Commenta

Ecosistema urbano, pm10 preoccupa Ma meglio 'verde' e mobilità alternativa I risultati del rapporto di Legambiente

legambiente

Miglioramento per Cremona nella classifica di Legambiente e Ambiente Italia contenuta nel Rapporto Ecosistema Urbano 2013. Nella graduatoria, pubblicata dal Sole 24 Ore, il capoluogo è al 13esimo posto tra le città sotto gli 80mila abitanti. Si fermava al 16esimo nel 2012. Non siamo però ancora sui livelli del 2011, quando Cremona era all’11esima posizione. Lo studio che ha permesso di stilare la classifica ha analizzato diversi aspetti delle città, come qualità dell’aria, risorse idriche, fonti innovative, gestione dei rifiuti, disponibilità di polmoni naturali e mobilità.

QUALITA’ DELL’ARIA E VALORI DEGLI INQUINANTI

Ecco i numeri nel dettaglio e le classifiche dei diversi aspetti presi in considerazione. Si parte con la qualità dell’aria. Il valore medio annuale del biossido di azoto No2 è a Cremona di 33 microgrammi per metro cubo (dati 2012), questo posizione il capoluogo al 18esimo posto tra le piccole città (sotto gli 80mila abitanti). Nel rapporto dell’anno scorso eravamo al 22esimo posto con un valore medio annuo di 35,5 microgrammi.

Per le polveri pm10 siamo (la graduatoria è sempre quella delle piccole città) al 28esimo posto (l’ultimo, non essendo disponibili i dati di diversi centri abitati) con una concentrazione media di 43,3 microgrammi per metrocubo (dati 2012). Eravamo al 28esimo anche nel rapporto dell’anno scorso, con valore però di 42 microgrammi per metro cubo.

Rischio ozono: Cremona 18esima, con 63 giorni di superamento del valore di 120 microgrammi per metro cubo. Nel Rapporto Ecosistema Urbano 2012 la nostra città era in una situazione peggiore, con 71 giorni di superamento.

CONSUMI DI ACQUA

Osservando i consumi idrici domestici pro capite contenuti nell’ultimo rapporto (i dati si riferiscono al 2011) siamo al 41esimo posto con 210,6 litri per abitante al giorno (proprio come nel rapporto 2012 su dati 2010). Ultima Lodi (45esima) con 239,9 litri. Nella graduatoria sulla dispersione della rete (dati 2012), ossia sulla differenza tra acqua immessa e acqua consumata per usi civili, industriali e agricoli, Cremona è seconda, con un il 12 per cento (nel rapporto 2012: quarta col 14 per cento). Ultima è Cosenza con il 68 per cento.

RIFIUTI

Per la produzione pro capite di rifiuti urbani, Cremona è 29esima (sempre tra le piccole città) con 530,4 chili per abitante l’anno (dati 2012). Nel rapporto dell’anno scorso era 30esima con 541,7 chili (dati 2011). Quanto alla raccolta differenziata, precisamente rifiuti differenziati (frazioni recuperabili) sul totale dei rifiuti prodotti, si parla del 45,9 per cento e della 19esima posizione. Nel rapporto precedente Cremona era 15esima con il 48,1 per cento di recupero.

CONSUMI ELETTRICI, TELERISCALDAMENTO E SOLARE

Consumi elettrici per uso domestico: Cremona 35esima tra le città sotto gli 80mila abitanti con 1204 KWH l’anno pro capite (dati 2011). I numeri sono gli stessi del rapporto dell’anno scorso. In coda Mantova con 1316. Fotovoltaico (dati 2012): capoluogo cremonese quinto con 9,32 KWH istallati su edifici comunali ogni mille abitanti (con 7,70 era terzo nel rapporto pubblicato l’anno scorso), prima Gorizia con 30,34. Solare termico (sempre dati 2012): Cremona al nono posto con 2,95 metri quadrati ogni mille abitanti su edifici comunali (situazione identica a quella del rapporto precedente). Teleriscaldamento: Cremona seconda con 75,52 metri cubi per abitante, dietro solo a Mantova (111,15 metri cubi per abitante), situazione simile a quella del rapporto precedente (secondo posto con 75,51 metri cubi).

TRAFFICO E MOBILITA’

Per veicoli circolanti Cremona è quinta con 57 vetture ogni 100 abitanti (dati 2012), mentre era ottava con 59 vetture nel rapporto scorso. Trasporto pubblico: Cremona 30esima con 17 passeggeri per abitante l’anno. Piste ciclabili: capoluogo cremonese quinto con 21,20 metri equivalenti ogni 100 abitanti (era quarto con 23,21 metri nel rapporto precedente).

L’indice di mobilità alternativa (che valuta con punteggi numerosi indicatori, come car sharing, mobility manager, piedibus-bicibus, controlli varchi Ztl, autobus a chiamata) è a 50 per Cremona, che raggiunge il settimo posto (era nona con 40 punti nel rapporto dell’anno scorso).

VERDE PUBBLICO

Per il verde urbano Cremona è 14esima con 18,27 metri quadrati di verde fruibile in area urbana per abitante (dati 2011). Era 19esima con 10,45 metri quadrati l’anno prima. Il capoluogo è poi 32esimo (sempre tra le piccole città e con dati 2011) per le aree verdi totali, con 446 metri quadrati (comprendendo tutte le tipologie di verde) per ettaro (erano 401 nel rapporto dell’anno scorso).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti