8 Commenti

Ecco i cremonesi nella convenzione nazionale Pd

pd

Lunedì sera si è tenuta la convenzione provinciale del Partito democratico, con il compito di ratificare i risultati emersi dai congressi dei circolo e votare la proposta di lista dei delegati che parteciperanno alla convenzione nazionale di domenica 24 novembre che, per la provincia di Cremona, sono cinque. Per quanto riguarda i risultati, ricordiamo che i votanti sono stati 941 su 1860 aventi diritto, pari al 50,50%. Cuperlo ha ottenuto 426 voti pari al 45,91%, Renzi 370 voti pari al 39,87%, Civati 125 voti pari al 13,37% e Pittella 7 voti pari allo 0,75%. Pertanto i delegati alla convenzione nazionale sono stati ripartiti nel seguente modo: 2 per la mozione Cuperlo, 2 per la mozione Renzi e 1 per la mozione Civati. I delegati, votati all’unanimità, sono Roberto Galletti e Teresa Caso per la mozione Cuperlo, Francesca Pontiggia e Gianluca Savoldi per la mozione Renzi e Vittore Soldo per la mozione Civati. La convenzione provinciale è stata molto partecipata. Oltre ai 120 delegati erano presenti anche altri iscritti, portando la partecipazione a circa 170 presenti. La serata, introdotta dal segretario provinciale Matteo Piloni con una breve relazione sia sui dati dei congressi, ma soprattutto sul contesto nazionale e sugli appuntamenti locali, a partire dalle amministrative del prossimo anno, è proseguita con l’intervento dei 3 referenti dei comitati provinciali, lasciando poi lo spazio al dibattito. Ora l’appuntamento è con le primarie dell’8 dicembre, per le quali la macchina organizzativa è già al lavoro con l’obiettivo di conferma dei 100 seggi organizzati lo scorso anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Indignata

    Renzi l’ho sentito parlare di rifiuti ed è a favore degli inceneritori, davvero coerente Francesca Pontiggia, come fa a rappresentarlo? La politica è davvero una cosa sporca.

  • Alessandro P.

    Renzi l’ho sentito parlare anch’io, e anche se non condivido al 100% il suo programma,ritengo che sia una valida occasione di rinnovamento del partito.
    Per quanto riguarda la sig.ra Pontiggia non posso che sottolineare di averla conosciuta personalmente nelle manifestazioni, e di averla vista all’ opera su temi scottanti come inceneritore, rifiuti e acqua Pubblica, e a differenza di molti metterci sempre la faccia ed esporsi in primo piano senza mai arretrare o cambiare idea.
    Sono sicuro che porterà avanti le sue idee e i suoi progetti all’interno del partito per cercare di portare avanti quel cambiamento che tutti si aspettano.

  • Regista
    • Alessandro P.

      Appunto una persona capace e coerente come la Pontiggia non può che far prendere coscienza ad un intero sistema che alcune cose vanno cambiate. Direi che è la persona giusta al posto giusto.
      Poi non è che Renzi, anche se è a favore, può costruirli cosi come meglio crede. Visto che poi l’Europa si sta spostando sul rifiuto come risorsa non vedo perchè non lo si possa fare anche noi. E non vedo perchè idee migliorative non possano essere recepite da Renzi.

      • Regista

        ma allora perchè lo vota? per avere quale vantaggi? (intendo Renzi ed i vantaggi sono riferiti ai bisogni pubblici). Lui sostiene il contrario della Pontiggia, è serio quello che dice?

  • Diego

    renzi renzi renzi renzi, grande pontiggia

  • marco

    Da quaderni corsari: “Cattolica arrabbiata con la Chiesa perchè continua, più o meno direttamente, a sostenere politici che non hanno nel programma l’abolizione del fiscal compact”, oggi sostiene Matteo Renzi uno dei principali sostenitori del fiscal compact, cosa non si fa o cosa si fa per la politica.

  • jena

    …a dire il vero i renziani sono quelli che a Cremona stanno cercando di spegnerlo l’inceneritore…e guarda caso sono politicamente contrapposti a colui che invece vorrebbe allargarlo l’inceneritore…LUI…IL LUCIANONE PIZZETTI