2 Commenti

Immigrazione, 33mila stranieri in più In un decennio la crescita è del 250% Il dossier dell'Osservatorio

immevid

A livello regionale oltre 800mila stranieri in più nell’arco di undici anni. E in provincia di Cremona il numero degli immigrati presenti nel 2012 arriva ad essere circa il 250% in più rispetto a quello del 2001. L’andamento del fenomeno è stato analizzato dall’Osservatorio regionale per l’integrazione e la multietnicità (Orim) nel suo ultimo (e ricco) rapporto, diffuso qualche settimana fa. Fra le pagine del dossier anche i risultati divisi per aree territoriali. Presi in considerazione gli stranieri arrivati da paesi a forte pressione migratoria (Pfpm), appartenenti a zone come l’Europa centro-orientale, l’Africa o l’Asia.

Il documento dell’Orim, lo abbiamo accennato, mette in evidenza la variazione nel corso dell’intervallo 2001-2012 (mettendo insieme regolari e irregolari stimati). Nel quadro di una crescita assoluta di ben 817mila unità in undici anni – un contributo che sul piano demografico equivale all’aggiunta di una nuova provincia medio-grande – le performance più rilevanti, si legge nel rapporto, sono nelle province di Pavia (+342%) e di Lodi (+332%). Molte altre, comunque, si caratterizzano per aver accresciuto sensibilmente il numero di immigrati: Sondrio, Mantova, l’area milanese extracapoluogo “allargata” a Monza-Brianza, Bergamo, Varese e Cremona. La provincia cremonese è passata da circa 13mila presenze a 46mila (fra circa 43mila regolari e poco meno di 3mila irregolari al 1° luglio 2012).

Di fatto, solo nel capoluogo regionale il numero delle presenze non si è almeno raddoppiato tra il 2001 e il 2012; nonostante l’incontrastato primato rispetto al totale, la città di Milano ha fatto registrare una crescita che si è limitata a tre quarti del loro valore iniziale: si è infatti passati dalle 143mila unità nel 2001 a 248mila nel 2012 (+73,4%).

Analizzando il dettaglio delle presenze in Lombardia secondo lo status giuridico-amministrativo, le stime al 1° luglio del 2012 – si legge ancora nel dossier – segnalano un milione e 140mila stranieri (provenienti da Paesi a forte pressione migratoria) regolarmente presenti in regione  (di cui un milione e 45mila residenti) e 96mila privi di un regolare titolo di soggiorno (7,8% del totale dei presenti).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • arturo

    33000 di cui 3000 lavorano onestamente 5000 sono già in carcere 10000 fanno i venditori abusivi 5000 si prostituiscono 5000 spacciano e i restanti semplicemente vivono a spese nostre

  • ENRICO

    dimentiche le rapine e i furti vari mai segnalati