Commenta

Coltello contro il fratellino, 17enne finisce in comunità Rapina in casa, via portafogli del papà

polizia-evida

Minorenne bloccato dalla polizia e portato in comunità. Secondo quanto ricostruito il giovane, un 17enne di origine kosovara, ha impugnato un coltello e lo ha puntato contro il fratello più piccolo, di 12 anni, e ne ha lanciato un altro contro il padre, fortunatamente senza colpirlo. Tutto dopo una discussione e per portare via il portafoglio del genitore. L’intervento della squadra volante risale ai primi di settembre. Ora è arrivato il provvedimento del Tribunale dei Minori di Brescia, anche in seguito agli accertamenti della squadra mobile.

Il ragazzino, di origine kosovara, è accusato di rapina aggravata e nella mattinata di ieri, attorno alle 11, è stato collocato in una comunità in esecuzione di misura cautelare. Come accennato, i fatti risalgono a inizio settembre. Il 2 del mese, alle 15,30, agenti della squadra volante sono intervenuti in un’abitazione dopo la segnalazione di una rapina. Secondo la ricostruzione della polizia, il 17enne durante una violenta discussione ha malmenato il padre e con un coltello da cucina ha sottratto il suo portafoglio. Il papà ha inoltre raccontato che per assicurarsi la fuga, il ragazzo ha estratto un’altra lama e l’ha puntata alla gola del fratellino, lanciando l’altro coltello contro il padre (senza però colpirlo).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti