Commenta

Fratelli d'Italia pronti a lista autonoma "Perri si decida e dica chi è in squadra"

fratelli

foto Sessa

In attesa che il sindaco sciolga le riserve, se ricandidarsi o meno, i potenziali alleati di centrodestra premono per una decisione. “Noi non staremo ad aspettare fino all’ultimo momento utile per la presentazione delle liste, che il sindaco comunichi le sue intenzioni”, spiega Ugo Carminati, leader di Fratelli d’Italia e primo sostenitore della giunta Perri all’epoca del Pdl fresco di fusione tra Forza Italia e An. L’appoggio di Fratelli d’Italia non è incondizionato: “La nostra adesione dipende non solo da quello che deciderà di fare il sindaco, ma anche dai nomi delle persone che lo seguiranno in un’eventuale ricandidatura”. Inutile chiedere nomi e cognomi, ma il cerchio si stringe attorno all’attuale giunta, alla dirigenza che in questi quattro anni ha accompagnato l’azione amministrativa, oltre che alle scelte che il sindaco farà per rappresentare il Comune nelle società partecipate. Designazioni come Albertoni ad Aem e Galli in Centropadane sono stati bocconi amari da ingoiare nel centrodestra e Fratelli d’Italia mette in guardia.

Partito piccolo, ma con una fisionomia assai più definita di quella del Pdl, ancora incerto del suo destino e a rischio di scissione; partito, oltretutto, che alle elezioni amministrative (vedi il caso Lodi)  si è comportato meglio che non alle politiche. Fratelli d’Italia, che vede tra i nomi di punta in città lo stesso Carminati e Chiara Capelletti, è una componente di cui il centrodestra potrebbe avere un gran bisogno a Cremona, considerato che il solo Pdl (ammesso che resti unito) non basta a vincere e un alleato importante come la Lega Nord non ne vuole sapere di un alleanza con Perri come candidato (tanto che sta lanciando Zagni).

“La candidatura di Perri pone in sé delle problematiche”, afferma ancora Carminati. “A questo aggiungiamo che non è chiaro chi starà con lui e chi non ci starà. Fratelli d’Italia non starà semplicemente a guardare. Abbiamo i nomi per presentare una nostra lista e un nostro candidato e stiamo dialogando con altre forze”. La Lega Nord, ad esempio, come accennato acerrima nemica del sindaco in carica. Che a questo punto sembra sempre più stretto dalla necessità di prendere una decisione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti