Commenta

Telecamere, segnaletica, buche e canile Così la giunta utilizza i ricavi delle multe Previsti per il 2013 oltre 3 milioni

3milioni 200 euro l’ammontare dei proventi che la Giunta prevede di incassare dalle sanzioni amministrative per violazione del Codice della Strada nel 2013. Almeno la metà (ovvero un milione e 600mila euro) sono destinati per scopi previsti dalla legge. Con qualche maggiorazione. I 400mila euro previsti secondo la legge (1/4 della quota) per interventi di ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica, diventano 480mila da destinare all’Aem. I 400mila (1/4 della quota) per potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materiale di circolazione stradale, vengono portati a 405mila 400 e sono indirizzati a video-sorveglianza, attività accertamento violazioni, centrale operativa, informatizzazione servizi della Polizia Municipale e flessibilità del personale. Infine, gli 800mila (metà della quota) per finalità connesse al miglioramento della sicurezza stradale, relative alla manutenzione delle strade di proprietà dell’ente, installazione, ammodernamento, potenziamenti e messa a norma delle barriere e sistemazione del manto stradale, a interventi per la sicurezza stradale, in particolare a tutela degli utenti deboli, allo svolgimento di corsi finalizzati all’educazione stradale sono aumentati a 876mila 500. Così ripartiti: 33mila 900 vengono destinati per educazione stradale, 115mila 600 a progetti di potenziamento servizi di controllo, 550mila a manutenzione, pulizia stradale e sgombero neve, 177mila al rifugio del cane. La cifra totale delle multe destinata a sicurezza stradale e affini (un milione 761mila euro), dunque, supera il 50% previsto per legge.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti