2 Commenti

Preso "per la giacca" il rapinatore della tabaccheria di via Tonani

http://www.youtube.com/watch?v=zaF6M2QvmkY

Una sequenza che non lascia dubbi sul coraggio della commessa lituana della tabaccheria Piccioni di via Tonani 2. E’ quella ripresa dalle videocamere a circuito chiuso che hanno filmato il tentativo di rapina messo in atto giovedì scorso. Un uomo incappucciato entra nel locale mentre la commessa, trent’anni, serve un cliente. I titolari della tabaccheria sono un po’ defilati, in un’altra stanza e non si accorgono di nulla. L’azione è fulminea: l’uomo, con un coltello in mano, lancia un sacchetto di plastica e intima alla donna di consegnargli i soldi. Lei, prontissima, afferra il sacchetto, coglie di sorpresa l’uomo che evidentemente non si aspettava una reazione simile e lo caccia  fuori dal locale, con ancora in mano il coltello. Poi lo insegue all’esterno. Nel frattempo anche gli altri due uomini presenti dietro il bancone cercano di intervenire anche se ormai troppo tardi.  Il video  è stato acquisito dai carabineri che sabato mattina hanno fermato un 29enne marocchino, pregiudicato, senza fissa dimora, regolare sul territorio italiano. Un paio di anni fa era già stato arrestato per droga ed è noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio.

Giovedì scorso i militari dell’Arma avevano acquisito le immagini delle telecamere della tabaccheria, ma nelle riprese non era possibile vedere il volto del rapinatore. Era stato, però, individuato l’abbigliamento del malvivente che indossava una giacca di colore verde.

Nella mattinata di sabato 19 ottobre  poi, una pattuglia del 112 al comando del maresciallo D’Alfonso ha individuato una Citroen Picasso rubata quello stesso giovedì. Alla guida, un uomo con giacca verde. Portato in caserma e interrogato è emerso il sospetto che si trattasse della stessa persona che due giorni prima aveva compiuto il tentativo di rapina. Nessun dubbio quando la dipendente lituana della tabaccheria è stata condotta in caserma per il riconoscimento e  ha subito individuato  la persona. Il trentenne marocchino è attualmente a disposizione dell’autorità giudiziaria e deve rispondere di ricettazione e tentata rapina.

Un’escalation sempre più preoccupante, quella degli episodi di furti e rapine che si stanno susseguendo in questo periodo in città, spesso, come in questo caso, ad opera di balordi che non hanno nulla da perdere. Nel caso della tabaccheria di via Tonani solo il coraggio – più volte sottolineato dai Carabinieri – e la prontezza di riflessi della commessa della tabaccheria ha evitato la rapina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • ma che brava personcina!!un nuovo italiano?dai,manteniamolo un pò in galera pronto ad uscire e a fare nuove birbanterie!

  • simone

    Francamente non capisco!! Senza bisogno di essere nè di destra nè di sinistra queste persone vanno prese e rimandate nel loro paese il giorno stesso e come fanno in America con un visto di non rientro in Italia. Vanno consegnate alla polizia del loro paese e lì devono rimanere.
    Se fosse Italiano carcere duro adeguato alla pena commessa …basterebbe applicare queste semplici regole / leggi per ottenre qualche risultato tangibile.