35 Commenti

Festa del Torrone, 230mila presenze Ti è piaciuta la versione da 9 giorni?

sondaggio

Il giorno dopo la Festa del Torrone in versione extra large, da nove giorni, è tempo di bilanci. Questi i numeri comunicati dagli organizzatori: 150mila persone nel primo weekend, 80mila nel secondo. Totale 230mila visitatori. “La sfida è stata vinta”, è stato il commento dell’assessore Nicoletta De Bona, del responsabile di Sgp Eventi Stefano Pellicciardi e dei main sponsor, entusiasti per la riuscita dell’evento. Numeri a parte, non sono mancate però le polemiche sulla durata della festa e sulle modifiche alla viabilità che questa ha comportato. ‘Una sfida vinta da chi?’, scrive una lettrice sulla pagina Facebook di Cremonaoggi. ‘Sopratutto per i diversamente abili che hanno subito la questione traffico-parcheggi’, un altro post. E ancora, ‘Nove giorni, durante la settimana il vuoto’. Dunque, a luci spente, Cremonaoggi lancia un sondaggio per conoscere cosa ne pensino i lettori. La formula maxi della Festa del Torrone è quella giusta?

Ci scusiamo, non ci sono sondaggi aperti.

Il sondaggio rimarrà aperto fino a domenica 1 dicembre

Modalità di voto
E’ possibile un solo voto per ogni rete internet per evitare che qualcuno vanifichi il sondaggio votando più e più volte. Dunque se vi collegate da un ufficio o da casa e qualche collega o qualche parente ha già votato vi comparirà che il vostro voto è già stato conteggiato. Per ulteriori chiarimenti scrivete a redazione@cremonaoggi.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Una che legge

    Ti è piaciuta la Festa del Torrone nella formula dei nove giorni?
    NO 80%
    SI 20%

    e poi vi domandate perchè Cremona è una città che cola a picco dove il tasso di popolazione è principalmente composto da anziani…. il problema sonoi Cremonesi… contadini privi di voglia di vivere e con ragnatele nel cervello…

    poi però se le cose non funzionano e i negozi chiudono… “ODDIO LA CRISI”… IMPICCATEVI, fareste prima… PAESANOTTI DI PERIFERIA… BRAVI SOLO A CRITICARE CON IL VOSTRO CULONE PERENNEMENTE SUL DIVANO DI CASA….

    Caro il mio cremonese… o cambi o diventerai una specie in via di estinzione… per certi punti forse sarebbe anche meglio…

    il torrone per cho ha votato no, se lo meriterebbe su per il…

    • unachescrive

      Finalmente una bella riflessione che scansa i luoghi comuni. Sono colpita dalla profondità dell’analisi.

    • eh,mi sa che in questi 9 giorni eri tu col tuo culone sul divanone!
      io che abito nei pressi del centro città posso dire che la vera festa è durata 4 giorni,i 2 week end..poi dal lunedi al venerdi deserto totale.nessuno fra i banchi e nessuno che comprava!!!se si tengono conto 9 giorni interi di festa,bè,devo dire che è stato un buco nell acqua!se contiamo invece i 2 week end,è stato un vero successone nonostante il maltempo.la gente e la ressa cè stata solo il sabato e la domenica..

    • leonardo

      concordo a pieno tutti i cremonesi che criticano questa cosa sono una massa di coglioni che manco si alzano dalla poltrona e che se nn possono parcheggiare sotto casa si impiccano , ma svegliatevi fuori che nn c’è mai niente in questa città morta e una volta all’anno in cui Cremona si distingue nel mondo perchè è la migliore voi sapete solo lamentarvi ma andate a impiccarvi va

  • Unochehaifattoridere

    Questa si vede che ha studiato…dalle suore vero??

    • Una che legge

      Le chiedo scusa per aver offeso la sua sensibilità così profonda e fragile.
      Ma sono atea… quindi le suore le evito a prescindere.

  • m.

    Da quando votare un si o un no è sintomo di paesanottismo? Prima di parlare magari domandati perché si vota in tal modo mia cara invece di sparare a zero!

    Comunque mi sarebbe piaciuta se non l’avessi praticante saltata a piè pari non volendo contribuire ad alimentare l’andazzo comunale del nepotismo dilagante di questa “festa”. Quando inizieranno ad assumere persone senza vincoli di parentela con i dipendenti comunali allora forse ci farò un pensiero.

    • Una che legge

      da quando il si e no giudicano una manifestazione… e secondo me… uno che vota no con la crisi e tutto quello che ha portato invece la festa… devi solo essere o ignorante oppure paesano… cioè che capisce solo quello che succede nel suo bel paesello… uno dei problemi di questa città…

      cioè il cremonese…

      il nipotismo… tesoro sei in Italia… ti ricordi????
      il PDL chi l’ha votato??? e comunque quello non riguarda la festa del torrone come faro su cremona nella notte… ed è comunque sempre colpa della mentalità paesana che citavo prima…

    • tua madre

      da quello che dici sei porpio un coglione io lavoro da 5 anni alla festa e nn c’ è nessun nepotismo coglione , gli organizzatori della festa assumono i dipendenti in modo mirato e chiamno sempre quelli che hanno gia avuto esperienze simili ho esperienza nella festa stessa come me , vedete di nn parlare a vanvera che fate solo figure di merda paesani del cazzo che se siamo nella merda a cremona è colpa di tutti voi che pensate come dei coglioni in madria , un vacca da latte ha più senno di poi di tutti i coglioni che hanno votato no a questo sondaggio andate a spalare la merda coglioni che vi piace

      • luciano

        ma che commento arguto sia quello di una che legge sia quello di tua madre..
        Ma dove avete imparato l’educazione? al kavarna? al chocolat? forse vi conviene cercarvi qualche amico… magari i venditori abusivi a cui hanno sequestrato le borse sono disposti a tenervi compagnia a pagamento…
        Poi scusate se ve lo dico ma avete il linguaccio titpico di chi con la pupù ci desina abitualmente……

  • CREMONESE DOC

    Parere personale, c’è ne fossero di eventi come questo che vivacizzano una città ormai morta, peccato per la pioggia di sabato altrimenti saremmo arrivati a 300mila persone!
    9 giorni sono tanti, ma la formula andrebbe rivista, non bocciata, se mai correggere la viabilità durante la settimana anche se, fare 2 passi non fa mai male, ci sono cremonesi che si lamentano perché non possono parcheggiare sotto il Duomo poi quando sono in altre città apprezzano le zone pedonali e fanno km a piedi!
    Ho sentito amici turisti entusiasti e sfido chiunque a dire che non era bello vedere quel fiume di gente in città, poi però si sa, sappiamo solo lamentarci, un classico per un paese agricolo!
    Una nota negativa i molti venditori ambulanti nonostante le promesse dell’assessore, si vantano per 30 borse sequestrate, ridicoli!!!

    • Gilberto

      Condivido al 100% il commento!

    • Diretur

      quoto

  • A parte il ladrocinio dei prezzi lievitati a dismisura per il torrone e i suoi derivati ,il resto manifestazione riuscita .certo a cremona siamo provinciali ma miglioreremo!!

  • CREMONESE DOC

    Vedi roby27, mi sa che col culone sul divano ci sei rimasto tu, non basta abitare vicino al centro per commentare, bisogna viverci o lavorarci!
    Durante la settimana la festa e’ servita alle scuole materne ed elementari, poi concordo che ci fosse poca gente, complice il tempo, la pigrizia dei cremonesi e dei pochi eventi coinvolgenti.
    Ecco, io migliorerei qui, 9 giorni va bene, però favorire la circolazione durante la settimana e creare qualche evento per coinvolgere i pigri cremonesi!
    Quindi, sicuramente non un deserto, soprattutto la mattina, pomeriggi e sera possono solo migliorare, lamentarsi e’ da folli!

  • MONICA

    noi commercianti di corso garibaldi non abbiamo lavorato perchè mancano i parcheggi.

  • CREMONESE DOC

    Non credo che i turisti accorsi fossero interessati a fare acquisti nei negozi, oltretutto neanche resi accattivanti con vetrine a tema per l’occasione (non tutte), l’aver tenuto aperto, vi fa onore, ma se pensavate di fare affari, dubito del vostro spirito imprenditoriale!
    Quindi, Cara Monica, incolpare i parcheggi e’ una mossa scorretta, in C.so Garibaldi e’ passata una marea di gente, se non sono entrati in negozio, fatti delle domande senza incolpare nessuno!

  • Birba

    Da hostess che ha partecipato all intera manifestazione non posso che confermare il suo successo nonostante il tempo in alcune giornate non sia stato favorevole.finalmente in città si sono viste facce e gente nuova.certo che se il parcheggio di piazza Marconi fosse stato gratis e ogni banchetto avesse regalato consistenti gadget i cremonesi a quest’ora non farebbero che osannare questa manifestazione .vorrei ricordare inoltre che durante l’aviaria lo stand dove regalavano i polli a mezzogiorno era stato praticamente saccheggiato nonostante i timori del contagio .ben vengano quindi queste manifestazioni che portano turisti a Cremona .un ringraziamento va al Sindaco PERRI che ha avuto il coraggio di chiudere il centro nonostante le critiche per 9 giorni .

  • joduro

    Scusate ma il successo di una festa come questa si misura anche su un bilancio….quanto è costata? quanto ha portato alla citta? vedere la folla che cammina per voi è un successo?? bene! facciamola di 15 giorni l’anno prossimo no?

    poi le bancarelle tutte uguali!!!!!!!!!!!!! e il mitico banco dei dolci siciliani il padrino(questo si fa tutte le feste di italia!!)

    200.000 persone? facciamo 500.000 tanto su che parametri possono fare questi numeri? possiamo saperlo?…

    • aiutolahostess

      Te lo spiega la hostess, vista la sua analisi deve essere laureata. Io concordo pienamente, 99% degli stand non di Cremona e per nulla inerenti al torrone. Io proporrei al sindaco, per l’anno prossimo, di fare in piazza del Duomo, e per un mese, la fiera del bestiame. Abbiamo la Fiera a Cà Dè Somenzi……….ricordatevelo.

    • per gli organizzatori le presenze son state di 230mila visitatori(!?),per la questura 30mila;-)

      • tua madre

        tutti i cremonesi che criticano questa cosa sono una massa di coglioni che manco si alzano dalla poltrona e che se nn possono parcheggiare sotto casa si impiccano , ma svegliatevi fuori che nn c’è mai niente in questa città morta e una volta all’anno in cui Cremona si distingue nel mondo perchè è la migliore voi sapete solo lamentarvi ma andate a impiccarvi va… e se nn te lo spiega la hostes te lo dico io coglione che ho fatto il magazziniere i banchetti sono tutti inerenti al torrone al massimo ce ne sono 4 o 5 su 100 che sn alternativi primo , secondo dalla tua analisi invece si verifica che sei un babbo coglione che manco ha la terza media e nn riesce ad apprezzare la propria città manco qnd viene valorizzata in tutto il mondo invece di criticare provate a viverla sulla vostra pelle invece di commentare pensando di essere i migliori solo xkè mettete 2 commenti siete solo dei pagliacci che manco vi meritate di essere di cremona paesani pieni di merda

        • Diretur

          A parte i toni, il concetto di fondo è condivisibile.

  • Birba

    Da laureata ho partecipato alla festa pur di guadagnare .cremona e ricordata su certe stampe medioevali con il mercato del bestiame in piazza duomo e immagino che per lei tale deve restare cremonesi contadini scarpe grosse e cervello …..assente.

    • il moralizzatore

      Lei sarà anche laureata, ma visto che ci tiene così tanto al suo titolo le ricordo un corretto uso della punteggiatura.

      • Birba

        Si vuole sempre cercare il pelo nell’uovo e non ci si accorge della trave nel c…

  • Gianluigi

    Vedo che il dibattito ha raggiunto, in certi momenti, un livello veramente eccellente. Devo confessare che questo piccolo scempio non fa certo onore al giornale, ma tant’è: alla fine, però, mi sono deciso a scrivere 2 righe anch’io. Non me ne vogliano gli illustri commentatori che discettano sulla culona o sulla coglionaggine, ma la mia riflessione riguarda un po’ più da vicino l’essenza (a mio parere) della Festa. Ho letto, su altra testata cremonese (dove l’ambiente dei commentatori mi sembra un po’ meno salace di questo) degli interessantissimi articoli sulle origini del torrone; da alcune indiscrezioni, raccolte qui e la tra gli amici e conoscenti, sembra che questi documenti storici abbiano infastidito o deluso chi era convinto che Cremona fosse la PRIMOGENITA del torrone. Alla luce di questo,mi chiedo e chiedo: “Cremona deve essere o no orgogliosa della primogenitura del torrone?” Nel caso auspicabile che la risposta sia affermativa chiedo ancora: ” vista la varietà di torroni presenti all’esposizione, qual’è il vero TORRONE DI CREMONA? era presente in Festa? E’ stato reso ben visibile?”. Io la risposta l’avrei, ma preferisco aspettare i suggerimenti dei vivaci lettori di questo articolo.
    Grazie per l’ospitalità.

    • Diretur

      I commenti sono spettacolari.. mi chiedo perchè attivare un filtro se poi passano certe cose.
      Ad ogni modo, sul quesito la mia opinione è che sotto il nome “torrone” si nascondano tante varianti locali di cui quella cremonese ha avuto il miglior destino.

  • Birba

    Cremonesi tenete duro fra pochi mesi riapre la festa di…..qualsivoglia partito dove potrete trovare salamelle belle unte e le cornie servite da graziose pin-up e dopo aver deliziato il vostro palato potrete lanciarvi in gossip su vecchi o nuovi amministratori lamentandovi dei bei tempi passati…..tenete duro cremonesi il Torrone non è tutto nella vita ….

  • Gianluigi

    La risposta del Diretur ha una sua logica fondata, ma temo non poter concordare sul “miglior destino”. Forse non siamo molto a conoscenza di altre realtà “locali”, (ma non troppo)che stanno galoppando e che non escludo possano riservare sorprese a chi riposa sul sogno di questi migliori destini. Si deve riflettere profondamente sul senso autentico dell’origine e della sua potenzialità, anzichè risentirsi, come è accaduto a qualcuno. Non dobbiamo andare lontano…chi dice prosciutto crudo dice prosciutto di….è ovvio; abbiamo molte varianti di prosciutto crudo, ma quello per antonomasia è quello di Parma. Ma attenzione!! non è stata assolutamente questione di destino, ma frutto di un impegnativo intenso sudato lavoro sul prodotto, che oggi non sembra temere rivali (salvo la crisi economica); senza ricorrere a leggende, i produttori parmensi si sono rimboccati le maniche, hanno superato i provincialismi e si sono consorziati…per offrire un prodotto che ben rispondesse all’immagine che si è creata e che fosse in grado di essere riconosciuto: “il Prosciutto di Parma” è soltanto questo! Chi vuole può acquistare altre versioni (contento lui di fare il pieno di nitriti..) lo faccia pure liberamente. Accanto a questo solido riferimento ce ne possono stare anche altri,sfruttando l’effetto traente: ma che sarebbero senza questo mito? Purtroppo nel caso del torrone mi sembra di scorgere un percorso al contrario (salva un’eccezione)…
    Opinioni, naturalmente
    Prof. Gianluigi Scolari
    Università Cattolica

    • Claudia Cremonesi

      Dietro a successi commerciali come quello che Lei ha citato lavorano agenzie di esperti, sia nel campo della comunicazione, sia in quello del mktg, staff di creativi, managers di alto profilo nel settore commerciale/finanziario, società di indagini di mercato, gruppi di ricerca sul prodotto… Un livello di professionalità mai visto nel nostro territorio che, nonostante i flops, continua a scegliere strade sbagliate senza raggiungere risultati di immagine, e men che meno commerciali. I consorzi sono sicuramente una strada da percorrere, Spagna e Francia insegnano, ma occorre anche investire, come si fa in ogni serio progetto di marketing, a supporto delle strategie aziendali. Un maestro come il dr. Ganapini ha saputo diversificare la produzione di Barilla, in tempi di grave crisi economica, e creare un mostro sacro della storia della comunicazione integrata: Mulino Bianco. Il Prosciutto di Parma è ricordato per essere “quello dolce” prima che per il Consorzio, così come altri brand di successo che sono entrati a far parte del quotidiano delle famiglie non solo italiane. Quali siano le logiche che suggeriscono ai nostri amministratori di scegliere le attuali strategie di comunicazione turistico-commerciali, per chi mastica la materia, sono incomprensibile o forse esistono variabili che a noi comuni mortali sono sconosciute. Chissà che questa esperienza non serva a riflettere e a far cambiare rotta, mettendo d’accordo pubblico, aziende e mercato.

  • m.

    Caro tua madre, prima cosa coglione lo dici a tua madre per l’appunto o a chi evidentemente non ti ha bastonato abbastanza da piccolo per insegnarti l’educazione.
    Seconda cosa, ho prove fondate di quello che dico e fidati, che sono fondatissime.
    Terzo, la festa ben venga non ho nulla in contrario caro paesano, soprattutto se porta turismo e entrate.

    Ma tanto hai letto quello che ti pareva facendo il pecorone sboccato dando della pecora segui mandria a me.

    Saluti.

    • sì ma le banane dove le metto?

  • Giorgio

    Tua madre:
    Da cinque anni alla Festa del Torrone?
    Allora saprai meglio di noi tutti che magazzinieri e hostess vengono presi esclusivamente su raccomandazione, mentre i ragazzi stessi che organizzano la manifestazione cambiano ogni anno perché a fine evento scappano a causa della paga da fame (pare prendano più le hostess in un week end che loro in un mese).

    Roby27:
    Suvvia, è cosa risaputa che ognuno tiri acqua al suo mulino. La SGP Eventi organizza ogni anno anche la festa del torrone di Benevento che però, pare, quest’anno è stata parecchio deludente. Almeno qui a Cremona devono cercare motivo di lode.

    Ora ho io qualche domanda interessante.
    Siamo tutti d’accordo che Cremona deve agire, svegliarsi, riattivarsi e riempirsi di vita. Perché allora non ci si affida alle energie locali?
    Perché affidarsi a organizzatori di un’altra città? (e non venitemi a parlare di bandi, che lì sì che ci sarebbe da dire).
    Perché per la rievocazione storica è stato ingaggiato un gruppo modenese anziché cremonese o comunque della zona?
    Quanto è stata pagata la SGP per l’intera organizzazione (o quanto ricava su ogni prodotto venduto)?

    Riflettiamo.

    • Gianluigi

      Perfettamente d’accordo con Giorgio! soprattutto in relazione all’invito: -riflettiamo-.
      Le possibili risposte alle sue domande si inquadrano puntualmente nel nostro “localistico provinciale” concetto di tipicità e autoctonia. Il commento di Giorgio mi rafforza nella convinzione che non abbiamo (finora) le gambe per sorreggerci da soli.
      La festa del torrone di Benevento, organizzata da SGP ha fatto flop?!? E di chi sarà la responsabilità? Si corre il rischio che accada anche a Crempona? RIFLETTIAMO.
      Ora che è calato il sipario, cerchiamo di smorzare i toni enfatici ed evitiamo di spegnere tutto(…perché così succederà).
      Ancora una domanda: perché nelle precedenti e meno “fortunate” edizioni ho registrato negli espositori una significativa presenza straniera (incluso il Consorzio del torrone Spagnolo), mentre nella “succesful” edizione del 2013 era presente soltanto un espositore Spagnolo (con un insignificante personale italiano)? RIFLETTIAMO.
      Altre domande le ho già fatte e ho molto apprezzato il contributo della Dott.ssa Cremonesi. E però aggiungo: le “spietate”, ma serie restrizioni del consorzio del Prosciutto (PR) hanno reso talmente forte l’immagine del prodotto che attualmente si può permette di non essere più “quello dolce”…
      Allora: è sufficiente la primavera della “Festa del Torrone” a farne un prodotto unico? Io non so dare una risposta, ma il mio personale parere è: no! Motivo?: immaginiamo che il mercato del torrone possa ingolosire i “competitors” nazionali e stranieri, oppure che si vogliano conquistare quote di mercato; quanto si pensa che possa reggere l’urto della concorrenza quel prodotto molle con canditi che produce persino l’ “Isola Dolce Due” di Lainate? Se quella è l’innovazione nel rispetto della tradizione del dolce tipico cremonese ho l’impressione che siamo col sedere a terra! Basteranno agenzie di esperti nel campo della comunicazione, del mktg, di creativi, managers ecc.? Forse che questi potenziali strumenti sono soltanto esclusività nostra? Se la battaglia si combatte con queste armi e non sulla SINGOLARITA’ del prodotto, mi spiace, ma la vedo persa… RIFLETTIAMO.
      Altro che Distretti del Dolce…anche lo zucchero della mitica Eridania è dolce.
      PS non si potrebbe togliere quel simpatico su e giù dell’immagine che ci costringe a diventare esperti di balistica?