uno di punti di discussione dell’assemblea dei lavoratori indetta dalla Rsu del Comune e in programma lunedi prossimo 8 aprile nel Salone dei Quadri a partire dalle 10,30. Si parlerà anche della discussa riorganizzazione dell’ente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Chssachilosa

    Sul caso specifico ok ma comunque Bersani. Pizzetti e M.Ruggeri il “vecchiume” ……. A casa. basta riciclati ! Altrimenti le elezioni il pd le vince col binocolo

    • Alex

      e questo qualunquismo che sa dire solo: “tutti a casa” ! Testimonianza del nulla !

  • Cicerone

    Sarebbe interessante invece sapere chi è andato a mettere la pulce nell’orecchio della Corte dei Conti, credo non dovrebbe essere così difficile indovinare, vero? Qui si è andati a colpo sicuro sapendo di colpire nel posto giusto. Mi auguro proprio che quel qualcuno abbia un po’ di coscienza di rendersi conto dell’immane danno che ha combinato.

    • za

      Proprio perché si è andati a colpo sicuro non dovrebbe essere difficile individuare chi ha colpito per far questo chiasso.

  • Bettina

    Forse c’entrano i 58 milioni di debiti del Comune di Cremona!

  • PiovonoPietre

    Pur senza alzare troppo i toni, e non volendo alimentare alcun tipo di contrapposizione, si può dire che, nell’attesa delle iniziative di salvaguardia, ai 32 girano vorticosamente i coglioni ?

    • Bettina

      Nell’articolo c’è la risposta: Nel corso del 2010 l’Amministrazione Comunale, non avrebbe potuto assumere personale a NESSUN TITOLO , a causa del mancato rispetto del patto di stabilità del 2009.

      • PiovonoPietre

        Manca la premessa essenziale: “Secondo la Procura della Corte dei Conti…”. Un dettaglio importante, direi.