Commenta

24ore di mountain bike, iscritti in 500 Via il 27 aprile

mtb

24 ore di mountain bike. L’iniziativa – a Cremona da 11 anni – è stata presentata a Spazio Comune in mattina dai rappresentanti di Kulamula, il gruppo organizzatore. Le due ruote saranno protagoniste per 24 ore lungo il fiume Po nel weekend del 27 e 28 aprile. Iscritti in 500, ma è previsto che la manifestazione arriverà a raccogliere le 600 adesioni. Circa la metà dei partecipanti è cremonese, il resto proviene da tutta Italia. Due i format di gara non tradizionali: gli atleti hanno la possibilità di gareggiare su 6 ore e su 12 ore.

Tradizione rispettata per quanto riguarda il percorso che mantiene i punti ormai divenuti dei “classici” nel tracciato. Come ad esempio il “Toboga del Bodrio”, classico single-trek serpeggiante, di formazione golenale. Poi “La Buca”, ricordo della storica inondazione del 2000, quando il fiume ruppe l’argine, proprio in quel punto, scavando un enorme cratere. E poi il mitico “Lido dei Caroni”, a ridosso della spiaggia del fiume riaperto per l’occasione.
Il tracciato, che misurerà circa 6,5 km, si segnala per il reinserimento di una tratta, utilizzata poco nel passato. Si ripercorrerà infatti il giro perimetrale della lanca, vicino al “Toboga”, perché recentemente bonificata, e il tutto ci consentirà di aprire lo sguardo su di una bellissima tipica “zona umida” del nostro territorio padano.
Non è stata inserita nel giro invece la variante della “Lucciola”. La zona più a est del nostro territorio. Il senso di marcia sarà invertito rispetto alla scorsa edizione. Il percorso risulta più lineare rispetto allo scorso anno, più veloce e con meno accelerazioni, più agevole quindi per i tanti solitari che animano la ventiquattrore. Il tracciato sarà ripulito, completamente sterrato, naturale, tecnico, interamente presidiabile e modificabile in caso di avverse condizioni meteo per agire sempre nelle migliori condizioni di sicurezza. Il percorso è lo stesso per tutte le 3 tipologia di gara: 24h, 12h e 6h.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti