Commenta

Follia sul treno, uomo insulta i passeggeri Altro episodio di violenza sui binari

treno

Ancora un episodio di violenza sulla tratta ferroviaria che collega Cremona a Brescia. Protagonista, uno straniero di 30 anni che se l’è presa con i viaggiatori, insultati e minacciati pesantemente. La furia dell’immigrato non ha risparmiato nessuno, creando veri e propri momenti di apprensione. Sul treno viaggiava anche un maresciallo della guardia di finanza in borghese che è intervenuto per cercare di riportare il 30enne alla calma. Fino a quando il convoglio ha fermato alla stazione di Bagnolo Mella. A quel punto sono saliti due agenti della polizia locale che sono stati avvicinati dallo straniero e sono stati letteralmente aggrediti. Non senza qualche difficoltà, i due poliziotti sono riusciti ad immobilizzarlo e a prenderlo in consegna. Il 30enne, con numerosi precedenti penali alle spalle, è stato condannato ad otto mesi di reclusione. E’ l’ultimo episodio di violenza dopo il macchinista aggredito da due minorenni il 28 luglio scorso. L’uomo, un cremonese di 31 anni, era a bordo del convoglio numero 5071 che parte alle 10.10 da Codogno e arriva alle 10.50 a Cremona. Stava per raggiungere la stazione di Maleo quando ha notato due ragazzini che correvano sui binari. Allarmato per la loro presenza sul tragitto ha subito rallentato e ha immediatamente provveduto ad avvisare la coppia attraverso una segnalazione acustica. L’avviso è servito a far spostare i due giovani sulla banchina.Alla stazione di Maleo, però, gli stranieri sono saliti a bordo del convoglio e lo hanno aggredito con delle catene, sotto gli occhi attoniti della capotreno, la quale, fortunatamente, è riuscita a uscire indenne dalla disavventura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti