3 Commenti

Autobus, ecco la mappa: dal 10 giugno così cambia il trasporto pubblico

evidbus

Presentate questa mattina le nuove linee dei bus urbani, che prenderanno avvio dal 10 giugno. Molte le novità, che interessano soprattutto i collegamenti tra centro e periferia. Piazza Roma diventa un nuovo nodo di interscambio, che si affianca a quello della stazione. Vi  passeranno ben tre linee, la C, la D e la E. La linea C ad esempio, collegherà il Centro Geriatrico al quartiere Borgo Loreto e da qui il centro storico, toccando tutti i parking limitrofi al centro: Massarotti, Villa Glori, Santa Maria in Betlem, foro Boario, con due vie centrali come corso XX Settembre e via Platina che per la prima volta verranno interessate al transito dei bus. Così come è la prima volta che i residenti di Borgo Loreto non dovranno fare cambi per arrivare in città. Lo stesso avverrà per il Boschetto, con la linea D, che li collegherà alla stazione, piazza Roma, ospedale, con un rafforzamento del tratto stazione – ospedale.
La storica linea 2 e la 3 resteranno praticamente invariate, pur cambiando nome: altre novità riguardano invece le linee circolari esterne, attualmente 5 e 15, che vengono riproposte in maniera diversa. Una servirà la zona ovest della città, toccando il centro commerciale CremonaPo, il Politecnico (con potenziamento con la stazione),  per raggiungere poi viale Po. L’altra circolare serve invece la zona est mettendo in comunicazione il centro geriatrico con San Camillo, ospedale e passando vicinissimo al centro (via Aporti).

Altra importante novità è il ripristino del servizio a chiamata in via sperimentale, nella fascia serale, a vantaggio di chi si trova in stazione dopo le 20.
Per recuperare utenza (fondamentale perchè i trasferimenti dalla Regione per il trasporto pubblico si ridurranno sempre più) Km e gli altri partner che hanno vinto la gara provinciale intendono promuovere una massiccia campagna informativa, tra l’altro coinvolgendo il pubblico giovane attraverso un concorso di idee sui social network per ribattezzare, con denominazioni legate alla musica, i nomi delle linee. Una nota musicale con due ruote è anche il simbolo della campagna promozionale, che viene avviata in questi giorni con la consegna nelle case di tutti i cremonesi, di un buono che dà diritto a un biglietto omaggio (da ritirare presso SpazioComune). Inoltre, a partire dal 2 maggio e per tutto il mese, il personale di Km sarà a disposizione del pubblico per chiarimenti e opportunità delle nuove  linee a SpazioComune, tutti i lunedì, mercoledì e sabato dalle ore 9 alle 12.
Alla presentazione sono intervenuti l’Assessore alla Gestione Mobilità, Traffico e Viabilità Francesco Zanibelli, Loris Armanini ed Elena Colombo rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato di KM S.pA., ed Enrico Bresciani, Dirigente dell’Unità di Progetto Ambiente Trasporti e Mobilità sostenibile del Comune di Cremona.

Il nuovo soggetto gestore, un’associazione di imprese che vede comunque come capofila il vecchio gestore Km, grazie alla gara su bacino provinciale ha potuto garantire 100.000 chilometri in più sui percorsi urbani. Che sono stati sfruttati – ha spiegato Zanibelli – tenendo conto delle richieste dei Comitati di quartiere, dei punti di interscambio (parcheggi), delle richieste delle scuole. Una delle azioni di potenziare, oltre alla comunicazione, ha spiegato Zanibelli, è dare maggiore visibilità alle fermate dei bus, che oggi sono un punto carente. Per quanto riguarda la vendita dei biglietti, le emittitrici a bordo installate già tre anni fa su alcuni mezzi non hanno dato – afferma l’a.d. Colombo – buoni risultati, quindi non ne viene previsto il potenziamento, anche se saranno verificate altre modalità di vendita a bordo. Sul fronte dei portoghesi, la stessa Colombo afferma che non verranno poste in atto azioni particolari di controllo, oltre a quelle già in essere: ‘La quota di passeggeri che salgono senza biglietto, dai nostri controlli si conferma intorno al 4%, in linea con il dato generale del Tpl’.

g.b.

Scarica la mappa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Emanuele

    …Sulla mappa, Quartiere Po senza l’apostrofo!!!!!

  • dan

    ridurre la durata del biglietto e diminuirne il costo: è l’unico modo per limitare i “portoghesi”.. che non sono solo il 4%!!!!!

  • Oscar Piacenza

    Permettere di conoscere gli orari e le linee online, tipo ATM Milano. Almeno la possibilità di avere una mappa, le varie linee e gli orari per ogni fermata.