Commenta

Sei associazioni per il polo Ghisiotto Il Comune apre alle attività giovanili

ghisiotto-evid

Sono sei le associazioni che hanno fatto pervenire entro il termine previsto del 18 ottobre, domanda per l’utilizzo degli spazi all’interno del Polo Ghisiotto, al quartiere Zaist. Uno spazio utilizzato fino allo scorso giugno dai giovani del progetto UpCremona e che l’assessorato alle Politiche Giovanili del Comune ha voluto mettere a disposizione di associazioni “di giovani o che lavorano per i giovani e in subordine a soggetti del terzo settore, che dimostrino di possedere una struttura adeguata a gestire progetti complessi ed articolati, con priorità alle realtà aventi sede nel territorio comunale di Cremona”.

Ai sei soggetti se ne potrebbero aggiungere altri nei prossimi giorni che hanno inviato richiesta per posta. Si tratta dei gruppi: Sansebasket, Protezione civile Eridanus, Associazione Sclerosi Multipla, CCsvi; Anlai; Arya Cremona; associazione culturale le Muse. Si tratta quindi di un mix di associazioni che potranno trovare collocazione, dietro pagamento di un canone, in uno o più dei 12 locali interni alla palazzina di via Calatafimi 2, estesa su 567 mq, già suddivisi, oltre a  due blocchi per servizi igienici e spazi comuni, in buone condizioni di manutenzione. “Potranno esser applicati canoni agevolati per chi si farà carico della piccola manutenzione necessaria”, afferma l’assessore alle Politiche Giovanili Jane Alquati, promotrice del bando per la manifestazione di interesse. Delle associazioni che finora si sono fatte avanti, alcune sono effettivamente costituite da giovani (come gli architetti e i progettisti di “Arya”), altre sono attivamente impegnate nella promozione delle attività giovanili, come l’associazione sportiva Sansebasket. L’aggiudicatario dovrà gestire  la struttura munendosi delle eventuali e necessarie autorizzazioni, osservando tutte le prescrizioni di legge, sotto la propria esclusiva responsabilità ed a proprio intero rischio imprenditoriale. Al termine del periodo concessorio (tre anni più altri tre, ma il periodo è modificabile) l’unità dell’immobile tornerà nella piena disponibilità del Comune di Cremona, comprensivo di eventuali nuove opere e dei miglioramenti eventualmente realizzati dal concessionario.

Il centro era in precedenza destinato a sede del Centro di Aggregazione Giovanile “Ghisiotto” e successivamente rinominato “Polo delle Attività Ghisiotto” quale sede operativa del progetto UpCremona; i soggetti partecipanti alla manifestazione di interesse dovranno promuovere e sostenere la realizzazione di azioni innovative prioritariamente negli ambiti associativi del no profit, culturali, sportivi, creatività, espressivi e dell’imprenditoria giovanile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti