Commenta

Il mondo dell'Alzheimer visto con lo sguardo degli adolescenti

cingia-evid

E’ stato inaugurato questa mattina, 9 ottobre, il progetto espositivo “Ho visto parole” curato da Iris Dall’Aglio e promosso da Fondazione “Elisabetta Germani” di Cingia de Botti presso l’ospedale di Cremona. Il progetto nasce dall’incontro di giovani artisti e persone colpite da Alzheimer. Osservando e leggendo gli elaborati, a colpire è l’esito finale, ossia la capacità di mettere in relazione – attraverso le immagini e il metodo di narrazione creativa – due mondi apparentemente distanti come quelli dell’adolescenza e della malattia.

L’atrio principale dell’Ospedale di Cremona diventa così sede espositiva e soprattutto testimonianza di un modo altro di intendere, vivere e approcciarsi a una patologia importante come quella di Alzheimer, nella piena consapevolezza che la terapia farmacologica non è l’unica cura possibile. Il Progetto artistico-espressivo Ho visto le parole è una mostra di storie create e di fotografie, nasce dall’idea condivisa di mettere a contatto persone, distanti per condizione esistenziale, quali studenti del liceo Artistico Munari e persone affette da demenza di Alzheimer, ospiti della Fondazione E. Germani, di Cingia dè Botti, per avere l’opportunità di un incontro sul terreno fertile della creatività.  Le fotografie scattate dai ragazzi/e hanno dato vita al laboratorio di narrazione creativa “Timeslips” che propone come punto cardine l’immaginazione, la fantasia e non la memoria; Timeslips passa attraverso i canali sensoriali, l’ascolto, il contatto, le emozioni espresse, lo sguardo.

La mostra, voluta dalla Fondazione, è un crocevia di sguardi dei ragazzi con le loro sensibilità e mondi, e degli anziani con demenza che conservano uno sguardo personalissimo sulle cose della vita. Le storie sono state inventate da alcuni ospiti del Nucleo Alzheimer della Fondazione E. Germani. Le immagini e le fotografie sono di: Filippo Antonioli, Roberta Pavel, Isidora De Camargo, Floriana Osio, Anna Lorenzi, Angelica Bonavita.

Ideazione progetto, conduzione del laboratorio espressivo Timeslips, Iris Dall’Aglio educatrice e facilitatrice del metodo.

Operatrici che hanno partecipato al progetto: Carolina Bazzani, Adonella Guerreschi, Ilaria Selmini, Angela Ciccone, Ebe Sala, Adele Rossi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti