Commenta

Emolinfopatie, convegno con operatori sanitari di tutto il Nord Italia

foto Sessa

150 sono gli operatori sanitari che in mattinata hanno partecipato al convegno “Emolinfopatie di interesse chirurgico”, organizzato dall’UO di Ematologia, diretta da Francesco Lanza e dalla UO di Chirurgia Generale, diretta da Mario Martinotti.

A aprire i lavori Simona Mariani (Direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Cremona) che ha sottolineato l’importanza di eventi scientifici di questa portata poiché tesi ad aprire un confronto fra realtà differenti e accrescere così esperienze e competenze di grande rilievo per i professionisti della sanità.

A seguire il saluto accorato di Oreste Perri (Sindaco della Città) e le testimonianze di interesse e vicinanza delle istituzioni locali alle problematiche oncologiche del Presidente della Provincia Massimiliano Salini, del neo Consigliere Regionale Carlo Malvezzi e il Questore Antonio Bufano.

Le relazioni scientifiche hanno riassunto i principali percorsi diagnostico-terapeutici di alcune emolinfopatie, con particolare riferimento a quelle che contemplano la chirurgia nella fase di diagnosi e terapia.  Ad essere enfatizzato è stato il ruolo della multidisciplinarietà per un ottimale approccio clinico a queste malattie ematologiche, che vedono il ruolo crescente del radiologo, radioterapista, endoscopista e chirurgo, a fianco dell’ onco-ematologo, al fine di delineare con sempre maggior accuratezza il percorso clinico dei pazienti affetti da patologie ematologiche.

L’evento è organizzato dall’Ufficio Formazione del nostro Ospedale, grazie al supporto della Direzione Strategica, il patrocinio dell’ Ordine dei Medici, della Sezione AIL Oglio Po, della Rete Ematologica Lombarda e parteciperanno importanti Medici Ematologi e Chirurghi provenienti da prestigiose strutture sanitarie del Nord Italia.

Galleria fotografica di Francesco Sessa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti