24 Commenti

Senza acqua e gas, "mia cliente privata della dignità umana"

evid-t

L'avvocato Ferrari

Dallo scorso 3 marzo è stata privata dell’acqua. Dal 29 novembre del 2011 le è stato tolto il teleriscaldamento. È l’incredibile storia di Maria, 57 anni, cremonese residente al quartiere Zaist. Per 30 anni ha lavorato come consulente finanziaria, ora è disoccupata e sta cercando disperatamente un lavoro per non perdere anche la casa. Maria si è rivolta all’avvocato Monia Ferrari, che ha preso a cuore il suo caso. I guai di Maria, separata, un figlio di 26 anni che vive da solo, sono iniziati, come ha raccontato il legale, quando la donna si è innamorata di un lodigiano. “Un uomo che l’ha truffata lasciandola sul lastrico”. “La sua vita è cambiata sia economicamente che in termini di salute”, ha spiegato l’avvocato. “Per la truffa, e anche per il reato di stalking, è già stata sporta querela. Lei era innamorata, e lui, con la scusa che il figlio era in difficoltà, è riuscito a prosciugarle il conto, rubandole anche un carnet di assegni”. “La mia cliente”, ha continuato il legale, “si è trovata a non avere più niente. E’ stata licenziata, le sono arrivate bollette da pagare, spese condominiali, l’ho vista dimagrire fino a 15 chili, per non parlare delle precarie condizioni igienico sanitarie della sua persona e della sua casa”. “Suo figlio”, ha detto l’avvocato Ferrari, “l’ha completamente abbandonata, neanche la madre l’ha aiutata e i servizi sociali non sono mai intervenuti”. “Maria”, ha spiegato il legale, “ha dovuto vendere ciò che le è rimasto per provvedere ai suoi beni primari. Ora stiamo cercando di fare di tutto affinché non le tolgano anche la casa. La mia cliente è stata privata della dignità umana”. L’avvocato Ferrari ha fatto presente la situazione di Maria attraverso una lettera scritta il 6 settembre scorso e indirizzata al sindaco Oreste Perri a cui si chiede un “fattivo intervento” per poter contribuire alla “risoluzione di un problema che questa cittadina cremonese sta affrontando da sola da più di sei mesi”. L’avvocato è anche contatto con il collega che rappresenta Aem e Linea più. “Nonostante Maria sia stata privata di acqua e teleriscaldamento, le arrivano comunque bollette da pagare”, ha sottolineato il legale. “Il suo debito iniziale era di 3.989,48 euro di acqua, teleriscaldamento ed energia”. Al sindaco Perri, l’avvocato Ferrari ha scritto che “la giurisprudenza ricorda che i contratti di somministrazione di servizi essenziali sono volti a soddisfare bisogni primari aventi fondamento costituzionale nella tutela dei diritti inviolabili di cui all’articolo 2 della Costituzione, tra questi il diritto alla somministrazione dell’acqua potabile. Pertanto non può ritenersi legittima la risoluzione unilaterale del contratto, e, dunque, la sospensione dell’erogazione dell’acqua: la morosità dell’utente non è ragione che possa giustificare la sospensione della fornitura di un bene primario come l’acqua. In altre parole, la sospensione della fornitura di tale servizio non può ritenersi rimedio proporzionato al mancato pagamento di qualche fattura recapitata all’utente”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • luca

    è uno schifo che tanti extracomunitari e rom abbiano di tutto e pure di più ed una cremonese venga abbandonata.
    ripuliamo le case popolari da stranieri che vivono come parassiti sulle nostre spalle ed aiutiamo questa persona.
    e se qualcuno sostiene che son orazzista gli rispondo già da subito con una pernacchia e gli dico che è meglio razzista che kyenge

    • Ale

      E’ proprio la mentalita’ razzista e ignorante come questa che abbocca all’amo teso di chi ci tiene col cappio al collo e permette ai politicanti di turno di continuare a trattarci come schiavi.

    • Trolls

      Il fumo Le fa male!!!

  • mario

    …ma è mai possibile che accadano queste cose a Cremona nel 2013. Ogni anno si trovano i soldi, e tanti, per pagare i 19 dirigenti comunali e non si trovano mai fondi per sostenere le persone bisognose cremonesi. Che schifo!

  • Elia Siacca

    IL PROBLEMA PRIMA O POI ESPLODERA’ PER IL TAGLIO DELLE UTENZE, COME Già SCRISSI, NON SI PUSSONO TOGLIERE UTENZE VITALI COME L’ACUA POTABILE Checché NE DICA L’IMPERTURBABILE AEM

    • Elia Siacca

      mi correggo l’acqua non l’acua prima che il solito mastino che mi segue dappertutto anche sul sito Linkedin mi badili.

    • Marco Rezzi

      Egregio Elia Sciacca

      Padania Acque Gestione SpA dal 1 Dicembre 2012 ha in gestione il servizio idrico integrato di tutta la Provincia di Cremona.

      Indi allacci, riallacci, stacchi e quant’altro sono a questa azienda riconducibili.

      E non come lei erroneamente scrive “all’imperturbabile AEM”… un po’ di attenzione…..

      capisco che per molti il male assoluto sia l’AEM… Tant’è… sto giro spetta a Padania Acque,….

      Saluti

      • Elia Siacca

        caro rezzi Io sono alquanto ignorante ma il verbo scrissi dovrebbe riferirsi al passato, mi corregga se sbaglio io nel 2011 scrissi una lettera al direttore lettere in merito al taglio delle utenze ed allora l’acqua era gestita dall’AEM.
        caro rezzi le bugie hanno le gambe corte lei dichiarò pubblicamente che non aveva mai lavorato per l’unione consumatori di bellini a cremona mentre sul suo profilo di linkedin afferma …

        marco rezzi

        Vice Presidente

        Unione Nazionale Consumatori – Comitato di Cremona
        gennaio 2006 – dicembre 2011 (6 anni)|Cremona
        La più antica associazione al servizio di consumatori ed utenti dal 1955, si articola in 80 Comitati e Delegazioni locali, a Cremona il Comitato locale è in Piazza San Michele 2.

        • Marco Rezzi

          ma io non sono quel marco rezzi… l’omonimia esiste.. e comunque l’acqua la gestisce padania acque…

      • Rataplan

        LA SIGNORA MARIA DEVE 1800 EURO SOLO DI ACQUA?QUALCOSA NON QUADRA!!

        • Elia Siacca

          condivido

  • bungatore

    Chi è tanto sensibile sui temi riferiti ai premi di rendimento ai dirigenti comunali ed alle retribuzioni dei dirigenti delle partecipate faccia una riflessione: questi signori si ritengono degni di vivere in un mondo che presenta queste patologie di regime…??

    Chi deve e chi può faccia una riflessione profonda prima che avvengano ribellioni incontrollate…..!!

  • italiana

    Sciacallo. Fare polemica sulle disgrazie altrui! Intanto che guardi gli extracomunitari che FORSE ti sottraggono dieci, altri ti tolgono mille.

  • Rataplan

    L’acqua è un bene comune e un diritto umano universale. Un bene essenziale che appartiene a tutti. Nessuno può appropiarsene né farci profitti. Perché pagare l’acqua?

    • fabio

      ancora con la storia die beni comuni? ma i comunisti quando si inventano una frase poi continuoano ad usarla
      sempre meglio che pensare…

      • rota

        Quando non sai cosa dire usi la parla comunista. Solo quella sai!!

      • Jesus

        Caro Fabio, Dio è giusto la morte non la nega a nessuno.

  • X

    I cittadini cremonesi sono sempre più in difficoltà economiche. Nonostante questo le tasse locali sono in continuo aumento: tares, imu, IRPEF sul reddito, mense scolastiche ecc.. Tutto per rinfocillare un manipolo di dirigenti comunali privilegiati e intoccabili.

  • fabiano

    la disgrazia è avere gente come te che si sono innamorati del fascino dell’esotico…
    piace balotelli vero?

    • Teresa

      E’ razzismo anche il colore degl’occhi?

    • bungatore

      più di lei………sicuro………….!!!!!!!!!

      • trota

        Povero demente!

  • bungatore

    Se stacchiamo l’acqua e la luce a qualche dirigente delle partecipate, cosa succede……….??
    Così…. per farli provare……non si sa mai…….!!!

    Anche loro posssono perdere il previlegio di lavorare……..!!

    Intanto paghiamoli meno………!!

  • Elia Siacca

    cari rezzi anch’io sono un omonomo di elia Sciacca quello che dicevi che faceva il fattorino alla centrale di Caorso e che non aveva mai fatto il supervisore della centrale.
    rezzi non fare il furbetto tuo padre lo conosco benissimo, era con me anni fa in un partito, e tua madre faceva l’insegnante e attivista sindacale CGIL inoltre diversi ti conoscono bene tra i quali i tuoi amici che lavorano in AEm.com, mi hanno confermato che sei tu il rezzi marco che mi attacchi in continuazione e fai consulente AEM.com ed eri fino all’associazione consumatori sino alla fine 2011 di Cremona. in ogni caso verrò a trovarti allo sportello di consulenza in piazza stradivari e finalmente chiariremo e capirò tante cose.