Commenta

Caos Imu, in Comune consulenze per orientarsi

case-ance-lombardia

Alla luce delle nuove disposizioni entrate in vigore il 22 maggio, da lunedì 27 maggio l’Ufficio Servizi ai Contribuenti del Comune di Cremona (via Felice Geromini 7- primo piano), è a disposizione per informazioni, per il calcolo dell’IMU (dovuto per gli immobili posseduti a Cremona) e per la compilazione e stampa del modello F24 da utilizzare per il pagamento. Per prenotare l’appuntamento è attivo il numero telefonico 0372 407310. L’appuntamento presso l’Ufficio Servizi ai Contribuenti può essere prenotato anche chiamando lo 0372 407291 – fax 0372 407290 – spaziocomune@comune.cremona.it, dalle 8,30 alle 13,30, il mercoledì dalle 8,30 alle 18,30, il sabato dalle 8,30 alle 12,30.

Il servizio di consulenza per il calcolo è svolto anche senza appuntamento se il contribuente possiede un massimo di 6 immobili. La consulenza per il calcolo si esegue solamente per i diretti interessati; i coniugi e i conviventi anagraficamente; per i genitori/figli. Per gli altri casi è necessaria una delega scritta con copia di documento d’identità e codice fiscale del delegante.

Per l’anno 2013 il versamento dell’acconto dell’IMU è sospeso per le seguenti categorie di immobili

1. abitazione principale: mmobile (categorie A/2, A/3, A/4, A/5, A/6 e A/7) nel quale il proprietario risiede anagraficamente.

2. le pertinenze dell’abitazione principale, che sono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2 C/6 e C/7 (es. cantine, garage, posti auto) nella misura massima di una unità per ciascuna delle categorie catastali. Non è possibile considerare pertinenza dell’abitazione principale più di un garage.

3. unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica.

4. terreni agricoli e fabbricati rurali.

Per tutte le altre tipologie, comprese le abitazioni principali classificate nelle categorie catastali A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (ville) e A/9 (palazzi storici e castelli) si deve versare l’acconto calcolato nella misura del 50% dell’imposta dovuta per il 2013, prendendo in considerazione le aliquote e detrazioni deliberate dal Comune per il saldo 2012.

A partire dal 2013 è soppressa la quota di competenza dello Stato, pertanto l’IMU deve essere versata esclusivamente al Comune di competenza, ad eccezione degli immobili di categoria catastale D, per i quali l’imposta è ancora suddivisa tra Comune e Stato.

La scadenza del 17 giugno 2013 è relativa al versamento del solo acconto, pari al 50% dell’ IMU dovuta, calcolata prendendo in considerazione le aliquote e detrazioni deliberate dal Comune di Cremona per il saldo 2012.

Per il versamento del saldo 2013 verranno fornite nuove informazioni aggiornate sulla base delle decisioni assunte dal Consiglio Comunale di Cremona e da nuove indicazioni o precisazioni normative , soprattutto in merito alle aliquote.

 

© Riproduzione riservata
Commenti