Commenta

Trent'anni vicina ai malati, si celebra l'associazione Avulss

dioc

Convegno per celebrare i trent’anni dell’Avulss (Associazione di volontariato socio-sanitario) al Centro pastorale diocesano di Cremona. L’appuntamento, sottolinea il sito della Diocesi, è per il 21 settembre e avrà come titolo “Dall’assistenza alla promozione”:  “La giornata di studio – spiegano dal consiglio direttivo – si prefigge, più che un’esaltazione dell’impegno sin qui svolto, di guardare al futuro per rendere il servizio di volontariato sempre più attento ai bisogni veri delle persone che si vanno ad incontrare facendo dei volontari dei ‘promotori e donatori di speranza’”.

L’Avulss, ricorda la Diocesi, è un’associazione votata a servizi poco appariscenti rivolti a persone con svantaggio clinico, economico e relazionale che richiedono molta discrezione. I volontari non si sostituiscono alla professionalità degli operatori sanitari, ma da sempre contribuiscono a rafforzare la necessaria umanità di cui si sente particolarmente bisogno quando si vivono esperienze di difficoltà e disagio. E’ un’associazione laica di ispirazione cristiana, dove ‘laicità’ ha il significato di apertura a tutti, senza alcun preconcetto legato a credo religioso o ad una appartenenza politica. A Cremona è presente nei reparti di Medicina riabilitativa (specialistica e generale) dell’Ospedale, all’Azienda Cremona Solidale (nelle palazzine Azzolini, Somenzi e Residenza Duemiglia) e nel reparto Cure Palliative della Casa di Cura “Le Ancelle”. Ed è disponibile anche per servizi a domicilio.

Questo il programma pubblicato sul sito della diocesi. Il convegno si aprirà alle 8.45 con l’accoglienza e le iscrizioni. Alle 9.30 apertura dei lavori e saluti delle autorità; alle 10 presentazione degli scopi e degli obiettivi del convegno a cura di Giulia Menchetti Ceserato, responsabile culturale della Federazione Avulss. Alle  11, dopo la pausa caffè, si terrà una Tavola Rotonda coordinata da Luigi Mele, delegato zonale Avulss, con interventi su queste tematiche: “Come gli Enti percepiscono e attuano la promozione della persona; quali problematiche e ostacoli incontrano. Interazione e integrazione tra Ente e Volontariato Avulss per raggiungere l’obiettivo della promozione”. Daranno il loro contributo Ines Cafaro, Direttore U.O. di Radioterapia e Medicina Nucleare dell’Ospedale di Cremona, Paolo Emiliani, Presidente del Movimento per la Vita, Fabrizio Ruggeri, Presidente Azienda Cremona Solidale, Silvia Schiavi Assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Cremona. Dopo la pausa pranzo, i lavori riprenderanno alle 14,30 con le testimonianze di alcuni volontari: Mariella Cesura, Donato Daldoss, Faustina Marazzi e Roberto Molin. A Giulia Menchetti Cesarato l’intervento conclusivo su “I valori dell’Avulss con particolare riferimento a quelli emersi durante lo svolgimento del convegno”. La giornata si chiuderà con la celebrazione eucaristica  presieduta dal responsabile culturale Avulss di Cremona, don Franco Morandi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti