11 Commenti

Caccia alle volpi in tana fino a giugno Fioccano mail di protesta alla Provincia Pinotti: 'Il piano approvato dall'Ispra'

volpi-provincia

Mail su mail alla casella di posta della Provincia (al settore, al Presidente Salini e al direttore generale) contro la caccia alla volpe, autorizzata dall’Ente fino a giugno all’interno del Piano provinciale di controllo della volpe. Arrivano da tutta Italia ed esprimono un forte dissenso nei confronti del provvedimento che ha efficacia “in questo periodo riproduttivo, delicato per tutte le specie di fauna selvatica”. L’autorizzazione prevede che le attività siano svolte in gruppi di minimo due persone, massimo cinque, con 1-2 cani da tana per gruppo. Il provvedimento ha delle differenze rispetto a quello dello scorso anno: estende la caccia fino a giugno anziché fino a marzo e consente il controllo della tana, l’appostamento dei cacciatori che evita l’impiego dei cani. “Ancora una volta – scrivono – si fanno gli interessi del mondo venatorio, anziché quelli della natura e degli animali, nonché della maggioranza deicittadini italiani, che sono contrari alla caccia. I cittadini rifiutano tanta violenza e crudeltà sugli animali, come rifiutano la presenza nelle campagne e nei boschi di bande di individui armati, oltretutto ben oltre i periodi consentiti dalla stagione di caccia”. Questo l’appello contenuto nel testo che arriva uguale nella maggior parte delle mail: “Chiediamo all’Amministrazione Provinciale di Cremona di interrompere immediatamente questa vergognosa pratica, devastante anche per i cani che vengono mandati nelle tane, dove gli animali, nel tentativo di difendere la prole, reagiscono con aggressività verso i loro predatori”.
“Il piano per il controllo della volpe 2013-2017 – ha detto l’assessore all’Agricoltura e all’Ambiente Gianluca Pinotti – è stato approvato a febbraio dall’Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale vigilato dal Ministero. Abbiamo esteso il periodo fino a giugno perché quest’anno siamo partiti tardi con il controllo e abbiamo aggiunto la possibilità della posta alla tana per rendere meno cruenta l’attività dei cacciatori, evitando l’utilizzo dei cani e di conseguenza le lotte cruente che questi ingaggiano. Il controllo alla volpe è una esigenza del territorio cremonese, prettamente agricolo. Diamo risposte a questo complesso problema, la riduzione delle volpi, con gli strumenti consentiti dalla legge”.
Intanto a Siena hanno bloccato la caccia in tana dopo le proteste e a Mantova gli esponenti di Sel hanno proposto di reintrodurre predatori naturali come la volpe contro le nutrie come sistema naturale di contenimento della popolazione.

Ci scusiamo, non ci sono sondaggi aperti.

Modalità di voto
E’ possibile un solo voto per ogni rete internet per evitare che qualcuno vanifichi il sondaggio votando più e più volte. Dunque se vi collegate da un ufficio o da casa e qualche collega o qualche parente ha già votato vi comparirà che il vostro voto è già stato conteggiato. Per ulteriori chiarimenti scrivete a redazione@cremonaoggi.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • chissà se un giorno il mondo possa girare alla rovescia e le volpi possano sparare a questi assessori all ambiente(!!).

  • giuseppina arena

    sparatevi alle palle cacciatori bastardi..sparate a quel deficiente che ha dato il via alla caccia…stramaledetti

  • gp

    Io ho scritto personalmente al presidente Salini..indicandogli che sono un elettore di centro-destra, e che anche noi, ci uniamo a questa battaglia insieme agli animalisti per cercare di fermare questa strage…!!

  • Richard

    Tanta crudeltà e violenza contro gli altri viventi su questo pianeta. Chi da questi ordini è evidentemente in grave “difficoltà”. Come si spiegano altrimenti questi atti barbarici. Non voglio auguravi niente di male, solo ciò che fate ai più deboli, alle vite indifese.

  • Ale

    Il voto di Pinotti in pagella passa da quattro a tre!

  • Teodolinda

    Sarebbe ora di fermare questi dementi che vanno a caccia, sostenuti perfino da assessori all’ambiente, in nome di una ridicola salvaguardia dell’agricoltura. Si tratta di una mentalità arretrata che non conosce il rispetto per l’ambiente e la natura. C’è solo da vergognarsi.

  • stefano secci

    ANCORA NON VI E’ CHIARO!!! BASTAAA LASCIATE IN PACE LE VOLPI E LE LORO FAMIGLIEEEEEE……

  • Francesco Capelletti

    La Giunta degli agricoli ha deciso di trasformare la Provincia di Cremona in “Melegòtshire” sull’esempio del “Chiantishire” in Toscana: là gentlemen farmers trasformati in vinificatori, qui orde di agicoli d’oltre-Manica ad organizzare partite di caccia alla volpe con i paisanotti nostrani. Eppoi non veniti a dirmi che nulla si fa per rilanciare il nostro territorio!

  • Patrizia Menta

    Assessori e cacciatori, spero che vi venga un colera fino agiugno, altro che assecondare queste atrocità, vergognatevi!

  • amelia

    BASTA a questo inutile e cruento massacro! STOP ALLA CACCIA!
    Non è uno sport, non serve a niente e a nessuno. Si ammazzano solo animali (quei pochi rimasti nelle campagne o quelli allevati, comprati e liberati per questo ignobile scopo) solo per il gusto di uccidere.

  • Fornasari Alan

    Aperta la caccia all’animale più pericoloso dell’intero pianeta inquina rovina le aree naturali stermina le Altre specie senza ritegno l’uomo !!!!!! È da eliminare il prima possibile