Commenta

Bond territoriali, già chiuse sottoscrizioni per 5 milioni

banca -evid

Si è chiusa con due settimane di anticipo l’integrale sottoscrizione dei 5 milioni di euro del Bond del Territorio, il prestito obbligazionario – a 3 anni a tasso fisso, 2,60% lordo – che la Banca Popolare di Cremona e la Banca Popolare di Crema hanno messo a punto in condivisione con la Camera di Commercio di Cremona. I fondi raccolti col Bond del Territorio sono, già da questa settimana, interamente a disposizione delle aziende della provincia: grazie al Bond del Territorio è stato infatti costituito un plafond di finanziamenti pari a 10 milioni di euro, generato attraverso il principio della “leva 2”, cioè raddoppiando l’ammontare sottoscritto dai risparmiatori. I finanziamenti erogabili a valere su questo plafond saranno di durata fino a tre anni, da un minimo di 10.000 a un massimo di 500.000 euro a tasso sia variabile che fisso, e potranno essere utilizzati per investimenti, progetti di crescita, internazionalizzazione, sviluppo del business e a supporto al capitale circolante. I finanziamenti sono disponibili per tutte le categorie produttive: dalle industrie, agli artigiani, ai commercianti agli agricoltori. La Banca Popolare di Cremona e la Banca Popolare di Crema grazie a questo intervento applicano al rapporto raccolta – impieghi un vincolo di territorialità: una formula “Km zero” con cui le risorse originate dagli investimenti dei risparmiatori, che sono stati in massima parte privati, vengono reimpiegate direttamente nella medesima area geografica: a sostegno dell’economia locale. La Camera di Commercio di Cremona, nel quadro del progetto, riveste un importante ruolo di raccordo tra le associazioni di categoria e gli imprenditori. Non soltanto: l’organismo camerale ha partecipato direttamente in maniera rilevante alla sottoscrizione del Bond del Territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti