Commenta

Corso Garibaldi, tra sette giorni pedonale I contrari sperano in una mozione che "non s'ha da discutere"

garibaldi

Manca una settimana alla data indicata dalla Giunta Perri per l’avvio della pedonalizzazione di corso Garibaldi: il 7 luglio in occasione dei saldi. Gradita alle associazioni dei negozianti (non a tutti gli operatori del commercio), ha diviso i residenti in due: pro e contro lo stop alle auto del corso da via Villa Glori a corso Campi. Solo una mozione, che arriva dal gruppo misto, dal consigliere Giacomo Zaffanella, potrebbe sospendere un’operazione già avviata con predisposizione delle modifiche alla viabilità e raccolta dei nominativi per i nuovi permessi da consegnare ai cittadini residenti. Un oggetto che, però, non “s’ha da discutere”. Già nell’ordine di trattazione del consiglio comunale di lunedì 24 giugno (poi rimandata), compare ‘in forse’ nel consiglio comunale di lunedì. “In caso di rinvio dell’ordine del giorno presentato dal consigliere comunale Giancarlo Schifano – si legge nell’ordine di trattazione – verrà trattata la seguente mozione”, ovvero corso Garibaldi. Ma lunedì è la giornata del voto al Pgt, dunque i tempi vanno accelerati e la maggioranza non ha voglia di mettere sul tavolo altre questioni spinose. Restano in attesa di una discussione politica in consiglio soprattutto quei residenti che hanno criticato le modalità adottate dalla Giunta Perri, lamentando un coinvolgimento dei diretti interessati a decisione già presa. Perplessità erano state espresse anche dal Partito Democratico che aveva dichiarato di condividere “la filosofia di fondo presente nella mozione del consigliere Zaffanella che invita l’amministrazione  a coinvolgere i residenti, le imprese della zona, le associazioni di categoria, al fine di raggiungere una soluzione che non penalizzi nessuno, convocando una o più riunioni aperte alla cittadinanza a Palazzo Cittanova”. Non uno stop alla pedonalizzazione dal Pd (favorevole allo stop alle auto), ma un posticipo della data per ulteriori approfondimenti e condivisioni con i residenti. Un richiamo, quello su corso Garibaldi, che sembra destinato a cadere nel vuoto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti