2 Commenti

Rifiuti, nuove regole Differenziata anche dopo fiere ed eventi

rifiuti

Dopo avere espresso parere favorevole, la Giunta comunale ha assegnato al Consiglio comunale, per l’approvazione, la proposta di delibera contenente le modifiche al Regolamento per i servizi di nettezza urbana che l’assessore alle Politiche Ambientali Francesco Bordi e il dirigente Enrico Bresciani avevano già già avuto modo di illustrare nella competente commissione consiliare. Le modifiche riguardano le norme relative al servizio di raccolta dei rifiuti urbani interni, quelle riguardanti la raccolta differenziata dei rifiuti, nonché le disposizioni varie e il regime sanzionatorio (tabella sanzioni).
A seguito dell’evoluzione del quadro normativo in materia di rifiuti e di tariffe, in previsione dell’ampliamento della raccolta differenziata sul 45% del territorio cittadino, si è reso necessario apportare alcuni aggiustamenti al Regolamento di nettezza urbana vigente approvato dal Consiglio comunale nel maggio 2011. Tali modifiche sono ritenute necessarie per porre freno ad alcuni comportamenti scorretti nella separazione dei rifiuti durante la raccolta differenziata: infatti, il gestore del servizio ha spesso segnalato l’inserimento nei contenitori di rifiuti non idonei. Questo porta ad un peggioramento della qualità e ad un abbassamento della fascia relativa al contributo economico.
Si è inoltre proceduto a specificare in modo più dettagliato le varie modalità di conferimento e di raccolta dei rifiuti differenziati precisando anche, relativamente alla raccolta durante le manifestazioni, i mercati e le fiere, l’obbligo di pulizia da parte dell’espositore. E’ invece stata cancellata una parte ritenuta eccessivamente punitiva, soprattutto per le onlus, riguardante le sanzioni nel caso non venga individuato il responsabile della corretta differenziazione dei rifiuti. Nella versione originaria del regolamento si specificava che la sanzione in questo caso sarebbe stata comminata agli organizzatori,  due righe che sono state cassate nella versione finale.  Per quanto riguarda la parte sanzionatoria si è proceduto ad inasprire alcune sanzioni e ad inserirne altre, a copertura delle nuove disposizioni, concordandole con la Polizia Municipale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • era ora che OBBLIGASSERO pulire quelli che fanno il mercato!chi come me è “costretto”a passarci per andare al lavoro non può non notare la sporcizia che rimane in terra dopo che i banchi vengono raccolti ed i furgoni se ne vanno!!ma dico io,a casa loro fan cosi??giusto che prima di andaresene puliscano il loro spazio!

  • Camilla

    Ci sono città che stanno dando lezione in materia…..perchè non copiare?